Capelli ricci | come asciugarli a casa senza gonfiarli

0
79

I capelli ricci non sono sempre facili da gestire, perchè durante l’asciugatura si possono gonfiare, quindi è importante prestare attenzione dalla fase di lavaggio.

Capelli
Capelli ricci Foto:Adobe Stock

I capelli ricci non sono sempre facili da gestire soprattutto durante l’asciugatura, perchè c’è il rischio che si possano gonfiare, se non si utilizzano dei prodotti specifici. Non esistono una solo tipologia di capelli ricci, quindi bisogna dedicare il giusto tempo e prodotti specifici, per ognuno. Non tutte le donne sanno asciugare i capelli ricci, definendo la chioma senza farla gonfiare.

I capelli ricci, rispetto a quelli lisci hanno bisogno di particolari attenzioni, iniziando dal lavaggio fino all’asciugatura. In commercio esistono diversi prodotti per definire lo styling, ma se vengono utilizzati in modo sbagliato, possono dare un risultato insoddisfacente.

Questi capelli non sempre sono facili da gestire, possono diventare crespi e non definiti, sfoggiando una chioma da leonessa. Il capello riccio perfetto si può avere solo se seguite  i nostri consigli, così da avere una chioma ben definita ma anche nutrita.

Scopriamo come fare leggendo attentamente questo articolo.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Capelli sani e forti con i rimedi naturali | segui i consigli

Capelli ricci ben definiti: iniziare dallo shampoo

donna capelli ricci
Capelli ricci Fonte:iStock Photo

Avere una chioma riccia ben definita e non gonfia e soprattutto in ordine, non è difficile, quindi donne non fatevi prendere dallo sconforto, anche se non potete recarvi dal vostro hair-stylist, potete farlo a casa da sole. Prima di pensare alle tecnica adatta per asciugare i capelli, si deve puntare su uno shampoo fatto bene e con prodotti specifici.

Non deve essere aggressivo, inoltre dopo averlo fatto, va sempre utilizzato un balsamo specifico e prodotti per definire lo styling, per poi passare all’asciugatura.

Ecco come procedere con il lavaggio:

  • scegliere uno shampoo naturale senza sostanze aggressive
  • deve essere uno shampoo adatto al tipo di capello: secco, grasso, misto, sfibrato o con forfora.

Bagnate i capelli con acqua tiepida, poi applicate lo shampoo adatto, su tutto il cuoio capelluto, e massaggiate delicatamente, con i polpastrelli. In questo caso, potete mescolare lo shampoo all’olio di cocco, così da ammorbidirli di più.

Il consiglio è di non dedicarvi troppo alle punte, perchè rischiereste di rovinarle e di elettrizzarle, poi sciacquate bene i capelli con acqua tiepida.

Applicate il balsamo adatto al vostro capello, insistendo soprattutto sulle lunghezze, se i capelli sono lunghi, se sono corti non ha senso. E’ consigliato un balsamo districante se avete i capelli secchi, utilizzate il latte, poi lasciate agire per 5 minuti.  Non dimenticate mai di applicare il balsamo perchè ha un ruolo molto importante, in quanto ammorbidisce il capello e lo distende.

Poi sbrogliate i nodi con le dita, delicatamente, dividendo in più sezioni i capelli, poi pettinateli, utilizzando un pettine, dai denti larghi. Iniziate dalle punte e procedete verso il basso, se notate che avete difficoltà, potete applicare un altro pò di balsamo o un pò di olio di cocco.

Adesso sciacquate i capelli con abbondante acqua e fate solo l’ultimo risciacquo con acqua fredda così da chiudere le squame mantenendole idratate. Ricordate che anche pochi residui di balsamo, possono appesantire i vostri ricci rendendo più difficile l’asciugatura.

Avvolgete i capelli in un asciugamano di cotone o in microfibra, senza strizzarli perchè potete rompere la fibra dei capelli. Se volete capelli più morbidi e d elastici, vedete l’articolo dedicato al metodo del plopping (clicca qui per vederlo).

Definire i capelli e poi asciugarli

Districare capelli
Prodotti per definire i capelli ricci Fonte: iStock Photo

Dopo aver lavato e applicato il balsamo, si passa all’asciugatura, ma è importante definire i capelli umidi con una mousse ad alta definizione. Basta applicarne una noce sulle lunghezze e punte, stropicciando i capelli, in questo modo si evita l’effetto crespo, donando il giusto volume evitando che i capelli si possano gonfiare durante l’asciugatura.

La mousse si può utilizzare in diversi modi, esaminiamo nello specifico:

  • ricci e mossi effetto naturale: si consiglia di applicare la spuma solo sulle radici così da dare sostegno e volume;
  • riccio definito: la mousse va applicata su tutta la lunghezza, compresa le punte;
  • lisci che volete realizzarli ricci: dopo aver applicato la mousse pettinate i capelli con i pettini a denti larghi. Se la chioma è lunga e folta, potete creare il così detto un effetto “beach” applicando la spuma su tutta la capigliatura, poi fate due trecce laterali e le asciugate. Poi le sciogliete e smuovete i capelli a testa in giù.

In entrambi i casi la mousse va applicata sempre sui capelli umidi e asciugati un pò con l’asciugamano, se ne deve mettere sempre poca e distribuirla velocemente con le mani. La mousse comunque assicura una tenuta leggera che non va ad appesantire i capelli, ma si può usare una lacca o un gel per definirli ulteriormente.

Passate adesso all’asciugatura, è inutile ribadirlo che il capello riccio è preferibile asciugarlo al sole, ma questo non è possibile durante le stagioni fredde. Esaminiamo i due casi, come asciugarli in inverno e in estate.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Oli naturali per la cura dei capelli | Scegli quello più adatto

1- Asciugare in inverno: basta avere un phon e diffusore, quest’ultimo evita proprio che i capelli possano gonfiarsi. Impostate sulla velocità media e temperatura elevata, dovete definire la fila, poi asciugate un pò i capelli a testa alzata e poi l’abbassate. Le punte non vanno toccate durante l’asciugatura perchè tendono a seccarsi e sfibrarsi. Quando asciugate i capelli, dovete concentrarvi sulla lunghezza e radice, non appena avrete completato, alzate la testa e sistemate di nuovo la fila. Asciugate la chioma, raccogliendo i ciuffi nel palmo della mano, se volete utilizzate uno poi asciugate, quando avrete finito, liberate i capelli, scuotendo la testa.

2 – Asciugare in estate: si possono benissimo asciugare al sole, così non si gonfieranno e si eviterà il crespo. I capelli vanno asciugati in un ambiente dove c’è poca umidità, altrimenti avrete una chioma gonfia e non definita. Evitate se c’è il vento e inoltre
dovete avere pazienza perchè il tempo richiesto va dai 20 ai 40 minuti, dipende dalla lunghezza dei capelli.

Errori da evitare e consigli da seguire

capelli deboli
Capelli Fonte:iStock Photo

Ci sono degli errori che si commettono durante l’applicazione della mousse e del fissante, scopriamo quali.

  • Mettere troppa mousse o spuma per definire i capelli: perchè si pensa che mantiene una durata maggiore, ma ciò non è vero.
  • Non pettinare dopo l’applicazione della mousse: è necessario farlo, così da distribuire uniformemente il prodotto.
  • Applicare la mousse a capelli asciutti: se volete farlo per definire al meglio la chioma, non dovete pettinare, così da evitare un effetto crespo ed opaco.
  • Usare i prodotti che contengono alcool: in particolare gli spray o le mousse ne contengono di più, e possono gonfiare le cuticole. Poi vanno a disidratare i capelli, che tenderanno a spezzarsi e a gonfiarsi. Magari optate su creme e sieri.
  • Non fare mai maschere e impacchi per idratare i capelli.

SULLO STESSO ARGOMENTO:Maschere per capelli secchi e fragili da fare a casa| Scopri come

Balsamo per capelli
Balsamo per capelli Fonte:iStock Photo

Si consiglia invece di:

  • spruzzare uno spray lucidante e distribuirlo con il pettine, così da avere una messa in piega perfetta;
  • raccogliere i capelli quando c’è maggiore umidità;
  • utilizzare l’arricciacapelli: non si fa riferimento ad un uso prolungato e costante, ma ogni tanto, si può, basta avvolgere i capelli svolazzanti intorno a un ferro arricciacapelli. In questo modo li terrà a bada e li renderà meno crespi.