Il silenzio è la risposta più saggia da dare agli stolti

0
37

In periodi caratterizzati da grande tensione e nervosismo rischiamo di essere meno tolleranti verso il prossimo. Ecco come mantenere la pace interiore.

Coppia: se avete superato queste 6 fasi critiche, durerete per sempre
 Fonte: Istock

Anche nei periodi in cui le interazioni sociali sono molto limitate, la convivenza forzata o qualche sporadico incontro casuale potrebbe disturbare la nostra pace interiore.

Per evitare scambi verbali eccessivi  bisogna restare focalizzati sulla saggezza e optare per il linguaggio più affidabile che esista: il silenzio.

Un famoso detto dice “Il silenzio è d’oro”, associando il silenzio all’oro ne indica il grande valore. Il silenzio è un mezzo di comunicazione ma bisogna usarlo saggiamente.

Si può stare in silenzio quando esso viene imposto o decidere di stare in silenzio senza essere una sua vittima ma rendendolo una scelta. Scopri come gestire il silenzio in situazioni di conflitto.

Sullo stesso argomento >>>>Come gestire le liti di coppia senza ingigantirle

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Silenzio: un’arma che non dovremmo sottovalutare

coppia che litiga
 litigio Fonte: Istock

Le situazioni con potenziale conflittuale sono all’ordine del giorno, in famiglia, tra colleghi, amici, amanti.. l’occasione di una disputa può nascondersi dietro l’angolo ma bisogna ricordare che può avere ripercussioni molto negative.

Affrettarsi a replicare a tono senza risparmiare commenti offensivi o frecciatine non è sempre un bene, ma dato che implica una reazione istintiva è necessario allenarsi affinchè il silenzio possa essere utilizzato saggiamente.

Allenarsi significa principalmente prendere atto del fatto che restare in slenzio non è un segno di debolezza,  non significa lasciare che gli altri ci attacchino senza replicare, ma semplicemente concedersi un attimo per riflettere in modo intelligente senza che l’ interlocutore abbia accesso ai nostri sentimenti.

E come se ci trasformassimo in un libro chiuso capace di leggere il libro aperto che abbiamo davanti, poiché l’altro, a differenza nostra, esprime ciò che prova attraverso espressioni, reazioni. Restando in silenzio ad osservare avrai indizi sufficienti per valutare e contemporaneamente non darai modo all’interlocutore di ferire i tuoi sentimenti in un deleterio botta e risposta dettato dalla rabbia.

Restare in silenzio è come prendersi un momento di tregua. Questa tregua delude le aspettative dell’interlocutore che si aspetta ben altra reazione e lo confonde.

L’altro inizia ad avere dei dubbi riguardo ciò che pensi e ciò che senti e a provare una sensazione di vuoto, incomprensione e ansia.

La partita a questo punto è nelle tue mani, hai usato il silenzio per accumulare punti a tuo favore e alla fine del gioco hai ottenuto il controllo della situazione.

Restare in silenzio ti protegge

comunicare l'amore
 litigio (Istock Photos)

L’uso della parola ti espone. Le tue reazioni rivelano all’altro la tua sensibilità e i tuoi sentimenti, ma non i fatti. Quando una persona ci aggredisce anche se ci accusa di cose che non abbiamo fatto, la prima reazione è quella di difenderci e giustificarci.

Inoltre la situazione è destabilizzante e il disagio provato è palese.

Restare in silenzio ti tutela da tutto ciò oltre a darti il tempo di pensare a come rispondere ed è un modo di seminare il dubbio nella mente di chi ti accusa, che ti darà il tempo di mettere in atto la migliore strategia da adottare.

Il silenzio dovrebbe essere apprezzato, soprattutto oggi, un’epoca frenetica e caotica in cui le parole si mischiamo troppo e si ascoltano poco. Oggi si parla davanti alla tv o alla radio, le persone parlano mentre sono distratte da altro o urlano a causa del rumore che hanno intorno. Un momento di silenzio è un dono e quando c’è viene apprezzato. Anche stando in giardino si viene assaliti dal rumore delle macchine, degli aerei, delle fabbriche o dei vicini. Isolarsi nel silenzio non è facile, così come non è facile avvalersi del silenzio.

Rispondere a tono quando si viene aggrediti è difficile particolarmente quando si hanno di fronte persone ignoranti e incolte.  Eppure ignorarle sarebbe quanto di meglio si possa fare, perché attraverso questo silenzio si toglie ossigeno al veleno e alla cattiveria e si torna all’ordine e al rispetto rapidamente.

Puoi scegliere di non permettere agli altri di avvelenarti il sangue, soprattutto quando hai di fronte persone stolte, puoi scegliere di dedicare il tuo tempo a cose più importanti, ad obiettivi da raggiungere e alle persone che meritano il tuo amore.

solitudine e psicologia

Il nostro tempo è prezioso, evitiamo di sprecarlo in discorsi banali o a dare spiegazioni inutili. Il silenzio è meglio di una parolaccia e sceglierlo migliorerà la qualità della tua vita quotidiana.