Home Attualità Coronavirus | Morti due impiegati postali degli uffici di Bergamo

Coronavirus | Morti due impiegati postali degli uffici di Bergamo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:47
CONDIVIDI

Il Coronavirus ha provocato le morti di due impiegati di un ufficio Poste Italiane di Bergamo. Mentre si procede a sanificare gli uffici per evitare i contagi i postini chiedono la sospensione dei servizi.

L’azienda Poste Italiane fornisce un servizio fondamentale per i cittadini, pertanto i suoi lavoratori sono tenuti a rimanere ai loro posti di lavoro nonostante il fatto che milioni di altri cittadini sono costretti alla quarantena.

Questo espone gli impiegati degli uffici postali e soprattutto i portalettere di Poste Italiane a un alto rischio di contagio: i due morti di Bergamo sono la prova tangibile di questa situazione.

I lavoratori chiedono tutele e sospensione del servizio, ritenuto “non strettamente necessario” alla sopravvivenza logistica dell’Italia in questo momento storico. Si passerà allo sciopero?

Poste Italiane: due morti di Coronavirus a Bergamo, si chiede lo stop

coronavirus poste italiane
Lavoratori di Poste Italiane (Foto: Instagram)

Il contatto con il pubblico è assolutamente inevitabile per tutti i lavoratori di Poste Italiane, sia per coloro che lavorano agli sportelli sia per coloro che provvedono a consegnare la posta tutti i giorni.

Per questo motivo non stupisce se si sono registrati a pochissima distanza di tempo l’uno dall’altro due decessi tra i lavoratori di Poste.

La segretaria Slc – Ggil di Bergamo Marisa Adobati ha denunciato le condizioni di lavoro a cui sono costretti gli impiegati di Poste Italiane per quelli che ormai vengono percepiti come futili motivi e non come necessità innegabili dello Stato.

“Il recapito di un bollettino di abbonamento a Frate Indovino o della marea di avvisi di mancata consegna di raccomandate non è da considerarsi espletamento di servizi essenziali. Molte scadenze fiscali e invii di notifica sono stati sospesi per decreto” ha aggiunto la segretaria, motivando in questo modo la proposta di fermare la consegna della posta per proteggere i lavoratori dell’azienda.

Tra gli altri problemi continuamente denunciati dai lavoratori c’è la mancanza di strumenti di protezione come mascherine e guanti, che con il loro numero esiguo non riescono a coprire la necessità di tutti i dipendenti distribuiti nei vai uffici.

In questa terribile situazione di pressione e paura i lavoratori di Poste Italiane stanno sviluppando un profondo disagio sul posto di lavoro e anche la convinzione che lo Stato non intenda tutelarli. Per questo motivo non si può escludere uno sciopero su scala nazionale dei lavoratori di Poste Italiane: un’eventualità che renderebbe ancora più difficile il mantenimento di quel residuo stato di normalità che sta aiutando i cittadini italiani a resistere alla crisi sanitaria.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE => Situazione Coronavirus in Italia

Purtroppo però alcuni cittadini hanno deciso di utilizzare la necessità di recarsi all’ufficio postale come una scusa per fare una passeggiata a norma di legge, evitando così multe e condanne penali. Anche questo comportamento sta esasperando gli sportellisti di Poste Italiane, che vedono la propria salute messa a rischio per il comportamento irresponsabile di molti italiani.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.