Salute | I 7 Prodotti casalinghi tossici che possono farci ammalare

0
42

Salute | I 7 prodotti casalinghi tossici che abbiamo in casa e che possono farci ammalare senza rendercene conto. Ecco quali sono e cosa possono provocare alla nostra salute senza saperlo

detergenti
salute i 7 prodotti casalinghi tossici (Istock)

Ognuno di noi ha in casa prodotti di vario genere per la pulizia e l’igiene generale della casa ma non solo, alcuni prodotti tossici sono rappresentati anche dal mobilio casalingo che ci circonda. Molti non sanno che la maggior parte di questi prodotti casalinghi sono altamente tossici, nocivi per la nostra salute e, ancor peggio, per la salute dei bambini.

Siamo abituati ad usarli quotidianamente e, senza volerlo, questi prodotti potrebbero farci ammalare poiché al loro interno hanno molte sostanze tossiche che l’uomo, superficialmente, non conosce. Ecco, allora, i 7 prodotti casalinghi più presenti nelle nostre vite – di cui è stata scientificamente testata la dannosità – e del perché dovremmo smettere di utilizzarli. I 7 Prodotti casalinghi tossici!

Potrebbe interessarti anche: Allerta Detergenti e Dentifrici con Triclosan | La lista nera e i rischi

I 7 Prodotti casalinghi tossici che ci fanno ammalare

prodotti tossici
7 prodotti casalinghi tossici che ci fanno ammalare (Istock)

Ci siamo già occupati recentemente di salute e prodotti tossici da evitare per il bene nostro e dei nostri cari. Uno di questi è stato proprio l’allerta sui detergenti e dentifrici con il Triclosan, pericolosissimi per la nostra salute ma che usiamo, inconsapevolmente, più volte al giorno. Abbiamo anche parlato di quali sono i prodotti di bellezza più dannosi per la nostra pelle e per la salute generale che dovremmo evitare. Su questa scia, oggi ci occupiamo, più in generale, i 7 prodotti casalinghi più tossici che usiamo quotidianamente in casa per le nostre faccende domestiche e non solo, prodotti di uso quotidiano altamente nocivi come alcuni tipi di tavolo, per esempio. Scopriamo quali sono e quale danno può provocare un uso costante di tali prodotti sulla nostra salute.

1. Tavolo in Legno pressato

tavolo
7 prodotti casalinghi tossici (Istock)

Sembrerebbe qualcosa di sconosciuto e lontano da noi, ma quasi tutti all’interno della propria casa o in veranda hanno un tavolo di legno pressato. Ma come mai questo oggetto che sembrerebbe così innocuo è in realtà tossico? Perché la colla che tiene insieme tutti i pezzi di legno del nostro tavolo è composta di urea formaldeide, una sostanza che poi rilascia la sua componente di base – la formaldeide, appunto – nella stanza in cui si trova l’oggetto in legno pressato. Più il luogo è umido e caldo, maggiore sarà l’emissione di formaldeide.

La formaldeide è utilizzata, in aggiunta ad altre sostanze chimiche, nei prodotti di manifattura, ma anche come apprettante, come componente di colle o adesivi, in alcune vernici o prodotti di copertura (schiume isolanti a base di urea-formaldeide), nei prodotti di pulizia, in alcuni farmaci e nei prodotti cosmetici e come conservante anche negli alimenti. È anche un prodotto secondario della combustione, generata da processi incompleti, quali ad esempio, il fumo di prodotti del tabacco, di bastoncini fumiganti, stufe a cherosene e stufe a gas, la formaldeide si può sviluppare a seguito della degradazione dei materiali da costruzione. Spesso le concentrazioni di formaldeide dovute ai materiali da costruzione ed i prodotti di manifattura, anche se ridotte e nei limiti accettabili, diventano pregiudizievoli se associate a quelle dei prodotti per la pulizia degli ambienti, degli alimenti, dei medicinali ed a quelle presenti nei nuovi arredi.

La formaldeide presente nell’aria ambiente irrita le mucose provocando bruciore agli occhi, al naso e alla gola e lacrimazione. Se l’irritazione persiste possono manifestarsi le cefalee sia leggere che emicranie significative, stanchezza e malessere. Una esposizione breve è senza conseguenze, ma se l’esposizione a un elevato tasso di formaldeide si protrae per diversi mesi o addirittura anni possono essere inoltre pregiudicate le funzioni polmonari e aggravato il rischio di malattie alle vie respiratorie.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

2. Gli Zampironi

zampirone
7 prodotti casalinghi tossici (Istock)

Lo zampirone è un tipo di incenso a forma di spirale composto da da polveri compresse di piretro (polveri fini) e altamente utilizzato, ad esempio, in estate all’aria aperta, perché il fumo sprigionato dall’incenso è un buon repellente per zanzare e insetti.

Sembrerebbe un’invenzione molto utile, ma un recente studio dell’università di Sydney, ha stimato che le polveri sottili derivanti dalla combustione della spirale anti zanzare, equivale a bruciare 75-137 sigarette. Questo livello di esposizione rappresenta un serio rischio per la nostra salute.

Risulta evidente che dovremmo evitare un’esposizione prolungata a questi fumi, specialmente negli spazi chiusi.

Una quantità così elevata di fumo è altamente nociva, in generale per la salute e in particolare provoca ingenti danni ai polmoni. Ci sono prove sufficienti per dimostrare che, se usato all’aperto, lo zampirone aiuterà a ridurre le punture di zanzara, ma dovrebbe essere usato con giudizio. Usarli in combinazione con repellenti per insetti topici, probabilmente fornisce la miglior protezione. Il loro uso in ambienti chiusi è fortemente sconsigliato.

Potrebbe interessarti anche: Allarme Sigaretta Elettronica | Ecco i danni che provoca davvero alla salute

3. Prodotti antibatterici

prodotti tossici
7 prodotti casalinghi tossici (Istock)

Siamo abituati ad usarli in continuazione. Parliamo dei prodotti antibatterici, shampoo, dentifrici, detergenti intimi e non, insomma molti sono i prodotti antibatterici che, però, sono dannosi per la nostra salute. Da specificare che non tutti i prodotti antibatterici che abbiamo in casa per uso personale sono tossici. Quello che rende tossico un prodotto di bellezza come un cosmetico o uno shampoo o un dentifricio è una sostanza che molte volte è presente al loro interno: il triclosan (se vuoi sapere di più su questo puoi cliccare sull’approfondimento di seguito Allerta Detergenti e Dentifrici con Triclosan | La lista nera e i rischi).

Il Triclosan cos’è? Si tratta di un derivato triclorurato del fenolo la cui struttura chimica è simile a quella della diossina – motivo per il quale sono stati avviati diversi studi riguardo la sua tossicità.

Dalle ricerche è emerso che l’utilizzo di triclosano provocava cancro al fegato alle cavie – i topi – e infatti il Governo degli Stati Uniti ne ha vietato la produzione e l’utilizzo.

Prima di utilizzare un qualsiasi prodotto per la cura della persona, controlla sempre gli ingredienti affissi sulla confezione. Il triclosan si può trovare anche in alcune marche note di olio e bagnoschiuma per i neonati, nonché in alcuni cosmetici di bellezza e creme corpo.

4. I Cosmetici e i giocatoli per l’infanzia con ftalati

Night beauty routine: 10 errori da non commettere
7 prodotti casalinghi tossici (Istock)

I cosmetici sono costituiti dalle sostanze più improbabili – come, ad esempio, il guano di pipistrello utilizzato nel mascara – ma, spesso, alcune di esse sono anche nocive per la salute. Si tratta degli ftalati, meglio conosciuti come plasticizzanti, che sono responsabili di gravi danni e malattie riscontrate negli animali.

Motivo per il quale non è impossibile che esista una tossicità anche per gli esseri umani. La funzione degli ftalati è quella di donare odore e colore ai cosmetici, ai prodotti di bellezza, ma anche ai deodoranti e ai prodotti per capelli. Si possono trovare discrete quantità di ftalati anche nella tendina della doccia.

Gli utilizzi degli ftalati sono numerosi, vengono infatti usati da moltissimi anni come agenti filmogeni, solventi, denaturanti, ma soprattutto come plastificanti, ovvero come sostanze che, aggiunte alla plastica, la rendono maggiormente flessibile, maneggevole e resiliente (la resilienza è la capacità di un materiale di non andare incontro a rotture in caso di urti).

La stragrande maggioranza degli ftalati che vengono prodotti sono utilizzati per la plastificazione del PVC (cloruro di polivinile), la sostanza plastica più utilizzata nel mondo, i cui campi di applicazione sono i più variegati, si va infatti dal settore automobilistico a quello edilizio, dall’industria di prodotti medicali a quella dei giocattoli e di articoli per l’infanzia; se si considera poi che gli ftalati vengono utilizzati con altri scopi anche in altri settori industriali (in primis quello cosmetico) ben si comprende quanto diffusa sia la presenza di queste sostanze nella nostra vita quotidiana.

I ftalati non sono inoltre consentiti nei prodotti cosmetici poiché tali ftalati vengono ritenuti tossici per la riproduzione (sarebbero responsabili di oligospermia nei maschi e di disfunzioni ovariche nelle femmine).

5. Bastoncini di Incenso

bastoncini incenso
7 prodotti casalinghi tossici (Istock)

Anche l’incenso è un prodotto di largo uso quotidiano altamente nocivo e quasi nessuno ne è consapevole. Come gli zampironi, l’incenso risulta tossico a causa della grossa quantità di fumo che emette, ma non solo: anche la qualità degli elementi contenuti nelle stecche di incenso generano problemi. Alcuni incensi, soprattutto se di scarsa qualità, rilascerebbero nell’aria composti tossici. A spiegarlo bene uno studio condotto in vitro proprio sulla combustione di due tipi di incenso, quelli più usati normalmente dalle persone in casa.

Nello studio condotto, i ricercatori hanno confrontato gli effetti della combustione di due tipi di incensi con quelli del fumo di sigaretta su diverse linee cellulari in vitro. Entrambi gli incensi contenevano il legno di sandalo e l’agar, due fra le essenze più utilizzate per questi prodotti; i composti del fumo di sigaretta e degli incensi sono stati tenuti a contatto con le cellule e queste poi sono state analizzate a fondo.

I risultati mostrano che gli incensi avrebbero effetti mutageni sul DNA cellulare e sarebbero citotossici, ovvero in grado di danneggiare irreparabilmente le cellule. Il 99% del fumo degli incensi analizzati era costituito da particelle fini e ultrafini che perciò, secondo i ricercatori, potrebbero essere ulteriormente pericolose per la salute dei polmoni. Nei campioni si sono potuti identificare 64 composti: alcuni sono irritanti o solo lievemente tossici, ma altri sarebbero potenzialmente molto nocivi.

Inalare ripetutamente questi tipi di incenso può portare gravi danni alla salute, passando dalla semplice asma fino a patologie ben più gravi, come il cancro ai polmoni.

6. Deodoranti per ambienti

deodorante per casa
7 prodotti casalinghi tossici (Istock)

I deodoranti per l’ambiente contengono delle sostanze che aggrediscono il nostro sistema respiratorio e possono creare allergie e disturbi respiratori, oltre che aggravare l’asma, per chi ne soffre. Esistono tanti metodi per profumare la casa con prodotti naturali, come pot-pourri, acque profumate realizzate con agrumi e spezie o sacchetti profumati con fiori di lavanda e rosa.

E’, però doveroso informare che, come si evince dal sito del Ministero della Salute riguardo la pericolosità di questi prodotti per deodorare gli ambienti indoor (i cosiddetti “airfresheners”), vengono utilizzati in tutte le case nelle più diverse forme (spray, incensi, olii essenziali ecc.) e che gli studi scientifici sugli effetti degli “airfresheners” sulla salute sono molto scarsi, anche perché la legge fino ad ora non prevedeva che le ditte eseguissero controlli sulle sostanze che rimanevano nell’aria indoor, dopo aver utilizzato il prodotto o che approfondissero eventuali effetti a lungo termine. D’altro canto non esiste al momento alcuna normativa specifica in ambito nazionale ed europeo che obblighi i produttori ad indicare in etichetta gli ingredienti utilizzati. 

Potrebbe interessarti anche: Salute | I prodotti di bellezza più tossici sul mercato che usi ogni giorno

7. Detergenti per pulizia del Forno e delle Tubazioni

forno
7 prodotti casalinghi tossici (Istock)

Sono in assoluto i più nocivi tra i detergenti per la pulizia della casa. Probabilmente vi basterà sentirne l’odore per capire che non sono molto salutari.
Solitamente questi prodotti sono a base di soda caustica e solventi e, oltre ad essere dannosi per la pelle, si rischia di inalarne i vapori con forte irritazione a naso, gola ed occhi. Se questo non bastasse, questi detergenti sono altamente inquinanti, perciò pericolosi per l’ambiente. Se volete utilizzare un prodotto equivalente, ottimo per pulire il forno e, soprattutto, innocuo potrete realizzare una pasta di acqua e bicarbonato da passare sulle pareti e sulle piastre del forno.

donna casalinga
balsamo per capelli i 15 usi alternativi (Istock Photos)
Ancor peggio sono i prodotti per disgorgare le tubazioni che contengono acidi e sostanze corrosive, dal momento che sono assolutamente pericolosi per l’ambiente ed estremamente pericolosi per la persona. Bisogna sempre utilizzarli indossando i guanti, stando ben attente a non inalare eventuali esalazioni e proteggendo gli occhi dagli schizzi.