Alexa non va messa in camera letto | Scopri perché

0
66

Prestare attenzione ai dispositivi dotati di microfono è molto importante. L’odierno è ormai gremito di aggeggi elettronici muniti di microfoni e ai quali poter dare innumerevoli istruzioni, uno di questi è Alexa. Alexa non va messa in camera da letto, scopriamo quali sono i rischi. 

Alexa non va messa in camera da letto
Alexa non va messa. in camera da letto | Tutti i rischi (Unsplash photo)

Scopri perché Alexa non va messa in camera da letto. In molti non tengono conto dei rischi ai quali incombe la propria privacy. Bisognerebbe informarsi in modo più approfondito per prevenire delle problematiche non da poco.

Cosa comporta avere in casa dispositivi come Alexa?

Alexa non va in camera da letto
Cosa comporta avere in casa dispositivi come Alexa? Scopri i rischi se la tieni in camera da letto (Unsplash photo)

Non è così scontato ad esempio, che il dispositivo si spenga al nostro comando. Possiamo a tal proposito parlare di un notevole studio condotto dalla matematica Hannah Fry. La matematica del London College, durante la conferenza di Natale della Royal Institution ha invitato tutti i presenti a non tenere dispositivi come Alexa nella propria camera da letto e in tutti quegli spazi, della casa o no, nei quali preferiremmo non essere ascoltati.

La Fry studia e fa ricerca da moltissimo tempo tutto ciò che concerne la privacy della persona e quanto la modernità, con la tecnologia, talvolta invadente, sia riuscita a metterla a repentaglio.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Dopo avere accettato l’invito alla Royal Institution, con il compito di intervenire a tema natalizio, ha sentito il bisogno di allarmare i presenti. Il tutto è stato trasmesso in streaming in tutto il paese

 “Penso che ci siano degli spazi nelle case, come la camera da letto e il bagno, che debbano continuare a restare totalmente privati. Queste tecnologie di assistenza vocale sono attivate da una parola, ad esempio Alexa, ma continuano a registrare per un certo periodo dopo che è terminata la conversazione. La gente ormai lo accetta, ma dovremmo pensare con più attenzione a quello che significa per noi”.

Leggi anche: >>>>

La questione diventa seria | Alexa non va messa in camera da letto ma non solo

Una multinazionale operativa nel settore dei mass media con sede a New York, la Bloomberg, ha informato su comportamenti poco corretti da parte di alcuni operatori Amazon. Questi, guardavano i filmati registrati dalle telecamere di sicurezza che erano stati installati nelle case che Amazon precisa come servizio fornito in modo volontario dagli utenti. Questi filmati però includevano anche scene di sesso e persone in bagno.

L’azienda Amazon ed altre come Google Assistant e il Siri di Apple sono stati accusati di aver ficcato il naso nelle case.

Come si sono discolpati? Dicendo che le registrazioni servono ai dispositivi per migliorarsi e quindi migliorare le loro funzionalità, attraverso le esperienze sempre nuove utili alla conoscenza.

Di fatto oscilliamo e continueremo a farlo, tra la sensazione di vivere meglio poiché ogni nostro dato arricchirà il dispositivo e lo renderà più efficiente e la sensazione che tutto questo possa essere usato contro di noi.

Alexa non va messa in camera da letto
Alexa non va messa in camera da letto | Tutti i rischi (Unsplash photo)