Tommaso Zorzi vittima di omofobia: “I froc* non devono stare in tv” – VIDEO

0
4

Tommaso Zorzi è stato vittima di omofobia su Instagram. Il giovane è stato accusato di non essere un buon esempio perché gay

Tommaso Zorzi, famoso sul web e il piccolo schermo per aver preso parte a Pechino Express, Riccanza e recentemente protagonista con Giulia Salemi in uno spazio dedicato alla nuova edizione de La Pupa e Il Secchione, è stato recentemente vittima di omofobia. Che cosa è successo?

Tommaso è stato accusato di essere un cattivo esempio soltanto perché è un ragazzo omosessuale e, secondo l’hater in questione, devierebbe le generazioni più giovani facendo il “gay” in tv.

La replica di Zorzi, ovviamente, non è tardata ad arrivare. Il giovane ha pubblicato su Instagram il messaggio ricevuto, chiarendo che il suo percorso sul piccolo schermo non è di certo basato sullo stereotipo della figura del ragazzo omosessuale.

In tv, lui si mostra com’è nella vita reale, cercando di normalizzare l’immagine che spesso si ha delle persone appartenenti alla comunità LGBT.

Leggi anche:

Fedez contro Ferro: “L’omofobia, importante solo quando si presenta un disco”

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Il mio percorso televisivo non è mai stato alimentato dal mio orientamento sessuale. Non ho mai fatto spettacolo della mia omosessualità semplicemente perché non lo ritengo necessario né di gusto. L’idea che a un gay debba per forza essere ritagliato in televisione uno spazio dedicato all’esasperazione della sua effemminatezza mi rattrista molto, oltre a trovarlo poco costruttivo per la comunità di cui faccio parte. Io sono Tommy e al primo posto metto me stesso, il mio senso dell’umorismo, la curiosità che mi spinge a voler creare contenuti sempre diversi e la naturale propensione che ho all’intrattenimento. Non “faccio il gay”. Si tratta semplicemente di normalizzazione. Prima viene tutto il resto e poi si, è vero, mi piacciono gli uomini e non le donne, ma non è certo questo il punto. Ti auguro, caro omofobo, di svegliarti un giorno amando la tua vita, perché questo ti porterà inevitabilmente ad accettare il prossimo.

Un post condiviso da Tommaso Zorzi (@tommasozorzi) in data:

Tommaso Zorzi è stato vittima di omofobia, ma ha approfittato del terribile messaggio ricevuto per una dara una lezione a tutte queste persone frustrate.