Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Ecco perché è importante fare colazione anche nei giorni di festa

Ecco perché è importante fare colazione anche nei giorni di festa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:40
CONDIVIDI

La colazione è il pasto più importante della giornata e andrebbe fatto anche nei giorni di festa.

cappuccino natale
Cappuccino natalizio – Fonte: iStock photo

Con l’arrivo delle feste natalizie sono in tanti ad aver già pianificato di approfittare dei giorni di festa per saltare la prima colazione, e tutto nella speranza di tagliare una buona dose di calorie e salvarsi dall’aumento di peso dovuto a pranzi, cene e dolci di Natale.
La verità è che il più delle volte, saltare la colazione non aiuta a perdere peso e neppure a mantenersi stabili. Evitare di mangiare porta ad arrivare affamati ai pasti successivi e tutto con il rischio di mangiare almeno il doppio rispetto a quanto si sarebbe fatto con una buona colazione alle spalle. Il risultato? Molte più calorie introdotte rispetto a quanto preventivato e poca soddisfazione per l’aver mangiato tutto troppo in fretta e senza quasi gustarlo, cosa che rischia di portare a nuovi assaggi con conseguente introito di altre calorie.
Un circolo vizioso dal quale non si esce e che solo con un approccio più moderato può trovare una soluzione. La scelta giusta da fare? Evitare eroismi come i digiuni o i salti della colazione e optare piuttosto per una linea di difesa più moderata ma di sicuro effetto dove la colazione sarà il modo per non arrivare affamati ai pasti, mantenersi lucidi e scegliere in modo consapevole cosa mangiare. Il risultato finale sarà sicuramente migliore sia per quanto riguarda il peso che per la soddisfazione di aver mangiato con calma, gustandosi le portate scelte.

Prima colazione: consigliata anche durante le feste

colazione natale
Colazione di Natale – fonte: iStock photos

Forse non tutti lo sanno ma quando ci si sveglia il nostro corpo ha bisogno di una buona ricarica per poter partire al massimo delle sue potenzialità e questo riguarda anche il metabolismo.
Appena scesi dal letto, quindi, è sempre bene bere dell’acqua per idratarsi e approntare una colazione che sia energetica ma anche bilanciata.
Questa dovrebbe infatti contenere tutti i macro nutrienti necessari al nostro organismo che sono carboidrati (meglio se provenienti da frutta e da cereali integrali e a lento rilascio), proteine magre e grassi buoni. Mangiando in questo modo il cervello sarà subito più attivo, il metabolismo partirà velocemente e ci si sveglierà del tutto, finalmente pronti ad affrontare una nuova giornata.
Non mangiare porta invece una forma di stanchezza generale che spesso trova rimedio nell’assaggio di dolci o bevande zuccherate che non supportano di certo la causa del tagliare le calorie. Inoltre, anche riuscendo a resistere alle tentazioni, il digiuno prolungato (ricordiamoci che arriviamo da una notte di riposo e senza cibo) porta ad un’innalzamento della glicemia che a sua volta porta alla messa in circolo dell’insulina, ormone che tende ad incamerare sotto forma di grassi i carboidrati ingeriti. Una situazione chiaramente non idonea e che si può facilmente evitare facendo una buona prima colazione.

Clicca sulla foto per vivere con noi la magia del Natale e scoprire come viverlo al meglio tra diete, salute e outfit giusti.

Natale che donna

Ma cosa è giusto mangiare a colazione nei giorni di festa?
Di certo non è il caso di iniziare facendo il pieno di zuccheri. L’idea è quella di mangiare tutti i macro evitando gli zuccheri semplici e privilegiando le proteine che saziano e consentono all’organismo di lavorare al meglio delle sue possibilità.
Posto che esistono diversi esempi di colazioni per mantenersi in forma e dimagrire, nei giorni di festa come quello della vigilia o il giorno stesso di Natale si può scegliere di mangiare in modo più o meno veloce in base all’ora in cui ci si sveglia e ai programmi della giornata.

Risveglio presto. Se ci si alza presto perché si lavora o si hanno diversi impegni, poco importa se e quando ci sarà il pasto elaborato. La colazione va fatta e deve essere sostanziosa. Se si ama il salato si potrà quindi optare per un omelette con un uovo intero e due albumi da abbinare ad una fetta di pane integrale. Al tutto si potrà unire un bicchiere di succo di pompelmo fresco e senza zucchero o un caffè amaro. Chi ama il dolce potrà invece scegliere una ciotola di yogurt greco magro alla quale aggiungere una mela a pezzetti (vanno bene anche altre frutti evitando quelli troppo dolci) ed una manciata di frutta secca.
Un’altra opzione è una tazza di latte di soia senza zucchero con 40 grammi di cereali integrali, anch’essi senza zucchero.

Risveglio tardi con cena importante. Se ci si sveglia tardi e il pasto della festa è a cena, si può mangiare un semplice yogurt magro con una manciata di frutta secca, arrivando al pranzo dove si opterà per qualcosa di sostanzioso ma al contempo leggero come, ad esempio una bella insalata con verdure, tofu e crostini di pane integrale.
L’alternativa allo yogurt a colazione è un uovo ad occhio di bue o strapazzato (anche alla coque andrà benissimo) da abbinare ad una ciotola di frutta fresca.
Se si ha fretta andrà bene anche un succo di pompelmo appena spremuto e senza zuccheri aggiunti a cui far seguire un uovo sodo o una fetta di pane integrale con dell’avocado.

Risveglio tardi con pranzo importante. Se si sceglie di dormire fino a tardi e subito dopo si pensa di andare al pranzo di Natale, l’opzione ideale è quella di restare leggeri ma con astuzia. Niente digiuni, quindi. Molto meglio una ciotolina di yogurt greco con della frutta secca o circa 50 grammi di ricotta con una piccola mela. La ricotta è infatti ricca di proteine nobili che aiutano il metabolismo a lavorare alla grande e che saziano consentendo di arrivare al pranzo senza quella fame che, come già detto, spinge a mangiare qualsiasi cosa.

Leggi anche -> Come gestire gli avanzi di Natale senza ingrassare

Ciò che conta, quindi, è riuscire a trovare il tempo e la voglia per fare una prima colazione che sia in grado di dare allegria, di non appagare e di non far sentire la fame subito dopo. In questo modo i pasti delle feste saranno affrontati con maggior serenità, senza il rischio di grandi abbuffate e con il lato positivo del poter assaggiare tutto senza foga, assaporando ogni singola portata e facendo il pieno di sapori e di emozioni positive, quelle che vivono solo quando si è sereni ed in pace con se stessi. Dopotutto è Natale ed è giusto vivere ogni aspetto di questa festa, compreso quello più che piacevole del buon cibo.

colazione natale
Fonte: iStock photo