Festival di Sanremo 2020 | Junior Cally, “No grazie”: testo

0
22

Scopri il testo e il significato del brano portato da Junior Cally al Festival di Sanremo 2020. Il titolo è No grazie.

Junior Cally a Sanremo
Foto da Instagram @juniorcally

Probabilmente uno dei brani più attesi al Festival, non solo per il profilo assai contraddittorio del suo interprete ma anche per un contenuto spiccatamente politico.

Un chiaro attacco al razzismo ma, più in generale, all’essere “contro” tipico di una società che esprime disappunto e ribellione solo sui social, nascosti dietro un nickname o, più in generale, dietro uno schermo.

L’attacco più spiccato è però contro chi diffonde idee populiste, a quei politici che fingono di aiutare, facendo leva su idee vacue senza poi concludere ciò che veramente conterebbe.

Il brano è essenzialmente un impegno: quello che gli artisti dovrebbero prendersi nel lottare attraverso la musica per ideali veri e di sostanza.

Infine anche una piccola critica a colleghi rapper che hanno virato verso contenuti più generalisti: a chi si starà riferendo?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Sanremo 2020 | L’hashtag di protesta delle donne contro Junior Cally

Sanremo 2020: Junior Cally No grazie

junior cally sanremo 2020
Foto da Instagram @sanremorai

Junior Cally
NO GRAZIE
di Callyjunior – J. Ettorre – F. Mercuri – G. Cremona –
E. D. Maimone – L. Grillotti – J. Ettorre
Ed. Sony/ATV Music Publishing (Italy)/EMI Music Publishing Italia/Sugarmusic/Merk and Kremont/Peermusic Italy/
Ultra Music Publishing Europe – Milano – Piacenza – Milano

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Junior Cally a Sanremo, preside lancia petizione:

Non ho i superpoteri
Ma tra tutti riconosco
Chi fa la voce grossa
Sempre e solo di nascosto
Dovrei puntare il dito contro
E fare il populista
Non fare niente tutto il giorno
E proclamarmi artista
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
Ogni mattina
Avrà l’oro in bocca
Finché ho i soldi nascosti nel letto
Con la resistenza
Alla dittatura
Del politicamente corretto
Il mio sogno è quello di arrivare in alto
Senza spendere i soldi di un altro
Faccio cattivo viso
A buon gioco
E anche se sono bello
Non piaccio
Non ho i superpoteri
Ma tra tutti riconosco
Chi fa la voce grossa
Sempre e solo di nascosto
Dovrei puntare il dito contro
E fare il populista
Non fare niente tutto il giorno
E proclamarmi artista
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
Spero si capisca che odio il razzista
Che pensa al Paese ma è meglio il mojito
E pure il liberista di centro sinistra che perde partite e rifonda il partito
Si chiedono “questo da dov’è uscito?”
Dal terzo millennio col terzo dito
Parlare di eccesso non è eccessivo
Sono il fuori programma televisivo
Non ho i superpoteri
Ma tra tutti riconosco
Chi fa la voce grossa
Sempre e solo di nascosto
Dovrei puntare il dito contro
E fare il populista
Non fare niente tutto il giorno
E proclamarmi artista
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
Giuro la smetto con sta storia del rap
Voglio scrivere canzoni d’amore per la mia ex
Trovarmi un lavoro serio e diventare yes man
Insultare tutti sì ma solamente sul web
No grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie

Fonte: Tv Sorrisi e Canzoni

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

sanremo 2020 cachet
Sanremo 2020 – Screenshot da video