Coronavirus | Fedez mostra fiero i risultati della sua raccolta fondi

0
24

Fedez, sul suo profilo Twitter ha condiviso gli scatti della nuova terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele, che è stata realizzata grazie alla raccolta fondi per il Coronavirus, portata avanti da lui e sua moglie, Chiara Ferragni

Fedez è stato uno dei principali personaggi pubblici a sensibilizzare i suoi followers e non solo alla causa della lotta contro il Coronavirus. Attivo ogni giorno sui suoi canali social per tenere compagnia i suoi seguaci con dirette e gag divertenti, al rapper va anche ascritto il merito di aver dato inizio, insieme a Chiara Ferragni, ad una raccolta fondi destinata alla costruzione di una nuova terapia intensiva per l’ospedale San Raffaele di Milano. Ebbene, dal momento che l’iniziativa benefica ha potuto contare dell’intervento di tantissime persone, anche star e celebrità, i soldi raccolti hanno superato i 4 milioni di euro.

Proprio la cospicua cifra ha fatto sì che i lavori per l’ospedale cominciassero subito e infatti, proprio oggi, dal suo profilo Twitter, Fedez ha annunciato che molto presto la nuova area medica potrà essere utilizzata, allegando l’annuncio con le foto della nuova struttura. Inutile ricordare che anche Fedez, come tanti altri volti noti del web, stanno cercando di spronare i loro followers, soprattutto i giovani, a stare a casa, essendo questa, l’unica modalità efficace per combattere il Coronavirus. Come lui anche Chiara Ferragni ha preso particolarmente a cuore la questione e si è scagliata anche contro chi, come Vanessa Hudgens, ha sottovalutato il problema.

Leggi anche:

Chiara Ferragni | Heather Parisi boccia la raccolta fondi | Fedez sbotta

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Fedez parla del tradimento alla Ferragni
Fonte: Instagram @Fedez

 

Dopo il successo di questa raccolta fondi, possiamo solo augurarci che iniziative del genere possano essere realizzate per intervenire a supporto anche di altre strutture, di altre regioni d’Italia, che hanno bisogno di sostegno e assistenza per affrontare al meglio l’epidemia.

 

Gina D’Antonio