Coronavirus | Le misure anti-contagio: comportamenti consigliati e non

0
50

Che cosa fare per affrontare il Coronavirus? In che cosa consistono veramente i provvedimenti presi dal governo per contenere l’epidemia? Proviamo a fare chiarezza.

coronavirus che cosa fare
Foto da Pixabay

“I dati aggiornati a ieri dicono che i morti sono arrivati a 107, il 3,47% del totale dei contagiati, e che ci sono 295 malati in terapia intensiva, 66 in più di ieri, pari al 28,8% in più. Ma è anche vero che sono poco più del 10% dei 2.706 malati totali. 1.346 sono invece i malati ricoverati con sintomi e 1.065 quelli in isolamento domiciliare. L’obiettivo del governo è dunque quello di evitare che aumentino in maniera esponenziale i ricoverati più gravi, mandando in crisi tutto il sistema.”

Così l’agenzia di stampa ANSA tratteggia il quadro attuale del contagio da Coronavirus in Italia.

Una situazione che spaventa molti, in buona parte proprio perché inedita per tutti i cittadini che attualmente popolano il nostro Paese.

L’ignoto legato a questa situazione spaventa e fa sorgere in tutti una comune domanda: i più spaventati così come i più razionali tra noi oggi si chiedono “che cosa dobbiamo fare?”

Il governo ha provato a rispondere a più riprese, ultima delle quali il decreto emanato ieri (4 marzo 2020). Cerchiamo di comprenderlo meglio e fare il puto della situazione circa gli accorgimenti che, ognuno di noi, può mettere in atto per aiutare stesso e la comunità tutta.

Che cosa dobbiamo fare per affrontare il Coronavirus?

Un quesito che in molti si stanno ponendo ma che forse ha una risposta ben più semplice di quanto si possa credere.

Che cosa possiamo fare nel nostro piccolo per proteggere noi stessi e fermare il Coronavirus?

Il Ministero della Salute ci ha dato più volte regalato i suoi consigli, indicandoci i dieci comportamenti corretti da mettere in atto e ricordandoci la corretta tecnica per lavare le mani, ora ritorna sull’argomento proponendo un’infografica facile, intuitiva e perfetta per comprender a pieno i comportamenti corretti da tenere a mente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Il Coronavirus spiegato a un bambino: lettera aperta di un medico

Come tutti abbiamo oramai compreso, l’obbiettivo del momento è contenere il contagio. Un risultato per il quale occorre la collaborazione di tutti: un comportamento corretto del singolo tutela infatti non solo quest’ultimo ma anche l’intera comunità.

Come ha spiegato Roberta Villa, giornalista e divulgatrice scientifica, fermare il contagio dipende da noi.

Ecco allora che il Ministero della Salute ci comunica Alcune semplici raccomandazioni per contenere il contagio da Coronavirus:

  • Evita contatti ravvicinati mantenendo la distanza di almeno un metro
  • Evita luoghi affollati
  • Copri bocca e naso con fazzoletti monouso quando starnutisci o tossisci, altrimenti usa la piega del gomito
  • Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
  • Lavati spesso le mani con acqua e sapone o usa un gel a base alcolica
  • Evita le strette di mano e gli abbracci fino a quando questa emergenza sarà finita
  • Se hai sintomi simili all’influenza resta a casa, non recarti al pronto soccorso o presso gli studi medici ma contatti il medico di medicina generale, i pediatri di libera scelta la guardia medica o i numeri regionali

Infine, ricordate di rispettare le regole comunicate il primo marzo dal governo con distinzione per le diverse aree della Penisola. Potete rileggerle cliccando su Nuovo Coronavirus | Comportamenti consigliati dal Ministero della Salute.

I provvedimenti presi dal governo per contenere il Coronavirus

Foto da Instagram @robvil

I provvedimenti presi ieri sera per contenere covid-19 in tutta Italia rappresentano una nuova serie di misure con cui gli italiani devono fare i conti.

Come già accaduto in precedenza, anche queste regole fanno piombare i più in una serie di dubbi, perplessità ed equivoci. Ecco perché, come ha giustamente pensato di fare l’agenzia di stampa ANSA, ricapitolare tutto nero su bianco e con la massima semplicità potrebbe rivelarsi un aiuto notevole.

Qua sopra riportiamo a tal proposito l’infografica dell’ANSA, un sunto per immagini dei comportamenti da tenere e non in casa, nei rapporti con il prossimo, sul lavoro e nel tempo libero.

Si va dall’oramai popolarissimo “lavaggio frequente delle mani” alle palestre e piscine da frequentare “nel rispetto delle raccomandazioni”.

Nel mezzo? Scopriamo insieme tutti i provvedimenti sopra riportati:

  • Lavaggio frequente delle mani
  • Distanza di un metro tra una persona e l’altra
  • No ad abbracci e strette di mano
  • No scambi di bottiglie e bicchieri
  • Starnutire e tossire all’interno di un fazzoletto
  • Limitazioni visite ai parenti in strutture sanitarie
  • Divieto di permanenza in sala accettazione e attesa per accompagnatori dei pazienti
  • Favorire attività ricreative all’aperto
  • Uscite limitate per gli anziani
  • Cinema e teatri chiusi
  • Eventi sportivi a porte chiuse fino al 20 marzo
  • Scuole e università chiuse
  • No a manifestazioni, meeting e congressi
  • Si a palestre e piscine nel rispetto delle raccomandazioni
coronavirus mascherina
Photo by NOEL CELIS/AFP via Getty Images

Questo ciò che il nostro governo ci consiglia e che quindi tutti, messi da parte dubbi, paure o perplessità siamo invitati a seguire.

Non è il momento delle polemiche ma della cooperazione e buona volontà.