Dieta per la tiroide: pesce, frutta e verdura

0
33

Tiroide, un problema per milioni di italiani. Come spesso succede, un aiuto arriva dalla tavola: la dieta per la tiroide aiuta a far funzionare meglio il fisico

Istock

Problemi alla tiroide: ne soffrono almeno 6 milioni di italiani e la maggioranza è rappresentata da donne. Stanchezza eccessiva, sovrappeso, ciclo mestruale irregolare, ma anche battito accelerato e stitichezza. Dipende tutto dal mal funzionamento di questa ghiandola del collo.
Uno dei disturbi più comuni è l’ipotiroidismo, cioé quando la tiroide non funziona come dovrebbe ed è molto rallentata. Invece l’ipertiroidismo presenta il problema opposto. Ma in tutti i casi accanto alla cura prescritta dallo specialista è essenziale una dieta per la tiroide.

Il principio fondamentale è quello di stimolare un corretto funzionamento del sistema endocrino. Seguire una corretta dieta per chi soffre di tiroide aiuterà anche l’intestino. Tra gli alimenti da portare sempre a tavola c’è il pesce, fresco ma anche surgelato. Basta che sia ricco di Omega 3. Va bene tutto il pesce azzurro che abbonda nei nostri mar, così come molluschi e alghe, non più di due volte alla settimana. Per insaporire sia il pesce (ma anche la carne) non c’è nessuna controindicazione all’uso delle più comuni spezie in cucina.
Fanno benissimo anche le uova e le carni biologiche, particolarmente quelle bianche come pollo, manzo, tacchino oltre ad agnello e maiale. E ancora cereali senza glutine come il riso, il grano saraceno e la quinoa, il miglio e il sorgo, le patate dolci, la barbabietola rossa e il sedano rapa.

Essenziale come sempre il ruolo di frutta e verdura, meglio di stagione. Quindi lattuga, cavoli, spinaci, finocchi e asparagi sempre cotti. Tra i frutti banane, pere, pesche, kiwi, fragole, albicocche e nespole, ma anche pompelmi e mirtilli.
In generale sono da preferire gli alimenti ricchi di vitamina A (carote, cachi, vongole, indivia), e di Vitamina B ( sgombri, cozze, salmone, baccalà, sardine, acciughe, fegato di vitello e pollo). Inoltre il sale iodato stimola la naturale funzione delle tiroide.

Potrebbe interessarti:  Banane Blue Java | Proprietà benefici e particolarità

Tiroide, tutti gli alimenti no

dieta
frutta verdura iStock

La dieta per problemi di tiroide deve essere seguita almeno per quattro settimane, salvo diversa indicazione. In questo periodo devono essere evitati accuratamente altri alimenti che invece sortirebbero l’effetto contrario rendendo inutile questo regime alimentare.
Quindi diciamo no ai cibi che contengono una grande quantità di glutine, perché affatica la digestione. Parliamo dei prodotti a base di farro, orzo, kamut, segale, frumento, altri tipi di farine per produrre pane, pasta, pizza e focaccia, crackers e biscotti.
Sempre da eliminare anche il latte animale e tutti o derivati a cominciare da formaggi (anche quelli magri) yogurt, burro, gelati e dolci. Al massimo una volta la settimana possiamo portare a tavola

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

 

Perdere peso velocemente con la dieta dello yogurt greco

i vegetali che appartengono alla famiglia delle solanacee. Sono pomodori, peperoni, melanzane, peperoncino fresco perché le loro sostanze alterano ’equilibrio della flora batterica intestinale. Infine accantoniamo, almeno in questo periodo, i legumi perché possono irritare l’intestino.