Home Gossip Alberto Angela litiga con un paparazzo: “Devo proteggere mio figlio!”

Alberto Angela litiga con un paparazzo: “Devo proteggere mio figlio!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:56
CONDIVIDI

Alberto Angela si è scagliato contro un paparazzo: la violenta reazione del divulgatore televisivo ha coinvolto anche le forze dell’ordine della Capitale. Alberto non era da solo, ma in compagnia di suo figlio minorenne.

Alberto Angela paparazzo
Alberto Angela (Foto: Instagram)

Famoso per essere sempre estremamente cordiale e disponibile sia nei confronti dei suoi moltissimi fan, sia nei confronti dei giornalisti che chiedono di intervistarlo e di rilasciare dichiarazioni, stavolta Alberto Angela ha avuto una reazione apparentemente scomposta nei confronti di un paparazzo che stava facendo il suo lavoro.

La scena si è svolta a Roma, dove Alberto Angela stava camminando per la strada insieme a suo figlio minorenne. Un paparazzo, che evidentemente li stava seguendo proprio per ottenere una foto interessante, ha scattato loro una foto.

Quando Alberto si è reso conto di quello che stava succedendo, però, la sua reazione non si è fatta attendere: il conduttore ha prima chiesto al fotografo di cancellare la foto e poi, quando ha ricevuto un netto rifiuto, ha chiamato la Polizia. 

I motivi della reazione forse eccessiva da parte di Alberto Angela vanno ricercati in quello che accadde a suo figlio Edoardo non troppi mesi fa.

Alberto Angela contro un paparazzo, ma ha torto

La cultura vince
Alberto Angela

L’altro protagonista della vicenda è il fotografo professionista Mattia Brandi, che svolge regolarmente il suo lavoro da oltre 20 anni e che conosce perfettamente i limiti che la legge impone alla sua libertà professionale.

Per questo motivo, quando Alberto Angela ha chiesto di cancellare lo scatto, Brandi si è rifiutato, spiegando che era nei suoi diritti fotografare un personaggio pubblico in un luogo pubblico come le strade di Roma.

A quel punto Angela ha voluto chiedere l’intervento della Polizia. Un agente è giunto sul posto e ha registrato le generalità di tutte le persone coinvolte nella vicenda.

Come ha spiegato Mattia Brandi Oggi, però, l’agente non ha sostenuto la richiesta di Angela, dal momento che in effetti la legge era dalla parte del fotografo. Dopo una lunga discussione però il paparazzo ha deciso di pubblicare le fotografie oscurando il volto del figlio di Angela, il quale era preoccupato principalmente di preservare il diritto alla privacy di suo figlio.

In ogni caso, ha assicurato successivamente il divulgatore, il confronto con il paparazzo, anche se lungo (almeno 20 minuti) è sempre avvenuto nella massima civiltà e non ha mai visto i toni alzarsi più del necessario.

I motivi per cui Angela è diventato così protettivo nei confronti dell’immagine pubblica dei suoi figli si deve ricercare nell’episodio che si verificò qualche tempo fa, quando il web scoprì per puro caso il viso del secondo figlio di Alberto Angela, Edoardo.

All’epoca Edoardo ricevette un’attenzione mediatica eccessiva e che il ragazzo, evidentemente, trovò sgradevole. Tutto era nato perché, esattamente come suo padre e suo nonno, Alberto mostra già da giovanissimo tutto il fascino degli Angela.

Molti utenti di Instagram, che naturalmente erano per la maggior parte ragazze, in quel periodo tentarono di carpire quante più informazioni possibili in merito alla sua vita privata, destando inevitabilmente anche l’attenzione della cronaca rosa. Fu in quel periodo che si scoprì che Edoardo Angela conosce e frequenta abitualmente Anna Lou Castoldi, ovvero la figlia di Asia Argento per la quale Morgan non ha mai pagato gli alimenti.

Alberto Angela figlio Eduardo
Alberto Angela e suo figlio Eduardo (websource/archivio)

Scosso da quello che era accaduto a Edoardo, (che all’epoca era diciannovenne) Alberto Angela ha tentato di assicurarsi che un altro dei suoi tre figli, oggi ancora minorenne non si trovasse a sopportare le stesse intrusioni nella sua vita privata.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.