Unghie animalier | Tortoise Shell Nails, manicure della primavera 2020

0
71

La manicure simbolo della primavera 2020 si chiama Tartoise Shelle Nails e farà la gioia di tutte le amanti dell’animalier.

manicure animalier
Foto da Instagram @betina_goldstein

Se zebrato, leopardato e tigrato sono tra le vostre fantasie preferite, la primavera 2020 ha in serbo una sorpresa che vi farà perdere la testa.

Qualora camicette e scarpe animalier non vi bastassero infatti ecco che un particolare effetto tartarugato si accinge a sbarcare sulle nostre unghie.

Si chiama Tortoise Shell Nails ed è la tendenza manicure regina della primavera che verrà.

Proviamo insieme a conoscerne i segreti qui su CheDonna.it.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Smalto senza sbavature | Tips & tricks per applicare lo smalto

Tartoise Shelle Nails, manicure animalier per la primavera 2020

Tortoise Shell Nails manicure
Foto da Instagram @syznails

Possono essere interprete sulla totalità dell’unghia, per un effetto più vistoso, o solo in piccoli dettagli, come su una French manicure o, comunque, su parte dell’unghia, per un tocco che faccia la differenza.

E’ questa versatilità che rende la Tortoise Shell Nails adatta veramente a tutte le età e a tutte le occasioni: potete sfoggiarla in un outfit da ufficio o in un look da serata in discoteca facendo sempre comunque un figurone.

Altro indubbio vantaggio di questa manicure è senza dubbio la sua semplicità di realizzazione: potrete senza problemi farla in casa, anche senza rivolgervi a un’esperta, poiché si tratta, in effetti, di una semplice base ambrata con delle macchie irregolari nere o marroni che mirano a ricreare un perfetto effetto tartarugato.

La possibilità non solo di variare le sfumature in gioco ma anche di disporre le macchie in migliaia di modi diversi, rende questa nail art assolutamente personalizzabile.

Ma come procedere per dar vita a un tartoise Shell nails? Il vero segreto pare essere nel layering, ovvero la stratificazione di ogni colore per ottenere una manicure curata nei minimi dettagli. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Unghie nude | L’ultima variante del grande classico si chiama caramel latte

Si parte da una base marrone e calda, asciutta perfettamente la quale, si passerà a fissarla immediatamente con del top coat trasparente e lucido. In questo caso non aspettate però che lo strato si asciughi e procedete a disegnare le macchie più grandi, utilizzando un marrone più scuro: il top coat ancora fresco garantirà che i colori si mescolino creando l’effetto blurred tipico delle Tortoise Shell Nails. Infine aggiungiamo profondità alla nail art realizzando qualche macchia nera in modo da replicare perfettamente il classico pattern tartarugato.

Ora basterà attendere che il tutto si asciughi alla perfezione per applicare un ultimo strato di top coat trasparente e ottenere risultato finale lucido e effetto gloss, che renderà le vostre Tortoise Shell Nails davvero perfette. 

Temete però che tutto questo animalier sia un po’ troppo? Be’ la soluzione si chiama negative space e consiste nel decorare solo metà dell’unghia o, in alternativa, solo il centro, così da rendere l’effetto tartarugato veramente protagonista.

Abbiamo poi anche l’opzione accent nail tartarugata, ovvero optare per una manicure neutra in cui un’unica unghia spicchi sulla mano. Il consiglio per un tocco in più consiste nell’optare per uno smalto che su tutta la mano riprenda il marrone scelto per le macchie della Tortoise Shell Nails: un effetto armonioso estremamente chic!

Infine, se siete ben provviste di mano ferma e tanta pazienza potrete trasformare questa particolare nail art in una versione assolutamente cool della più classica french manicure, oppure applicare sullo sfondo neutro una sottile striscia, un cuoricino o un dettaglio tartarugato che così risalterà in modo unico e originale.

manicure primavera 2020
Foto da Instagram @beautyworksbyamy 

Insomma, la Tortoise Shell Nails può esser veramente declinata rispondendo al vostro più personale gusto, tutto sta nel mettervi alla prova. Da quale versione partirete?

Fonte: blog.cliomakeup.com