Festival di Sanremo 2020 | Bugo e Morgan, “Sincero”: testo

0
27

Scopri il testo e il significato del brano portato da Bugo e Morgan al Festival di Sanremo 2020. Il titolo è Sincero.

bugo e morgan sincero
Foto da Instagram @sanremorai

Perbenismo e ipocrisia finiscono nel mirino di questo inedito duo, pronto con ironia e autoironia a raccontare la falsa cordialità, le raccomandazioni materne e poi quelle della società, tutto ciò che ci impone di non comportarci come realmente vorremmo.

A volte però si rischia di uniformarsi nel male, diffondendo odio e ferendo anche se stessi, come quando si finge che tutto vada bene.

Un po’ di onesta ci vuole, in primis con se stessi. Ecco come ce lo spiegano Bugo e Morgan.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Festival di Sanremo 2020 | Anastasio, “Rosso di rabbia”: testo

Sanremo 2020: Bugo e Morgan Sincero

bugo e morgan sabremo
Foto da Instagram @sanremorai

Bugo e Morgan
SINCERO
di A. Bonomo – M. Castoldi – C. Bugatti – A. Bonomo – S. Bertolotti
Ed. Edizioni Curci/Tetoyoshi Music Italia
Milano – Nizza Monferrato (AT)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Festival di Sanremo 2020 | Achille Lauro, “Me ne frego”: testo

Le buone intenzioni, l’educazione 
La tua foto profilo, buongiorno e buonasera 
E la gratitudine, le circostanze 
Bevi se vuoi ma fallo responsabilmente 
Rimetti in ordine tutte le cose 
Lavati i denti e non provare invidia 
Non lamentarti che c’è sempre peggio
Ricorda che devi fare benzina 
Ma sono solo io 
E mica lo sapevo 
Volevo fare il cantante 
Delle canzoni inglesi 
Così nessuno capiva che dicevo 
Vestirmi male e andare sempre in crisi 
E invece faccio sorrisi ad ogni scemo 
Sono sincero me l’hai chiesto tu 
Ma non ti piace più
Non ti piace più
Scegli il vestito migliore per il matrimonio 
Del tuo amico con gli occhi tristi  
Vai in palestra a sudare la colpa 
Chiedi un parere anonimo e alcolista
Trovati un bar che sarà la tua chiesa
Odia qualcuno per stare un po’ meglio 
Odia qualcuno che sembra stia meglio 
E un figlio di puttana chiamalo fratello  
Ma sono solo io 
Non so chi mi credevo 
Volevo fare il cantante 
Delle canzoni inglesi 
Così nessuno capiva che dicevo 
Vestirmi male e andare sempre in crisi 
E invece faccio sorrisi ad ogni scemo 
Sono sincero me l’hai chiesto tu 
Ma non ti piace più 
Non ti piace più
Abbassa la testa, lavora duro 
Paga le tasse buono buono 
Mangia bio nei piatti in piombo 
Vivi al paese col passaporto 
Ascolta la musica dei cantautori 
Fatti un tatoo, esprimi opinioni 
E anche se affoghi rispondi sempre 
“Tutto alla grande”
Però di te m’importa veramente 
Aldilà di queste stupide ambizioni 
Il tuo colore preferito è il verde 
Saremo vecchi indubbiamente ma forse meno soli 
Volevo fare il cantante   
Delle canzoni inglesi 
Così nessuno capiva che dicevo 
Essere alcolizzato spaccare i camerini 
E invece batto il cinque come uno scemo 
Sono sincero me l’hai chiesto tu 
Sono sincero me l’hai chiesto tu
Ma non ti piace più 
Non ti piace più
Non ti piace

Fonte: Tv sorrisi e canzoni

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI