Coronavirus | 18enne, ultimo messaggio alla mamma prima dell’intubazione

0
46

Coronavirus, l’ultimo messaggio del 18enne Mattia alla mamma prima di essere intubato: “non ti lascio. Ti amo, lotterò per te”.

coronavirus
pixabay

Mattia, a soli 18 anni, è stato contagiato dal coronavirus. Prima di essere intubato, ha scritto un ultimo messaggio alla madre a cui ha dichiarato tutto il suo amore promettendole che ce la metterà tutta per sconfiggere il terribile virus e tornare da lei. A raccontare tutto è la mamma in una toccante intervista rilasciata ai microfoni del Corriere della Sera.

Coronavirus, l’ultimo messaggio del 18enne Mattia alla mamma prima di essere intubato: “lotterò per te”

coronavirus ospedali
Coronavirus | Ospedali

A soli 18 anni, Mattia sta combattendo contro il coronavirus che, in Francia, ha ucciso la 16enne Julie. Con forza e coraggio, Mattia ce la sta mettendo tutta per vincere la sua battaglia e tornare il prima possibile dalla sua famiglia. “Tra poco mi intubano. Stai tranquilla, non ti lascerò sola. Ti amo, mamma, lotterò per te, Davide e Anastasia. Devo andare”: sono queste le parole che Mattia ha scritto alla mamma prima di essere intubato come racconta la signora al Corriere della Sera dedicando un pensiero anche a Davide, il compagno della madre e ad Anastasia, la sorellina morta cinque anni fa durante il parto.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Mattia, lo scorso 16 marzo, a Cremona, ha cominciato ad avere la febbre. La diagnosi del pronto soccorso è polmonite da coronavirus. I medici, tuttavia, dicono alla madre che l’avrebbero curato a casa, ma dopo le prime crisi respiratorie, Mattia è stato ricoverato in ospedale. Mattia, oggi, è in coma farmacologico: le sue condizioni sono “stabili ma sempre gravi” – racconta Ombretta che oggi vive in attesa di avere notizie del suo bambino.

Leggi anche—>Papa Francesco | Preghiera contro coronavirus | Nessuno si salva da solo

Ho fatto un patto con le infermiere allora: vanno da lui, me lo accarezzano e gli dicono che quella è la carezza della mamma. Faccio i mestieri in casa, mi fermo, guardo l’orologio: il tempo non passa mai. Non mi capacito di nulla, ma ho fiducia nei medici. Bisogna essere lucidi e non crollare, come mi ha chiesto in quel messaggio”, racconta ancora la mamma di Mattia.

coronavirus napoli
Pronto Soccorso dell’Ospedale Dei Colli di Napoli (Foto: Instagram)

Il coronavirus, dunque, continua a fare paura. Solo pochi giorni fa ha perso la vita il 34enne Emanuele che era sanissimo prima di essere contagiato dal virus.