Home Attualità Morto Pete Frates | Ispirò l’Ice Bucket Challenge e si spegne a...

Morto Pete Frates | Ispirò l’Ice Bucket Challenge e si spegne a 34 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:39
CONDIVIDI

Pete Frates si è spento a 34 anni. Era divenuto famoso per la sua geniale iniziativa nota come Ice Bucket Challenge, solo un capitolo della sua lotta alla SLA

Pete Frates ice becket challenge
Foto da Twitter @PeteFrates3

Nel 2012 gli fu diagnosticata la SLA e due anni dopo, con  la sua battaglia contro le malattie neurodegenerative, ispirò l’Ice Bucket Challenge, la sfida che impegnò volti più e meno noti del mondo per raccogliere fondi a favore della ricerca sulla malattia.

Da David Beckham e Donald Trump, ma anche Mark Zuckerberg e Bill Gates, fino ad arrivare a personaggi di fantasia come Homer Simpson. Tutti si tirarono in testa secchi di acqua gelata e condivisero le immagini via social, invitando amici e conoscenti a fare lo stesso. Furono raccolti così 220 milioni di dollari in tutto il mondo ed il merito era di un uomo, colui a cui due anni prima avevano diagnosticato la SLA: Pete Frates.

Quell’uomo oggi non c’è più.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Ice Bucket Challenge‬, le star si tirano secchiate d’acqua gelata contro la SLA

Pete Frates è morto: lo ricordiamo per l’indimenticabile Ice Bucket Challenge

Pete Frates SLA
Foto da Twitter @PeteFrates3

“La Ice Bucket Challenge rappresenta tutto ciò che c’è di buono in questo paese. E’ divertimento, amicizia, famiglia e fa la differenza per tutti noi che viviamo con la SLA”

Così lo stesso Pete Frates spiegò il significato di quella interminabile sequela di docce ghiacciate che sembrava aver contagiato il mondo.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google news, per restare sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Lui, ex giocatore di baseball a livello collegiale, era divenuto così una vera icona della lotta alla SLA ed è per questo che il mondo oggi ha accolto come una vera doccia gelata (decisamente non divertente come quella da lui creata) la triste notizia data dalla famiglia con un messaggio:

“Il Paradiso ha accolto il nostro angelo”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Parkinson: si cura anche con la danza popolare irlandese

Frates era Cresciuto nei sobborghi di Boston e, proprio nella sua città, aveva frequentato il college e iniziato a giocare. Trasferitosi in Germania dopo la laurea, ritornò negli Stati Uniti per proseguire la carriera a livello amatoriale. Nel 2011, dopo un infortunio la cui guarigione aveva richiesto più tempo del previsto, Frates si era sottoposto a una lunga serie di esami, fino alla diagnosi nel 2012: sclerosi laterale amiotrofica.

“L’uomo ai piani alti ha un piano per me – dichiarò Frates dopo la diagnosi – ho accettato questa situazione ma ci sono tante persone che non hanno il mio stesso supporto o i miei vantaggi, e voglio aiutarle”.

Pete Frates lascia una moglie, Julie, e una figlia Lucy, ma anche una preziosa eredità. No, non si tratta solo di 220 milioni di dollari ma di un carico di enorme la speranza e voglia di lottare. Chissà che prima o poi non possa esser trovata una cura per la SLA e le altre malattie neurodegenerative: allora sì che festeggeremo e con tante nuove secchiate di ghiaccio, ricordando Pete Frates.