Coronavirus | Donna positiva litiga e sputa sulla cassiera

0
42

Coronavirus: a Mestre, una donna, dopo aver litigato con la cassiera di un supermercato, le sputa in faccia. Era positiva.

fre la spesa
Foto da Pixabay

Una donna, mentre si trovava in un supermercato di Mestre, ha cominciato a litigare e a prendere in giro una cassiera per poi sputarle addosso. La donna, come fa sapere La nuova Venezia, era positiva al coronavirus ed ora la cassiera è in isolamento.

Coronavirus: donna positiva sputa sulla cassiera che ora è in isolamento

Coronavirus | quanto resiste sulle superfici | lo studio USA
Fonte foto: Pixabay

L’emergenza coronavirus, in Italia, è sempre più grave al punto che Conte ha deciso di adottare misure ancora più restrittive per riuscire a contenere i contagi. In un clima di paura generale, da Mestre, arriva una brutta storia come fa sapere La nuova Venezia.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Una donna positiva al coronavirus, dopo aver litigato con una cassiera, le avrebbe sputato addosso. Tutto sarebbe accaduto intorno alle 19.30 di sera. La cassiera stava lavorando tranquillamente quando due donne si sarebbero avvicinate sbeffeggiandola senza motivo. Lei avrebbe chiesto spiegazioni. Le due donne, di fronte alla domanda della cassiera, le avrebbero tossito addossio di proposito.

L’intervento di un cliente avrebbe permesso alla vigilanza d’intervenire, fermare ed identificare le due donne. Il giorno successivo, la Questura ha convocato la carriera per comunicarle che una delle due clienti era positiva al coronavirus.

La cassiera, ora, è in isolamento e ha paura per lei e la sua famiglia.

Coronavirus | le regole per gli spostamenti valide per tutta l'Italia
Fonte foto: Pixabay

«La nostra collega, costretta a mettersi in quarantena, ora è terrorizzata non solo per se stessa, ma anche per la sua famiglia e i suoi figli. Questo la dice lunga sulla situazione in cui si trovano i dipendenti di supermercati e ipermercati, costretti a lavorare in condizioni precarie e senza le adeguate tutele», ha dichiarato Cinzia Gatto, delegata Filcams e rappresentante dei lavoratori per la sicurezza del supermercato e che ha chiesto il tampone per tutti i dipendenti del supermercato.