Coronavirus | Assalto ai supermercati ma la spesa è consentita

0
16

Coronavirus, assalto ai supermercati dopo il decreto del Governo “Io resto a casa”, ma non c’è bisogno: la spera è garantita.

coronavirus-supermercati
Code ai supermercati – Screenshot da video

Assalto ai supermercati in piena notte dopo il decreto “Io resto a casa” firmato dal Presidente del Consiglio Conte che ha trasformato l’Italia in zona rossa limitando tutti gli spostamenti, ma non c’è bisogno perchè come è stato più volte ribadito, la spesa sarà garantita sempre.

Coronavirus, spesa garantita sempre ma è assalto ai supermercati

Giuseppe Conte
Conte discorso in diretta (Screen shot Facebook)

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, con il decreto “Io resto a casa” ha annunciato la limitazione degli spostamenti. Tuttavia, i supermercati, le farmacie e le parafarmacie continueranno a restare aperti e l’approviggionamento alimentare sarà sempre garantit. Nonostante tutto, però, dopo l’apporovazione del decreto, in centinaia hanno preso d’assalto i supermercati notturni per fare la spesa non rispettando quanto stabilito dal Governo ovvero di mantenere la distanza di sicurezza e di evitare i luoghi affollati essendo vietati gli assembramenti.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

I video di centinaia di persone in coda per fare la spesa hanno immediatamente fatto il giro del web e il Governo è intervenuto con una nota ufficiale spiegando che in ogni caso la spesa sarà garantita. La circolazione delle merci, infatti, non sarà vietata.

“Non è necessario e soprattutto è contrario alle motivazioni del decreto legate alla tutela della salute e ad una maggiore protezione dalla diffusione del Covid-19, affollarsi e correre ad acquistare generi alimentari o altri beni di prima necessità che potranno, in ogni caso, essere acquistati nei prossimi giorni. Non c’è alcuna ragione di affrettarsi perchè sarà garantito regolarmente l’approvvigionamento alimentare”, si legge nella nota diffusa dal Governo.

Nessun allarmismo, dunque, ma un vademecum di cosa fare durante il periodo di quarantena disposto dal Governo. Fino al 3 aprile sarà fondamentale per la salute di tutti seguire delle semplici regole, importantissime per la nostra e la salute degli altri.