Leo Gassmann vince Sanremo Giovani 2020 | Papà Alessandro esulta su Twitter

0
37

Leo Gassmann vince Sanremo Giovani 2020 battendo in finale Tecla: papà Alessandro esulta su Twitter ed urla per la gioia, video.

leo gassmann vince sanremo 2020
Leo e Alessandro Gassmann – Foto Instagram https://www.instagram.com/alessandro_gassmann_official/

Leo Gassmann vince Sanremo Giovani 2020 e papà Alessandro esulta su Twitter. Pochi minuti dopo l’annuncio di Amadeus, Alessandro Gassmann esulta su Twitter pubblicando un video che, in pochi minuti, ha già fatto il giro del web.

Leo Gassmann vince Sanremo Giovani 2020, Alessandro Gassmann esulta su Twitter: “mi sei sempre andato bene così amore mio”

leo gassman
Gassman – Fonte Instagram https://www.instagram.com/leogass.official/

Leo Gassmann è il vincitore della sezione Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2020. Con l’arte nel dna ereditato da papà Alessandro e da nonno Vittorio, Leo ha trionfato sul palco del Teatro Ariston battendo prima Fasma e poi Tecla che si è dovuta accontentare del secondo posto.

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Subito dopo aver saputo dalla tv della vittoria del figlio, Alessandro Gassmann ha condiviso la propria gioia sui fans. “Mi sei sempre andato bene così amore mio”, ha scritto su Twitter pubblicando un video in cui esulta ed urla dalla gioia dopo aver ringraziato tutte le persone che hanno sostenuto il figlio Leo attraverso il televoto.

Leggi anche—>Achille Lauro risponde alle critiche sul look | “A Sanremo sono diventato una signorina”

Per Leo Gassmann, poche ore prima della finalissima, era arrivato anche il messaggio di Gian Marco Tognazzi, l’amico di lunga data di papà Alessandro. “Inutile dire che anche questo Sanremo sarò lievemente di parte dato che sul palco ci sarà quel gran figo con quella voce e quell’anima meravigliosa del mio amato nipotino. Forza Leo noi Tognazzi siamo tutti con te !!! Fai la Situescion e Spacca”, aveva scritto il figlio di Ugo Tognazzi.