Home Attualità Allerta alimentare | Ritirata pasta fresca di una nota catena

Allerta alimentare | Ritirata pasta fresca di una nota catena

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:00
CONDIVIDI

Richiamo alimentare per pasta fresca Tre Mulini distribuita da Eurospin.

pasta mista
Pasta mista – Fonte: Adobe Stock

È giunto un nuovo richiamo da parte del Ministero della Salute. Questa volta al centro dell’attenzione c’è uno degli alimenti più amati dagli italiani, ovvero la pasta.
Nello specifico, l’allerta è scattata per della pasta fresca distribuita dall’Eurospin e al cui interno pare ci siano tracce di soia non indicate nell’etichetta.

Pasta Tre Mulini, ritirata dal Ministero della Salute

piatto con divieto
Piatto con segnale di divieto – Fonte: Adobe Stock

La pasta fresca è sicuramente uno degli alimenti più amati ed utilizzati dagli italiani. È quindi importante prestare attenzione all’ultimo richiamo del ministero della Salute, rivolto ben tre lotti di pasta fresca di semola di grano duro del marchio Tre Mulini, distribuito da Eurospin. Ecco i lotti in questione:

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

  • Fusilli di pasta fresca Tre Mulini con numero di lotto 200215 e data di scadenza al 15/05/2020. Confezione da 500 grammi.
    Lo stabilimento di produzione è quello di via Alessandro Volta 1 a Melfi, in provincia di Potenza.
  • Orecchiette di pasta fresca Tre Mulini con numero di lotto 200213 e data di scadenza al 13/05/2020. Confezione da 500 grammi.
  • Strozzapreti di pasta fresca Tre Mulini con numero di lotto 200213 e 200214 e data di scadenza al 13/05/2020 e 14/05/2020. Confezioni da 500 grammi.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Allerte alimentari: rischio istamina. Prodotti ritirati dal mercato

Tutti i pacchi di pasta sono stati prodotti da P.A.C. srl e come riportato sul sito del Ministero della Salute risultano essere prodotti non idonei al consumo da parte di persone allergiche alla soia.

Chiunque abbia acquistato questa pasta, è quindi pregato di riportarla indietro o, visto il periodo, di contattare il supermercato di riferimento per avvisare della prossima restituzione.
È importante, specificare, che la pasta in se non presenta problemi chimici o batteriologici. L’allarme è scattato per la presenza di tracce di soia al suo interno non dichiarate nell’etichetta.

La soia è un alimento prezioso ma anche un allergene. Qualora la pasta dovesse essere consumata da una persona allergica, potrebbe quindi innescare reazioni allergiche anche gravi.
Per questo motivo il Ministero della Salute ne ha predisposto il ritiro, al fine di tutelare chiunque sia allergico alla soia.

Nei giorni scorsi è stato ritirato un altro alimento molto amato, ovvero le bacche di goji del marchio Donna Isabella. In questo caso, la pericolosità è estesa a tutti, in quanto le bacche di goji presentano livelli di pesticidi e fungicidi più alti rispetto al limite massimo consentito.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Spesa settimanale: come organizzarla in modo perfetto

Pasta fresca
Pasta fresca mista – Fonte: Adobe Stock

Portare in tavola alimenti sani e privi di sostanza nocive è un gesto d’amore verso noi stessi. Oltre alla normale attenzione circa gli alimenti che si consumano ogni giorno è quindi molto importante tenersi sempre aggiornati con le allerte alimentari. In questo modo si può infatti garantire un controllo ancora più grande ed in grado di garantire il mantenimento della buona salute per se e i propri cari.