Dieta integrale | via la pancia e vivi meglio

0
23

La Dieta integrale è un modo intelligente per stare bene senza troppe rinunce. A tavola portiamo di tutto e combattiamo anche il diabete

istock

I cereali fanno bene alla salute e non è un caso che anche nella classica Dieta mediterranea siano previsti. Ma quando abbiamo necessità di perdere fino a 3-4 chili in un tempo ragionevolmente breve, allora scegliamo una Dieta integrale e sarà un successo.
I cereali infatti danno tantissimi vantaggi e tra questi c’è anche il fatto che sono efficaci per ridurre il grasso addominale ma aiutano pure a prevenire il diabete. Però è necessario puntare sui cereali integrali, a partire dal riso, dal grano saraceno e da moto altro, perché mantengono intatte le loro proprietà nutritive.

Infatti presentano un alto contenuto di fibre come è stato più volte dimostrato dagli esperti del settore. Almeno tre porzioni al giorno di cereali integrali diminuiscono in maniera chiara l’adipe, soprattutto nelle zone dell’addome. E questo è un grande vantaggio perché il grasso addominale è uno dei fattori di rischio più evidenti non solo per la nostra linea ,ma anche per i problemi cardiovascolari che può comportare.

Inoltre il consumo di cereali integrali può favorire la prevenzione del diabete. Infatti anticipare l’obesità riduce notevolmente il rischio di dover poi combattere contro il diabete di tipo 2. Ma non è tutto, perché i cereali, se consumati con continuità, rallentano anche l’assorbimento degli zuccheri nel sangue e allo stesso tempo migliorano la funzione insulinica.
Unica controindicazione sui cereali integrali è nel caso di celiachia (dimostrata da esami specifici) oppure per chi soffre di sindrome dell’intestino irritabile. Ecco perché, come diciamo spesso, prima di cominciare una dieta oppure di sposare uno specifico regime alimentare è sempre meglio consultare uno specialista.

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Dieta integrale, il menù giornaliero

Ma quale deve essere un normale menù giornaliero per chi segue da Dieta integrale? Partiamo dalla colazione.

Ci sono varie opzioni: Una tazza di caffè o tè senza zucchero, con 120 grammi di yogurt greco bianco intero e 180 grammi di mela o pera cotta insieme a 3 cucchiaini di germe di avena.

Oppure caffè o tè a piacere senza zucchero, 40 grammi di fiocchi di avena in 200 ml di latte di soia con un cucchiaino di miele e 40 grammi di cereali.

potrebbe interessarti: Dieta del riso integrale | dimagrire prima delle feste

A pranzo invece 60-70 grammi di pasta o riso integrali, oppure grano saraceno, avena in chicchi o bulgur accompagnati da salsa di pomodoro fresca o un cucchiaino di pesto.

E ancora, 250 grammi di verdure a scelta tra , melanzane, pomodori ,zucchine, peperoni, zucca, rucola o 200 grammi di broccoli, carciofi, spinaci, finocchi, asparagi, cavolfiore (a seconda della stagione) insieme ai cereali.

Come condimento, un cucchiaino di olio di oliva ma anche erbe, spezie ed eventualmente mezzo scalogno. Potete anche puntare su un piatto unico mettendo insieme 140 grammi di legumi lessi con 100 grammi di mais dolce o 250 grammi di carote crude grattugiate e un cucchiaino di olio

Legumi: le ricette migliori per gustarli

A cena invece 100 grammi di vitello o prosciutto cotto sgrassato o 120 grammi di petto di pollo o tacchino ai ferri accompagnato da 150 grammi di patate al forno o 200 grammi di zucchine o peperoni o melanzane grigliate condite con succo di limone e prezzemolo.

Se amate il pesce, 100 grammi di polpo o calamari oppure filetto di merluzzo cotto in forno sempre con le verdure e per finire una tisana ai semi di finocchio. Accompagnate sempre con pane o crackers integrali.