Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Tutti cibi utili al cambio di stagione | I nostri consigli

Tutti cibi utili al cambio di stagione | I nostri consigli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:17
CONDIVIDI

Con l’arrivo della primavera il corpo ha bisogno di più sostanze rigeneranti per evitare la fatica e i disturbi tipici del periodo. Infatti, il cambio di stagione ha effetti sulla nostro organismo e rende le difese immunitarie deboli. Si tratta infatti della passaggio da inverno a primavera. Il nostro corpo subisce un affaticamento psicofisico, una poca resistenza allo stress, cambiamenti di umore, memoria scarsa e mancanza di sonno.

Cambio di stagione
Tutti cibi utili al cambio di stagione | I nostri consigli (Adobe Stock photo)

Il nostro corpo necessita quindi di antiossidanti, vitamine, sali minerali, e grassi buoni. Tutte queste proprietà nutrienti vanno assunte principalmente attraverso frutta fresca e verdura, pesce, cereali integrali, bevande particolari.Tutti cibi utili al cambio di stagione. I nostri consigli.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.

I cibi utili e benefici al cambio di stagione

Cambio di stagione
Cambio di stagione | Consigli alimentari (Unsplash photo)

Ci sono dei menu fatti apposta per dare la giusta scorsa al nostro sistema immunitario. Per potenziare memoria e concentrazione ci vogliono anche ossidanti e grassi buoni che proteggono il cervello.

Preparati al cambio di stagione con l’alimentazione adatta che mantiene le funzioni cerebrali al meglio E vince la stanchezza. Durante il cambio di stagione i neuroni faticano a svolgere bene i propri compiti. Ci vuole una dieta adatta a salvare il cervello. Nel corso delle varie stagioni si evidenziano delle differenti attivazioni riguardo le aree cerebrali durante lo svolgimento delle stesse operazioni cognitive.

Ciò accade perché il cervello riesce a regolarizzare l’impiego delle proprie risorse. È importante è esserne consapevoli perché solo così sarà più facile gestire i cambi di stagione e supportare nel modo corretto il cervello nei vari periodi dell’anno.

Leggi anche >>>

In particolare ci riferiamo alla primavera, quando assistiamo ad una riduzione delle funzioni cerebrali e ad un aumento della stanchezza per la maggior parte di noi. Necessario assumere dei suggerimenti alimentari idonei.

L’avocado è uno degli alimenti alleati. L’eccesso di radicali liberi danneggia anche il cervello, soprattutto al cambio di stagione e quando si è a faticati e stressati. Ci si può difendere da queste sostanze con l’avocado che, grazie ai suoi grassi buoni e alla vitamina E che contiene, contribuisce a migliorare di gran lunga la memoria. Bene consumarlo a colazione, oppure schiacciato con una forchetta nell’insalata o ancora come spuntino a modi salsina.

Il cervello rappresenta il 2% del peso corporeo e consuma il 20% delle calorie che assumiamo ogni giorno attraverso quello che mangiamo. Tale organo ha bisogno di una quantità di zuccheri adeguata e che dovrebbe provenire per di più da cereali come riso, orzo, avena, e i loro derivati, verdure e frutta e assolutamente non da dolci o bibite zuccherate.

Imparare come procedere durante il passaggio da una stagione all’altra

Si dovrebbe iniziare con una colazione che preveda un frutto, 70 g di pane integrale e una bevanda vegetale. Per il pranzo e la cena si consiglia una quantità di 60-70 g di pane, pasta, o riso più 1 porzione o 2 di verdure. La frutta può essere consumata ma lontano dai pasti.

Il parmigiano è un altro alimento che stimola l’apprendimento, si può utilizzare sulla pasta o per un risotto ma evitate di servire nello stesso pasto altri cibi proteici. Questo formaggio è fonte di tirosina, un aminoacido precursore della dopamina, che favorisce la memoria e l’apprendimento.

Leggi anche >>>

Ecco 6 sostanze contro lo stress e la scarsa memoria

  • La colina, migliora la memoria e l’attenzione, garantisce la sopravvivenza dei neuroni, si trova nelle uova e anche nel pesce.
  • Gli acidi grassi omega 3, oltre che nel pesce si possono consumare in origine vegetale poiché sono presenti nei semi di lino e nelle noci.
  • La vitamina E, è in grado di rallentare la perdita di memoria e di sostenere altre funzioni cerebrali.
  • L’acido folico è necessario per le donne in gravidanza, è utile per la formazione del sistema nervoso del bambino, questo elemento ringiovanisce anche la memoria per tutte le donne che hanno passato gli “anta”.
  • La vitamina B6, è indicata in presenza di irritabilità, fatica a concentrarsi e poca memoria.
  • La vitamina B12, è molto utile in caso di riduzione delle attività cognitive. Contrasta anche stanchezza e affaticamento da cambio di stagione, aumenta capacità mentali e resistenza alla stanchezza.

Il cervello ha bisogno anche di grassi, come quelli mono insaturi dell’olio extra vergine di oliva, e gli omega3 di pesce di mare, noci semi di lino e altri. Va invece ridotto il consumo di grassi saturi, questi, sono presenti soprattutto in carni rosse, insaccati, salumi e formaggi grassi ad eccezione del parmigiano che se consumato in piccole dosi, come abbiamo già visto, fa bene alla memoria.

Leggi anche >>>

Cambio di stagione
Cibi utili al cambio di stagione (Istock)

È importante anche arricchire il menu con delle sostanze antiossidanti di spezie come curcuma, zafferano, peperoncino, frutta ma anche prugne e albicocche e verdura fresca e di stagione. Ricordiamo anche i cereali integrali, il pesce e i frutti di mare che contengono antiossidanti come selenio e astaxantina tutti utili per il cervello.