Le Pardulas | Dolci perfetti per il week end

0
23

Le Pardulas, tipiche delizie sarde preparate in occasione di precise ricorrenze religiose, oggi diventano i dolci adatti ad ogni festa

Pardulas
Pardulas RICETTA (Istockphoto)

Citate da Antonio Gramsci in una delle sue lettere in carcere, le Pardulas ornano le tavole grazie al loro grazioso aspetto e alla loro infinità bontà.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.

La storia delle Pardulas

Pardulas dolcetti sardi
Pardulas RICETTA (Istockphoto)

Antonio Gramsci, in una delle sue lettere dal carcere, le cita speranzoso di un prossimo pranzo insieme a tutta la sua famiglia “Sono sicuro che ci vedremo ancora tutti assieme, figli, nipoti e forse, chissà, pronipoti, e faremo un grandissimo pranzo con kulurzones e pardulas”

La loro forma è pressoché tonda ma in origine pare avessero una forma differente. La loro forma somigliava ad una mezzaluna e venivano chiamate “padruas a coccoi”. Si preparavano più che altro a Pasqua, periodo dell’anno lunare, quindi ecco spiegata forma. Un fatto storico davvero interessante riguardo questi dolci si riferisce al Giorno dei morti. Leggenda ci racconta che le Pardulas fossero i dolci offerti alle “animeddas”, le anime dei morti.

Leggi anche: >>>>

In alcune località della Sardegna, dell’oristanese e del cagliaritano, le Pardulas rappresentavano un omaggio a Maria Puntaoru, una strega che appartiene all’immaginario ancestrale sardo

Come sono fatte? RICETTA

Pardulas
Pardulas RICETTA (Instagram photo)

Le Pardulas sono delle piccole tortine ripiene di ricotta e zafferano, al profumo di arancia o limone. Il tutto è rinchiuso in un morbidissimo rivestimento di pasta violata creata a mano

La pasta violata è un impasto di semola, acqua e strutto (o olio) usato in molte preparazioni sarde, come le seadas e le panade. Questa pasta richiede una formidabile manualità perché deve essere plissettata con gesti decisi.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Golosi dolcetti tipici della Sardegna adatti a ogni tipo di festività. Queste piccole tortine realizzate con un rivestimento fatto di pasta di semola di grano duro e strutto, ripiene di una crema alla ricotta e zafferano, renderanno la parte finale dei vostri pasti un momento da leccarsi i baffi. Seguite pure tutte le indicazioni per procedere con la preparazione

Ingredienti per la sfoglia

  • 250 g di farina di semola rimacinata
  • acqua q.b
  • un pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaio di strutto 

Ingredienti per il ripieno

  • 1 kg di ricotta
  • 50 g di zucchero
  • 100 g di farina
  • 3 tuorli
  • 1 arancia + 1 limone grattugiati
  • semi di vaniglia
  • 2 bustine di zafferano

Procedimento

  • Impastare la farina di semola nell’acqua dove abbiamo fatto sciogliere lo strutto
  • Aggiungiamo lo zucchero fino ad ottenere un impasto liscio e morbido
  • Avvolgiamo l’impasto con della pellicola e lasciamolo riposare per almeno 30 minuti
  • Uniamo la ricotta, le uova, lo zucchero, la farina la scorza degli agrumi e lo zafferano
  • Praprariamo delle palette grandi come una noce, circa 35 g ognuna
  • Tirare la sfoglia e, aiutandoci con delle formine tonde, tiriamo dei dischetti
  • Posizioniamo all’interno di ogni dolcetto una pallina di ripieno
  • Pizzicare i bordi della pasta sfoglia in sei punti
  • Inforniamo nel forno preriscaldato a 170 gradi per 30/40 minuti circa
  • Quando i dolcetti saranno pronti spolverate sopra lo zucchero a velo
Pardulas
Pardulas RICETTA (Istockphoto)