Vischio bianco e il suo significato | Cosa narra la leggenda

0
6

Conoscete a leggenda del vischio bianco? Perchè si scambiano i baci sotto ai suoi rametti? Scopriamo da dove nasce l’usanza.

Vischio
Vischio Fonte: Pixabay

Conoscete la leggenda del vischio bianco? Si narra che sia il simbolo di fortuna ed amore, infatti la tradizione vuole che bisogna baciarsi sotto al vischio proprio a Capodanno, perchè sia di buon auspicio per l’inizio del nuovo anno.

Ma questa tradizione da dove deriva? Risale dalla mitologia dei vichinghi, ecco perché questa pianta “magica” è diventata  simbolo di amore, fortuna e buon auspicio.

 

Scopriamo che cosa è il vischio e qualche curiosità in più.

 

Vischio: che cosa è?

Vischio Fonte: Pixabay

Il Viscum album, noto come una pianta cespugliosa, appartiene alla famiglia delle Viscaceae.

E’ una pianta sempre verde, che cresce sui tronchi e sulla chioma di pioppi, querce e pini.

Il cespuglio del vischio non si nota facilmente, perchè viene spesso nascosto dalla chioma degli alberi, è più visibile in inverno rispetto alle altre stagioni in quanto i rami degli alberi sono più spogli di foglie. Il vischio si stabilizza sui tronchi di altre varietà,  infatti viene definito un semiparassita, ma non rappresenta una minaccia per l’albero ospite.

Questa pianta si presenta come un cespuglio corposo e molto ramificato, con delle foglie sottili e molto allungate, di colore verde. Si dispongono a coppie simmetriche lungo i rami, con dei piccoli fiorellini di colore giallo, quelle bacche che si notano è il frutto del vischio. Hanno una consistenza gelatinosa, ma non edibili perchè hanno effetti tossici.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Piante che purificano l’ambiente domestico | Scopriamo quali sono

 

Cosa narra la leggenda?

Leggenda del vischio
Leggenda del vischio Fonte: Pixabay

La tradizione vuole che a Capodanno, ci si deve dare un bacio sotto un rametto di vischio, ma dove nasce questa tradizione?

E’ una storia che origine lontane, nei paesi del Nord Europa e dalle popolazioni vichinghe, deriva infatti dal culto di Freya, la dea dell’amore e protettrice degli innamorati.

Anche se è si allontana dai canoni della tradizione cristiana, non si abbandona l’abitudine di baciarsi sotto il vischio. Questa tradizione si è estesa in tutta Europa.

La leggenda narra che la dea dell’amore Freya, aveva due figli Balder che era buono e generoso e Loki, cattivo e invidioso, che voleva uccidere il fratello.

La dea intuì l’idea di Loki e quindi aveva chiesto a tutti gli essere viventi di proteggere Balder , affinché non gli potesse accadere nulla, ma la dea non interpellò il vischio, perchè lo considerava innocuo, quindi utile.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Piante grasse da avere in casa, scopri i benefici per la salute

Loki allora utilizzò proprio il vischio per costruire una freccia che avrebbe ucciso Balder, e lo uccise. La dea Freya scoprì il corpo senza vita del figlio e scoppiò a piangere, le lacrime, toccando il terreno, si trasformarono però in bacche di vischio e quando queste toccarono il corpo di Balder, lui tornò in vita.

La dea era molto felice di ciò, quindi cominciò a baciare chiunque passasse sotto l’albero sul quale cresceva il vischio, quindi il suo bacio non era solo un onore, ma anche un portafortuna e una protezione.

Freya decise quindi di donare baci e i rametti di vischio a tutti gli esseri umani come segno di riconoscenza, motivo per cui i celti onoravano il vischio come pianta sacra.

Vischio
Vischio Fonte: Pixabay