Home Maternità L’immensa paura che colpisce 1 donna su 10 | la Tocofobia

L’immensa paura che colpisce 1 donna su 10 | la Tocofobia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:34
CONDIVIDI

L’immensa paura che colpisce 1 donna su 10 ha un nome ed è relativa alla paura del parto e del rimanere incinta| La Tocofobia: ne è affetta un numero consistente di donne in stato interessante, come si sviluppa e come rimediare

gravidanza fobia
l’immensa paura che colpisce 1 donna su 10 tocofobia (Istock)

La nascita di un figlio è un evento, per le donne, importantissimo, l’unico che davvero cambierà la vita per sempre. Il passaggio da essere una cosa sola a due è un qualcosa di meraviglioso che accompagna la donna per il resto della sua vita e che non si può spiegare se non ci si passa. Si dice, quando una donna è incinta, essere in stato interessante o in dolce attesa. E di questo ne siamo sicure ma, per molte donne, l’attesa, o meglio, il parto, può diventare un ostacolo insormontabile, una vera e propria fobia che gli psicologi chiamano con il nome di Tocofobia! Ne è affetta una fetta consistente di donne in gravidanza e, spesso, non si conoscono le cause o i sintomi, o il perché questa fobia arrivi! Infatti, la tocofobia è spesso un problema sotto-diagnosticato e può non giungere all’attenzione del medico; in realtà, questa condizione è sorprendentemente comune e si stima che colpisca 1 donna su 10.

Scopriamo dunque, anzitutto cos’è, come comportarsi con essa riconoscendone i sintomi e come uscirne. Perché, alla fine di tutto, la ricompensa è abbracciare una nuova vita, vostro figlio!

Potrebbe interessarti anche: >>> Toxoplasmosi in gravidanza: come intervenire in caso di contagio-VIDEO

Tocofobia | La paura del parto, cos’è?

gravidanza fobia
tocofobia paura del parto (Istock)

Come abbiamo accennato, la gravidanza è un evento magico per molte donne e nonostante molte vivano questa condizione come un momento di gioia e come un’occasione per festeggiare, per molte altre la gravidanza e il parto sono fonte di ansia, oppure possono scatenare un mix di sensazioni. Per altre, questi eventi celano un vero terrore non solo di partorire, ma anche di rimanere incinte. Questo fenomeno è conosciuto come tocofobia.

Questa patologica paura condiziona molte donne, che eviteranno di rimanere incinte per il terrore che scatena in loro l’idea di affrontare una gravidanza e, in particolare, un parto. Nulla a che vedere con la fobia di essere madri, pur pianificando il cesareo dal principio per evitare il parto vaginale. In qualche caso, questo disturbo fobico è conseguenza delle implicazioni psicologiche e sociali correlate alla nascita di un bambino. Altre volte, la tocofobia può dipendere dall’idea di non riuscire a sopportare il dolore del travaglio.

La paura del parto può essere influenzata da esperienze traumatiche del passato (manovre ostetriche invasive, distacco placentare, taglio cesareo d’emergenza, aborti o gravidanze extra-uterine ecc.) e dall’ascolto di testimonianze di nascite difficili o complicate.

Potrebbe interessarti anche: Ansia in gravidanza e post parto: come affrontarla, sintomi e cure

Di cosa ha paura la donna che soffre di Tocofobia

paura del parto
tocofobia paura del parto (Istock Photos)

Nello specifico, la donna che soffre di tocofobia può avere paura ed essere terrorizzata da:

  • Travaglio e dolore ad esso associato: in qualche caso, la paura del parto è influenzata dall’idea di soffrire o riportare lesioni al tratto genitale; altre volte, questa forma di fobia è scatenata dal pensiero di ferire il bambino o provocarne addirittura la morte;
  • Dall’evento nascita vero e proprio: alcune donne sono terrorizzate dalla venuta al mondo di un bambino, fino ad arrivare ad evitarla, nonostante abbiano il desiderio di diventare madri. In tal caso, la tocofobia può essere enfatizzata dalle implicazioni psicologiche e sociali che conseguono alla nascita di un figlio.

Le donne che hanno paura di partorire naturalmente sono convinte di non riuscire ad affrontare i dolori del travaglio e/o di morire durante il parto.

Il riconoscimento della tocofobia e la stretta collaborazione tra le figure che assistono la gestante nel corso dei nove mesi di gravidanza (ostetrici, ginecologi e altri medici specialisti) contribuiscono a ridurne la gravità ed a garantire un trattamento efficace.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

I sintomi della Tocofobia nelle donne

sintomi gravidanza
tocofobia i sintomi (Istock)

La paura del parto (tacofobia) può avere effetti negativi che vanno ben al di là del parto in sé. Così, richiedendo un cesareo programmato aumentano anche le probabilità che il parto si trasformi in un evento traumatico, così come la possibilità che insorgano problemi nel legame tra madre e figlio. La tocofobia è un disturbo d’ansia che condizione inevitabilmente la vita di chi ne soffre. Ciò che differenzia il disturbo fobico dalle solite angosce sperimentate dalle future mamme (che sono normali pensieri durante l’ultimo trimestre di gravidanza) è l’entità con cui si manifesta la paura del parto: alcune donne pensano che moriranno, altre immaginano un dolore insopportabile. La tocofobia è, dunque, una paura estrema.

Sintomi più comuni sono:

  • il disturbo del sonno,
  • gli attacchi di panico,
  • comportamenti elusivi,
  • ansia e depressione
  • l’idea di un bambino che cresce al loro interno risulta, per queste donne, profondamente inquietante.
  • la tocofobia può indurre la donna a sentirsi dissociata dal suo corpo durante l’esperienza del parto.
  • paura del parto per via vaginale
  • Difficoltà a concentrarsi sul lavoro o sulle attività quotidiane;
  • Incubi;
  • Pianto;
  • Svalutazione o riduzione dell’autostima;
  • Agitazione e nervosismo

Due forme diverse di Tocofobia

tocofobia
tocofobia paura del parto 8Istock)

Esistono, all’interno della patologia, due forme diverse di tocofobia. Quella primaria e quella secondaria.

La tocofobia primaria

Si verifica nelle donne che affrontano il loro primo parto. In genere, la paura del parto è presente ancor prima del concepimento e può comportare la rinuncia a diventare genitore. È una paura particolarmente comune nelle donne, nelle adolescenti o nelle bambine che hanno subito abusi sessuali. A tal proposito, possono scatenarsi sintomi durante gli esami medici legati alla gravidanza a causa dell’insorgere di flashback relativi al trauma scatenante.

La tocofobia primaria può essere:

  • Sintomo di una depressione in corso;
  • Conseguenza di abusi sessuali subiti durante l’infanzia

 

La tocofobia secondaria

Si manifesta nelle donne che sono (state) già madri o che hanno vissuto una precedente gravidanza senza sintomi del problema. Può manifestarsi a seguito di un precedente parto traumatico, di cure per la fertilità non andate a buon fine, aborti spontanei, morte del feto, e nelle donne che non hanno mai partorito naturalmente per via vaginale.

In altri casi di tocofobia, il parto è stato regolare, ma viene percepito dalla donna come una violenza al suo corpo, tanto da portare ad un disturbo da stress post-traumatico, con conseguenze di depressione post-parto.

La tocofobia secondaria può presentarsi anche in seguito al rifiuto di poter scegliere la modalità di espletare il parto (es. con taglio cesareo o, se naturale, con anestesia peridurale).

Quali sono le cause dell’insorgenza della patologia?

paura del parto
tocofobia paura del parto(Istock)

Una delle possibili cause dell’insorgenza della patologie nelle donne incinte è la testimonianza trasmessa: cioè, la narrazione di parti particolarmente dolorosi. Sono state annoverate possibili cause come la precedenza esistenza di disturbi quali l’ansia o la depressione.

In generale, in tutti i casi compare una paura irrazionale di non saper gestire adeguatamente il dolore, perdita di controllo, mancanza di fiducia nel personale medico e un terrore esagerato per la propria vita o per quella del nascituro.

La tocofobia interessa molte donne che affrontano da sole l’imbarazzo e il parto. Si stima un’incidenza che oscilla tra il 2% e il 15% delle donne affette da tocofobia, 1 donna su 10 ne è affetta. La tocofobia colpisce un numero limitato di persone e va ben oltre le normali preoccupazioni che possono scaturire in una fase così importante come l’arrivo di un bambino. Ciononostante, in caso di timori irrazionali associati alla tocofobia, conviene affidarsi a un professionista per poter gestire i sintomi e affrontare in modo sano e positivo la gravidanza e il parto.

L’aspetto particolare è che questa fobia non è esclusiva delle donne. Anche molti uomini ne soffrono. Si sentono profondamente agitati dinnanzi all’incertezza del decorso della gravidanza e del parto delle proprie compagne. Questi uomini temono il momento del parto e cosa potrebbe succedere alla propria partner e al loro futuro figlio.

Potrebbe interessarti anche: Preparazione al parto: il corso che ama le mamme, tutte le info

Conseguenze della Patologia

depressione post partum
tocofobia post parto (Istock Photos)

La tocofobia può avere gravi effetti negativi a breve ed a lungo termine (durante i 9 mesi di gravidanza e  anche dopo il parto), sia sulla futura mamma, che sul bambino.

Lo stato ansioso della madre può ripercuotersi al momento del travaglio prolungandolo ulteriormente. Dopo il parto, invece, la donna può percepire il proprio corpo come un fallimento per aver reso necessaria un’episiotomia o manifestare conseguenze come l’incontinenza fecale o il prolasso esacerbato da un parto strumentale.

In mancanza di un percorso terapeutico che permetta di superare il disturbo, inoltre, la tocofobia potrebbe:

  • Presentarsi con caratteristiche peggiori nelle gestazioni successive;
  • Condizionare le donne al punto da spingerle ad evitare una gravidanza, rinunciando quindi ad avere un bambino desiderato, mediante:
    • L’adozione di una contraccezione rigida;
    • L’astensione dai rapporti sessuali;
    • La richiesta di una sterilizzazione permanente, come l’isterectomia.

La tocofobia può avere, quindi, un impatto negativo sul rapporto coniugale e familiare.

Potrebbe interessarti anche: >>> Fare l’amore in gravidanza | la guida completa dei nove mesi, pro e contro

Come uscirne | Il trattamento terapeutico giusto

Gravidanza, esami da fare
tocofobia come uscirne(iStock Photos)

La psicoterapia e la terapia cognitivo-comportamentale sembrano funzionare bene in questi casi. La diagnosi precoce è fondamentale per comprendere i motivi alla base del proprio disagio ed inquadrare il problema all’interno della storia di vita della paziente, identificandone il significato e quantificandone la portata, quindi offrendo una possibilità di intervento adeguato.

Il corretto riconoscimento e la gestione della tocofobia con un percorso di psicoterapia permette di dare alla paziente la possibilità di affrontare e superare il problema. Mentre, la mancanza del trattamento predispone, invece, chi soffre di questa fobia al rischio di continuare ad evitare di intraprendere altre gravidanze, necessitare di un parto cesareo programmato ecc.

La terapia conglitivo-comportamentale è un  percorso insegna al soggetto ad affrontare e gestire i pensieri negativi e limitanti associati alla propria paura, attraverso l’esposizione graduale agli stimoli fobici. In questo modo, la persona affetta dal disturbo viene esposto alle situazioni temute con la possibilità di apprendere delle tecniche di autocontrollo capaci di ridurre l’ansia e la paura. A seconda della gravità del quadro clinico, poi, possono essere indicate altre diverse opzioni terapeutiche e tecniche di rilassamento (quali training autogeno, esercizi di respirazione, yoga, rilassamento progressivo ecc.), anche in combinazione tra loro.

In qualunque caso, gli studi eseguiti sull’efficacia di questi trattamenti sono scarsi, sebbene sembrino essere prova di una notevole diminuzione della paura nei pazienti, prima e dopo il parto. La medicina, oggigiorno, suggerisce un intervento con approccio multidisciplinare, che preveda un sostegno psicologico e ostetrico.

La mancanza di una corretta preparazione al parto, può contribuire ad accentuare la gravità della tocofobia. Quando esistono dei fattori che possono predisporre all’insorgenza del problema, quindi, è importante agire a livello di prevenzione, dedicando tempo alla comunicazione, soprattutto per quanto concerne l’esperienza della nascita del proprio bambino. In questo senso, frequentare un  corso di preparazione al parto può essere utile a ridurre l’ansia.

Il riconoscimento del disturbo nel primo trimestre di gravidanza è sufficiente, nella maggior parte dei casi, per intervenire con un breve periodo di psicoterapia, per sciogliere i conflitti interiori correlati al vissuto. Questo percorso ha l’obiettivo di indurre la paziente a razionalizzare la propria fobia, cercando di concentrarsi sulla possibilità di reagire ai pensieri ansiogeni e affrontare, così, il parto con serenità.

(Fonte: Mypersonaltrainer)

gravidanza tocofobia
tocofobia come uscirne (Istock Photos)