Coronavirus | Fermare il contagio dipende da noi: lo dice Roberta Villa

0
42

In un nuovo video su youtube, Roberta Villa, giornalista e divulgatrice scientifica, ci spiega perché e in che modo “Fernare il Coronavirus dipende da noi”.

fermare coronavirus
Foto da YouTube

Proprio mentre il governo firma il nuovo decreto legge per far fronte all’emergenza Coronavirus, gli italiani cercano di affrontare il timore contagio con una ritrovata razionalità, un approccio diverso dall’iniziale allarmismo e, si spera, decisamente più costruttivo.

Il pericolo è però dietro l’angolo. Si fa presto infatti a passare dall’allarmismo all’eccessiva leggerezza, a un fatalistico menefreghismo che rischia di farci compiere il temuto passo falso. Obbligati a stare a casa, persuasi che ogni mossa ci portasse vicino alla morte e intimoriti da qualsivoglia collegamento con l’Oriente, rischiamo ora di passare all’eccesso opposto, di scalpitare tanto da pronunciare il fatidico “me ne frego”.

Ritorniamo allora a fare aperitivi di massa, a uscire di casa anche con il naso gocciolante e a non spaventarci più per qualche colpo di tosse di troppo: abbiamo esagerato e ora vogliamo sfatare il ito.

Contro questo dannoso meccanismo si è pronunciata sin dall’inizio della crisi Roberta Villa, giornalista e divulgatrice scientifica che, attraverso i social network, ha seguito sin dagli albori il Coronavirus cercando di renderne i meccanismi noti anche noi profani della materia e invitandoci sempre e solo a una cosa: la razionalità.

Sciocco chi si faceva cogliere da un panico immotivato, ancor più sciocco chi, oggi, pensa di rispondere all’isteria generale con sconsiderata leggerezza. La razionalità e la consapevolezza prima di ogni altra cosa, ci ha insegnato Roberta Villa che ora prova anche con un video Youtube ha lanciare quello che ritiene esser da sempre il messaggio più importante in questo momento di crisi:

“Fermare il Coronavirus? Dipende da noi”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Coronavirus | Quarantena, a che cosa serve veramente?

Fermare il coronavirus dipende da noi

Roberta villa coronavirus
Foto da Instagram @robvil

“Appena non stai bene resta a casa”. Questo il messaggio che la giornalista intende divulgare attraverso il suo filmato, minuti di dialogo in cui illustra come stare a casa in caso di malessere è, a tutti gli effetti, un dovere civico (non solo in epoca di Coronavirus), dovere a cui recentemente bisogna sottostare ancor più del solito.

“Psicologicamente è normale, non possiamo reggere la paura per settimane” spiega Roberta Villa, illustrando come oramai si è passati da un eccesso all’altro, dall’immobilismo totale allo svagare totalmente, al non voler più sottostare ad alcuna restrizione.

L’iniziale psicosi sta portando le temute conseguenze di cui la giornalista parlava da tempo e così, ora, la stessa decide di pubblicare un video in cui spiega come il senso civico e il normale buonsenso dovrebbero spingerci a comportarci. Perché sì, superare il Coronavirus dipende in primis proprio da noi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Coronavirus | Preside scrive agli studenti: “oggi come nei Promessi Sposi”

“NON STAI BENE? RESTA IN CASA! Nell’emergenza che stiamo fronteggiando per la diffusione del nuovo #coronavirus, ognuno deve fare la sua parte. I politici devono prendere decisioni difficili, spesso basate sull’incertezza; gli operatori sanitari sono in prima linea, con un improvviso e importante sovraccarico di lavoro e di rischio personale; ai media si chiede la responsabilità di un’informazione corretta. L’arma più importante per sconfiggere la #COVID-19 è però nelle mani dei cittadini, e non è un’arma difficile da usare: oltre alle misure igieniche che si continuano a raccomandare (prima fra tutti il lavaggio frequente e accurato delle mani), è fondamentale che chiunque manifesti sintomi, anche lievi (mal di testa, mal di gola, febbricola, raffreddore, dolori muscolari e così via) stia in casa, cerchi di dormire da solo, protegga chi gli sta vicino con una mascherina chirurgica. Se TUTTI mettessimo in pratica questa semplice regola, e chiamassimo il 112, il 118 o altri numeri di emergenza solo se le nostre condizioni diventassero più preoccupanti (principalmente se il respiro diventa faticoso o difficile), potremmo frenare la diffusione del contagio nel giro di poche settimane, risparmiando molti danni economici, disagi e, soprattutto, vite umane. Contemporaneamente, chi sta bene deve invece continuare la sua vita normale, attenendosi alle limitazioni imposte dalle autorità, senza abusare di mascherine (che non servono nella quotidianità, possono favorire il contagio e mancano poi a chi ne ha bisogno davvero). Insieme ce la possiamo fare!”

Così Roberta Villa introduce sul suo canale YouTube il filmato che vi riproponiamo qua sotto, un invito al buonsenso che ci sentiamo di sottoscrivere e divulgare a nostra volta.