Home Attualità Coronavirus | Quanto dura sulle superfici? Ce lo spiega l’esperto

Coronavirus | Quanto dura sulle superfici? Ce lo spiega l’esperto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:46
CONDIVIDI

Quanto può resistere il Coronavirus sulle superfici? Rischio di portarlo a casa facendo la spesa o, in generale, uscendo? Proviamo a fare chiarezza.

pulizie coronavirus
Foto da Pixabay

Più la paura del contagio sale, più le domande aumentano. Con il Coronavirus è così sin dalla sua comparsa: la poca conoscenza legata a una minaccia totalmente nuova e ignota fa sovvenire un dubbio dopo l’altro.

Se sono vaccinato contro l’influenza posso prenderlo comunque? Se non ho l’Amuchina sono a rischio? La vitamina C mi aiuta veramente? Tanti quesiti, spesso legati a tristi bufale circolanti sul web ma, altre volte, espressioni di perplessità più che sensate.

Ultima tra queste una domanda che da tempo circola senza trovare risposte attendibili o, meglio, esaustive: quanto sopravvive il virus sulle superfici?

Oggi proviamo a chiarire una volta per tutte l’annosa questione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Coronavirus | Attenzione in questa parte della casa prospera il virus

Coronavirus, quanto sopravvive sulle superfici?

coronavirus superfici
Foto da Pixabay

Non è solo un quesito da maniache dell’igiene. L’idea che il Coronavirus possa giungere a noi non solo da un passante ma anche dal carrello piuttosto che dalla busta della spesa spaventa molti.

Ecco perché ci si chiede quanto il Coronavirus “duri” sulle superfici, per capire da che altro dobbiamo difenderci.

A fare chiarezza è recentemente giunto un grande esperto in fatto di virus e contagi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Coronavirus UK | La Regina Elisabetta lascia Buckingham Palace per precauzione

Il virologo Roberto Burioni, ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa, ha illustrato un nuovo studio che ha analizzato la permanenza del Coronavirus sulle superfici.

“Questo virus resiste abbastanza sulle superfici. Questi studiosi hanno visto il virus su del rame, de cartone, della plastica e dell’acciaio. Sul rame dura pochissimo, poche ore, sul cartone dura di più (parlo del tempo che ci vuole per azzerare una carica virale robusta) sul cartone dura un giorno, sulla plastica riesce ad arrivare addirittura a due giorni e sulla plastica tre giorni.

[…] Ma c’è un’altra parte: questo virus è veramente molto labile. Quel che è importante è che la superficie sia pulita: dentro lo sporco il virus riesce a resistere più a lungo.”

Dobbiamo quindi preoccuparci quando torniamo dal supermercato o in altre circostanze? Non per forza. Sapere ciò è semplicemente infatti la conferma di una regola che tutti dovremmo già conoscere e mettere in atto con cura da tempo: lavarsi le mani!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Convivenza ai tempi del Coronavirus | impariamo a gestirla

Già perché poco conta dove il virus si trovi: ciò che non deve accadere è che entri in contatto con le nostre vie respiratorie. Ecco allora che, lavando le mani costantemente, qualora anche il cornavirus fosse sopravvissuto su una qualche superficie lo elimineremo con acqua e sapone prima che possa contagiarci.

igiene coronavirus
Foto da Pixabay

Nulla di nuovo sotto il sole dunque. Non lasciamoci allora spaventare da dubbi, novità e aggiornamenti più meno attendibili:  il Ministero della Salute e l’OMS ci hanno già munito di tutte le conoscenze e le misure preventive necessarie. A noi il compito di metterle in atto.