Home Curiosità I 7 cibi diuretici per sgonfiarsi e dimagrire

I 7 cibi diuretici per sgonfiarsi e dimagrire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:40
CONDIVIDI

Ci sono alimenti che sono più diuretici di altri e che pertanto possono aiutare durante la dieta o per combattere la cellulite.

Donna felice con mela – Fonte: iStock photo

Quando si decide di mettersi a dieta non lo si fa sempre e solo per perdere grasso. Tante volte, infatti, il vero nemico è la ritenzione idrica. Questa patologia, infatti, può portare ad un amento di alcuni inestetismi che provocano disagio esattamente come i chili di troppo.
Stiamo parlando della tanto odiata cellulite (scopri come eliminare per sempre la cellulite) ma anche del gonfiore che a volte coinvolge alcune parti del corpo come braccia, gambe o pancia mentre altre si distribuisce un po’ ovunque dando una sensazione spiacevole.
La ritenzione idrica, dopotutto, non è una condizione salutare in quanto impedisce all’organismo di eliminare le tossine e le scorie, portando anche a problemi come la pressione più alta, l’emicrania ed un senso di malessere generale.

Per fortuna, esistono diversi alimenti che possono aiutarci a combattere una ritenzione idrica leggera o momentanea e che grazie all’acqua che contengono, aiutano l’organismo a depurarsi a dovere, portando anche a sentirsi meglio nella propria pelle. Scopriamo quindi quali sono i cibi più diuretici tra i quali scegliere.

I sette cibi diuretici che aiutano a contrastare la cellulite

Dieta dei mirtilli
Donna con mirtilli – Fonte: Istock photo

I mirtilli. Iniziamo con questi frutti che a colazione sono l’ideale per sconfiggere la ritenzione idrica e la tanto odiata cellulite. Ricchi di flavonoidi, donano ossigeno, contrastano l’invecchiamento e hanno un effetto diuretico davvero eccellente. Ottimi da mangiare sia nello yogurt che sotto forma di succo.

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Le mele. Ricche di fibre e di proprietà benefiche, se mangiate ogni giorno aiutano a regolare la diuresi e a combattere eventuali ristagni di cellulite.

Il sedano. Ottimo spezza fame e amico della dieta, è un alimento altamente diuretico. Perfetto da sgranocchiare durante il giorno o da assumere sotto forma di tisana, specie se a colazione.

I finocchi. Alimento diuretico per eccellenza, aiuta a saziarsi con pochissime calorie contribuendo ad eliminare le tossine in eccesso attraverso la diuresi. Perfetti da mangiare crudi durante il giorno o in insalata. Sotto forma di tisana sono utili anche per sgonfiare, in particolare, la pancia.

Pomodori – Fonte: Thinkstock

I pomodori. Super food per eccellenza, aiutano a contrastare la ritenzione idrica, attenuando il gonfiore e limitando la pressione alta. Ottimi in insalata, sono ancora più performanti se consumati sotto forma di succo.

I cetrioli. Da sempre amici di chi è a dieta, oltre ad essere un ottimo spezza fame, i cetrioli sono anche l’alimento ideale per chi desidera depurarsi e drenare eventuali scorie non smaltite. Il loro effetto diuretico aiuta tra le altre cose ad attenuare la cellulite.

Le cipolle. Non tutti le amano, eppure le cipolle rientrano tra gli alimenti diuretici per eccellenza. Sia crude in insalata che cotte, sono un ottimo sistema per tornare a drenare in modo normale, eliminando le scorie in eccesso e depurando al contempo l’organismo. Tra le altre cose, sono molto utili se a causa della ritenzione si ha la pressione un po’ più alta del solito.

Leggi anche -> Tisana al cumino: addio alla pancia gonfia

Questi sette alimenti, inseriti giornalmente nel piano alimentare, possono dare un grande contributo a chi soffre di ritenzione idrica. Ovviamente, per avere degli effetti visibili bisognerà inserirli in contesto di vita sano e nel quale siano inserite un’alimentazione bilanciata e priva di alimenti nocivi per la salute e dell’attività fisica giornaliera.

Attenzione: La ritenzione idrica è una patologia. A meno che non si tratti di un episodio sporadico dovuto a degli eccessi alimentari è quindi sempre meglio affidarsi al proprio medico curante. In caso di ritenzione importante o che persiste nel tempo, le cause possono infatti essere di tipo ormonale, fisiologico o legate a problemi di intolleranze o allergie alimentari.
Gli alimenti sopra riportati sono quindi da considerarsi validi solo dopo aver appurato di non aver alcun tipo di problema in atto.

mirtilli
Ciotola con mirtilli – Fonte: iStock photo