Eros Ramazzotti | Spunta il murale che celebra il ragazzo di periferia

0
39
Eros ramazzotti murale
Eros Ramazzotti (Foto: Instagram)

Nel 1986 Ero Ramazzotti vinceva il Festival di Sanremo con uno dei brani destinato a rimanere per decenni tra i più amati del suo repertorio.

Adesso Tu cominciava con una strofa che raccontava, in pochissime parole, i sogni e le ristrettezze di un ragazzo “nato ai bordi di periferia”, in quei quartieri popolari di cui Eros per moltissimo tempo è stato un simbolo e un portavoce sincero e insostituibile.

Proprio al giovane Eros Ramazzotti i suoi amici e i suoi fan hanno voluto dedicare un grande murale, che ricopre l’intera altezza di un condominio di vari piani, e che cita il titolo di un altro brano altamente simbolico di Eros: Musica è.

Il Murale per Eros Ramazzotti: un progetto nato dal cuore

eros ramazzotti fidanzata
Eros Ramazzotti da giovane (Foto: Instagram)

Come si dice in questi casi, l’idea di dedicare un grande pezzo di street art ad Eros Ramazzotti è nato “dal basso”. 

Come racconta Chicco Vanni, storico amico di Eros, l’iniziativa è partita in maniera completamente spontanea da un gruppo di circa 20 persone che hanno collaborato attivamente per reperire mezzi e soldi per la realizzazione dell’opera.

Il murale è stato realizzato dallo street artist Cosimo Cheone Califfa ed è un ritratto in bianco e nero senza particolari orpelli grafici: Eros addirittura indossa una semplice canottiera bianca. 

Il murale decora una delle facciate delle palazzine del Viale Palmiro Togliatti, luogo molto vicino alla casa natale di Eros, che visse i primi anni della sua vita in Via Carlo Calisse.

Il murale è attualmente completo ma sarà inaugurato solo tra qualche giorno, per la precisione domenica prossime 23 Marzo, alla presenza (tra gli altri) del padre di Eros, Rodolfo Ramazzotti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Repubblica Roma (@repubblica_roma) in data:

Nel frattempo Eros è impegnato in un tour in Sud America e non ha potuto assistere direttamente ai lavori che hanno tenuti impegnato l’artista e i suoi collaboratori per cinque giorni.

Questo però non ha impedito al cantante di ringraziare tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione del progetto e ha promesso che presto tornerà a Lamaro – Cinecittà per ringraziare personalmente tutti coloro che hanno contribuito all’opera.

Nel frattempo il murale è già diventato una tappa obbligatoria per tutti i fan di Eros che hanno saputo del progetto prima ancora che fosse completato e che sono già accorsi a scattare decine di selfie sotto al ritratto del cantante.

Un momento di grande gioia e di realizzazione personale per Ramazzotti, che esce da un periodo sicuramente duro dal punto di vista personale e che è cominciato dal divorzio dalla sua seconda moglie.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.