Drogato di lavoro: ho scoperto che mio figlio era morto in sala conferenze

0
26

Un padre scrive una lettera mozzafiato dopo che una mattina, durante un meeting, la moglie lo ha chiamato per dirgli che il figlio era morto nel sonno.

morte figlio

C’è chi al dolore non sopravvive (come vi avevamo raccontato in Genitori devastati si suicidano pochi minuti dopo la morte del figlio), chi trascorre il resto dell’esistenza spinto solo dal ricordo, chi cerca un significato in altro, anche se non sarà mai nemmeno lontanamente paragonabile.

La morte di un figlio è uno di quei momenti spartiacque: c’è un prima, c’è un dopo e il secondo non sarà mai uguale al primo. Il dolore ti segna, ti cambia, nella maggior parte dei casi oscura la tua vita e, in qualche rara situazione, getta una luce nuova là dove prima nemmeno sapevi esistesse qualcosa.

Vedi ciò che prima non vedevi e così, se il tuo cuore regge, puoi cercare di aggrapparti al ricordo e rivedere la tua vita alla sua luce.

C’è qualche cosa che avresti fatto diversamente? Puoi migliorare il tuo modo di vivere e di rapportati con il prossimo? Secondo J.R. Storment

Stiamo parlando del cofondatore di Cloudability ma soprattutto del padre di due gemelli di cui uno morto improvvisamente nel sonno.

Storment era quello che si può definire un “drogato del lavoro”. Stacanovista, focalizzato sull’obbiettivo, destinato al successo. Quando però una mattina ha ricevuto una telefonata dalla moglie tutto è cambiato.

Quella nuova triste luce che illumina la vita era purtroppo arrivata anche per lui.

Ecco allora che le telefonate di lavoro non erano più così importanti, le riunioni perdevano di urgenza, la voglia di fare di più si trasformava in voglia di dare di più: dare di più alla famiglia, condividere un abbraccio extra, smettere di rimandare perché, adesso lo sapeva, che cosa poteva esserci di più importante dei propri cari?

Tutto ciò J.R. Storment lo ha espresso in un post su Linkedin, uno scritto profondo, vero e commovente che, inutile dirlo, ha fatto il giro del mondo.

Noi abbiamo pensato di tradurlo integralmente per voi nella speranza di regalarvi un momento di vera riflessione e far sì che il messaggio di questo padre coraggioso possa toccare anche i vostri cuori.

Malato di lavoro perde suo figlio: “Abbracciate i vostri bambini e non lavorate troppo. Potreste pentirvi”

famiglia Storment

“Otto anni fa, in questo stesso mese, avevo due gemelli ed ero il cofondatore di Cloudability. Circa tre mesi fa Cloudability è stata acquisita. Circa tre settimane fa abbiamo perso uno dei nostri ragazzi.

Quando ho ricevuto la chiamata ero seduto in una sala conferenze con 12 persone nel nostro ufficio di Portland a parlare delle politiche della PTO. Pochi minuti prima, avevo ammesso al gruppo che negli ultimi 8 anni non avevo preso più di una settimana di riposo contigua.

Mia moglie ed io siamo d’accordo che quando uno di noi chiama, l’altro risponde. Quindi quando il telefono squillò mi alzai e andai immediatamente alla porta della sala conferenze.

Stavo ancora camminando attraverso la porta quando ho risposto con “Ehi, come va?”

La sua risposta fu gelida e immediata: “J.R., Wiley è morto.”

“Cosa?”, Ho risposto incredulo.

“Wiley è morto.” Ribadì.

“Che cosa?! No. “Ho urlato,” No! “

“Mi dispiace tanto, devo chiamare il 911.”

Questa è stata l’intera conversazione. la parte successiva che ricordo è che mi precipito fuori dalla porta principale dell’ufficio con le chiavi della macchina in mano, correndo ferocemente dall’altra parte della strada e mormorando “oh Cazzo. oh cazzo. oh Cazzo. ”. A metà dell’isolato mi rendo conto di non avere l’apriporta per il mio garage. Tornando di corsa nell’atrio, quasi urlo “Qualcuno mi accompagna! Qualcuno mi accompagna! ”Per fortuna, un collega cordiale lo ha fatto.

Quando sono tornato a casa dodici minuti dopo, il nostro vialetto era pieno di macchine di emergenza. Sono corso attraverso la porta d’entrata e poi diretto verso la camera che i ragazzi dividevano. Una mezza dozzina di agenti di polizia si fermò davanti a me bloccando la strada.  Quando un bambino muore improvvisamente, quella diventa una potenziale scena del crimine. 

Passarono circa due dolorose ore e mezza prima che mi facessero vedere il mio ragazzo. Dopo un’ora di attesa in stato di shock, ho detto agli agenti di polizia armati di guardia alle porte che non potevo più aspettare. Mi hanno permesso di uscire sul ponte di fronte alla camera dei bambini per sbirciare attraverso la finestra di vetro scorrevole. Giaceva nel suo letto con un sonno pacifico. Misi la mano sul vetro e lo persi.

Quando il medico legale finalmente finì il suo lavoro, ci è stato permesso di entrare nella stanza. Una calma inquietante scese su di me. Mi sdraiai accanto a lui nel letto che amava, gli tenevo la mano e continuavo a ripetere: “Che cosa è successo, ometto? Che è successo?”

Gli siamo rimasti accanto per circa 30 minuti e gli accarezzammo i capelli prima che tornassero con una barella per portarlo via. Lo accompagnai fuori, tenendo la sua mano e la sua fronte attraverso il sacco mortuario mentre lo portavano lungo il nostro vialetto. Poi tutte le auto se ne andarono. L’ultima ad andarsene fu il minivan nero con Wiley al suo interno.”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Lettera per un marito morto suicida: “parlava del bullissimo che aveva subìto”