Pasqua ai tempi del Coronavirus | Tra tradizioni culinarie e uova dipinte

Pasqua è l’appuntamento primaverile più atteso per condividere la convivialità della tavola con i nostri cari apprezzando i riti, le tradizioni culinarie, dalle uova dipinte ale ricette con l’agnello. Una festa a casa, in famiglia, tra buon gusto e fantasia! Godiamo di questa ricorrenza ai tempi del Coronavirus.

Pasqua
Pasqua ai tempi del Coronavirus | Tra tradizioni culinarie e uova dipinte (AdobeStock photo)

La Pasqua, oltre al Natale, è sicuramente una ricorrenza da trascorrere in famiglia, tra giochi con i bambini, caccia all’uovo casalinga, abbiamo tutto il tempo per organizzare un pranzo con delle ricette a tema e godere della celebrazione più importante della Cristianità. Una data mobile che però abbraccia sempre il periodo primaverile, vi proponiamo di seguito una lettura interessante che riguarda le tradizioni culinarie e i vari simboli pasquali. Pasqua ai tempi del Coronavirus, tra tradizioni culinarie e uova dipinte.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Pasqua prove generali | Colomba veloce gianduia e altre ricette

Pasqua ai tempi del Coronavirus | A casa senza perdersi d’animo!

Pasqua ai tempi del Coronavirus
Pasqua ai tempi del Coronavirus | A casa senza perdersi d’animo!  (AdobeStock photo)

Siamo pronti ad affrontare una Pasqua e una Pasquetta a casa senza lasciarli travolgere dalla tristezza di non poter uscire, ebbene sì, possiamo riuscire sprigionando un tantino di fantasia! Possiamo addobbare per bene la nostra casa, renderla deliziosa, imbandire la tavola con oggetti fai-da-te creati per l’occasione, dedicarci alla preparazione di moltissimi piatti tipici e di sicuro avremo pochissimo tempo per pensare e molto per impiegarlo in maniera sana, costruttiva e spensierata.

Per non parlare poi dei giochi che si possono organizzare per i più piccoli. Ultimamente ci danno un gran da fare, perché tenerli in casa h24 da moltissimi giorni non è affatto facile, lo sappiamo! Ma possiamo stuzzicarli e tenerli impegnati curiosando tra i tanti giochi che si possono fare a casa, motivarli a leggere, ad imparare e sperimentare la loro creatività.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Leggere ci rende vivi | Una lista di libri tutta per voi

Molti di noi saranno costretti a rimanere distanti dalle loro famiglie, magari soli, ma è proprio quello il momento giusto per caricarsi di forza, organizzare i pasti, la giornata in generale, e usare tutti i mezzi possibili per farci sentire accanto ai nostri cari, le videochiamate possono essere un’ottima alternativa per essere in contatto in tempo reale e condividere chiacchiere e risate anche con molti amici e famigliari in contemporanea.

La Pasqua | Una ricorrenza antichissima

Questo giorno è antichissimo e ricco di simbolismi, la parola Pasqua deriva dal greco pasha e significa passaggio, ricorda il viaggio degli ebrei verso la terra promessa dopo 430 anni di schiavitù in Egitto. Anche per i credenti la Pasqua è un passaggio ma il significato cambia poiché ricorda la morte e la risurrezione di Cristo.

I fiiori pasquali per eccellenza sono i gigli, oro petali rivolti verso il basso rendono onore alla rinascita di Gesù. La Pasqua si celebra ogni anno in date differenti ed è per questo che viene definita una ricorrenza mobile. Il calendario cristiano viene stabilito dal concilio di Nicea nel 325 d.C., da quel momento la festa viene fissata la domenica che segue il plenilunio di primavera tra il 22 marzo e il 25 aprile.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Picnic di Pasquetta a casa con questi 10 semplici passaggi

La pasqua ebraica invece inizia con il plenilunio di marzo e si celebra nella sera della luna piena, il 14º giorno di Nisan, primo mese dell’anno ebraico. Il calendario è quello lunare di 29 30 giorni e la festività può cadere in giorni diversi della settimana.

La tradizione del capretto invece arriva dal vecchio testamento. La sera prima dell’esodo il Signore annuncia una nuova piaga d’Egitto: tutti i primogeniti (animali compresi) verranno uccisi tranne quelli che abitano in una casa contrassegnata con il sangue di un agnello o di un capretto offerti in sacrificio. Questa sciagura si abbatte anche sul figlio maggiore del faraone. Spaventato, il sovrano concede a Mosè il permesso di partire con il suo popolo. Comincia così, un viaggio verso la libertà lungo ben quarant’anni. Oggi però i consumi di capre e pecore, soprattutto in Italia, in meno di 10 anni si sono dimezzati. 

Coronavirus | Non dimentichiamo i simboli della Pasqua

menù pasqua
Pasqua Foto da AdobeStock

Amatissime dai bambini sono le uova di Pasqua. Un dolce affare per l’aziende che vendono ben 16 milioni di delizie al cioccolato ogni anno. La tradizione dell’uovo di Pasqua nasce, come spesso avviene, da un divieto: in quaresima oltre alla carne erano vietate anche le uova di gallina. Con le uova deposte nei cortili delle case si facevano delle decorazioni pasquali. Nell’Europa dell’est, ancora oggi, le uova sode si dipingono di rosso per ricordare la passione di Cristo. Si affianca poi all’uovo di Pasqua l’immancabile colomba.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Come preparare la Colomba pasquale a casa | Ricetta originale – VIDEO

L’origine della colomba risale invece all’epoca longobarda, quando, durante l’assedio di Pavia nel VI secolo d.C., il re Alboino riceve in segno di pace un pane dolce con questa forma particolare. 

Per quanto riguarda i colori della tavola vi converrà ricoprire una tovaglia bianca con un runner di colore blu. Pete e poi in un vaso di vetro a forma rettangolare alcuni giacinti blu, che sono i fiori di stagione per eccellenza, poi mettete nel contenitore gli ho detti di cioccolato ricoperti di carta azzurra. Per la vostra occasione speciale non rinunciate a dei sottopiatti blu da coordinare con i tovaglioli in tinta. 

L’immancabile pastiera

Pastiera napoletana | la ricetta originale -VIDEO-
Fonte foto: Giallo Zafferano

Pare che la pastiera napoletana sia stata creata per la prima volta nel convento delle suore di San Gregorio Armeno, a Napoli. Questi dolci sfornati dalle monache a base di pasta frolla, con un ripieno morbido di ricotta, grano cotto e e acqua di fiori d’arancio, venivano donati alle famiglie della nobiltà locale in occasione proprio della Pasqua.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Pranzo di Pasqua 2020 | il menu a basso indice glicemico -VIDEO-

C’è chi sostiene però che il dolce più amato sotto il Vesuvio abbia invece delle origini pagane: l’avrebbero cucinato per prime le sacerdotesse di Cerere che, per una fortunata coincidenza, vivevano in un santuario proprio accanto al convento cristiano.

Pranzo di Pasqua 2020 | il menu completo senza agnello -VIDEO-
Fonte foto: AdobeStock

Con un bagaglio di informazioni sulla Pasqua che forse prima non avevamo, siamo pronte per immergerci nel clima pasquale nonostante questo momento così difficile.

 

 

 

Da leggere