Home Attualità Coronavirus | Nuovo annuncio di Conte in diretta all’Italia

Coronavirus | Nuovo annuncio di Conte in diretta all’Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:22
CONDIVIDI

Coronavirus Italia, nuovo annuncio di Giuseppe Conte: il Premier, in conferenza stampa, svela le ultime decisioni del Consiglio dei Ministri.

nuovo decreto coronavirus
Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte (Foto: Instagram)

Giuseppe Conte, in conferenza stampa, annuncia le nuove decisione del Consiglio dei Ministri sull’emergenza coronavirus contro cui l’Italia sta combattendo da ormai un mese dopo la positività di Mattia, il 38enne di Codogno tornato a casa.

Coronavirus, l’annuncio di Conte all’Italia sull’emergenza: proroga delle misure restrittive?

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte (Foto: Instagram)

Con un messaggio su Facebook, Giuseppe Conte ha annunciato una nuova conferenza stampa per informare l’Italia sulle decisione adottate dal Consiglio dei Ministri.

Oggetto della conferenza stampa del Presidente del Consiglio potrebbe essere la bozza del nuovo decreto che prevede l’ulteriore proroga delle misure restrittive fino alla prossima estate.

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

“Abbiamo deliberato l’adozione di un decreto legge che riordina la disciplina anche dei provvedimenti che stiamo adottando in questa fase emergenziale. Il nostro assetto non prevedeva un’emergenza di questo tipo “ – afferma il Premier in conferenza stampa – “Con questo decreto legge abbiamo regolamentato piu’ puntualmente e in modo più trasparente i rapporti tra l’attività del Governo e del Parlamento. Prevediamo che ogni iniziativa venga trasmessa ai presidenti delle Camere e che io vada a riferire ogni 15 giorni”.

Chi non rispetta le misure restrittive andrà incontro ad una multa da 300 a 3000 euro.

“Lasciamo che i presidente delle Regioni possano adottare nell’ambito delle proprie competenze misure anche più restrittive, più severe anche se rimane la funzione di coordinamento, di omogeneità che viene assicurata su tutto il territorio dall’intervento del Governo” – spiega ancora il Premier. “A livello sanzionatorio – aggiunge – abbiamo introdotto una multa: il pagamento che va da 400 euro a 3000 euro. D’ora in poi ci sarà una sanzione pecunaria”, spiega.

“Sono soddisfatto e orgoglioso della reazione che tutti i cittadini stanno avendo nel rispettare tutte le prescrizioni che abbiamo previsto. La stragrande maggioranza dei cittadini si sta conformando a queste nuove regole. Questo ci deve rendere tutti orgogliosi perchè ciascuno deve fare la propria parte per affrontare quest’emergenza e poterci rialzare quanto prima. Se tutti fanno la propria parte consentono al territorio nazionale di uscire prima da quest’emergenza”, afferma ancora Conte in conferenza stampa.

Conte, poi, smentisce che lo stato d’emergenza durerà fino al 31 luglio 2020 come circolava da qualche ora.

“Vorrei ricordare che quando abbiamo adottato il primo provvedimento, a fine gennaio abbiamo deliberato lo stato d’emergenza nazionale. L’abbiamo fatto un attimo dopo che l’OMS ha definito l’emergenza di carattere globale. Siamo intervenuti e abbiamo delibirato lo stato d’emergenza per uno spazio di sei mesi o comunque fino al 31 luglio 2020.

Questo non significa che le misure restrittive saranno prorogate fino al 31 luglio 2020. Quello è lo spazio dell’emergenza, ma noi siamo pronti in qualsiasi momento per allentare la morsa delle misure restrittive e siamo fiduciosi che prima di quella scadenza ipotetica si possa tornare alle nostre abitudini, anzi ad un migliore stile di vita perchè sono convinto che questa prova durissima che tutti noi stiamo affrontando, ci renderà migliori”, conclude il Premier.

conte coronavirus
La diretta di Giuseppe Conte su Facebook | Tutti gli aggiornamenti (Screen shot Instagram)

“Questa è l’occasione per fare delle riflessioni che di solito non riusciamo a fare. Oggi, in queste giornate, abbiamo più tempo per riflettere e io credo davvero che ne approfitteremo per trarne il giusto insegnamento”, conclude il Premier.