Home Coppia L’identikit dell’infedele scoperto dalla Scienza | Lo studio

L’identikit dell’infedele scoperto dalla Scienza | Lo studio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:41
CONDIVIDI

L’identikit dell’infedele scoperto dalla Scienza e i dati allarmanti degli Italiani | Le relazioni extraconiugali in aumento sul posto di lavoro e la scarsità del senso di colpa

coppia tradimento
identikit dell’infedele scoperto dalla scienza Fonte: iStock

Siete in coppia da molti anni e tutto all’inizio della vostra relazione procedeva nel migliore dei modi ma, il tempo passa e tutto diventa monocolore per voi. La coppia inizia ad appesantirsi sotto il peso della routine quotidiana. Non avete idea di come comportarvi per ritrovare quella voglia di stare insieme come ai vecchi tempi e tutto procede lentamente verso l’oblio. Ma, un giorno, in ufficio iniziate a percepire degli sguardi furtivi nella vostra direzione. E questi sguardi, giorno dopo giorno, si intensificano sempre di più. Vi ritrovate a vestirvi al mattino pensando al vostro collega di lavoro, quello che vi fa sentire nuovamente donna. E iniziate a fantasticare su momenti idilliaci da passare insieme. Iniziate a chiedervi, Che male ci sarà? Oppure Solo un bacio, d’altronde non lo scoprirà nessuno. Ed è così che, senza un vero motivo apparente, iniziate la vostra relazione extraconiugale. All’inizio tutto vi sembrerà perfetto, voi siete più belle, lui è un principe azzurro che vi sta salvando dalla vostra routine con il vostro compagno di sempre. Ma cosa si nasconde sotto? Rientrate anche voi nell’identikit dell’infedele scoperto dalla scienza? Oppure, cosa più preoccupante, avete un certo sentore che il vostro partner potrebbe essere tra i fedifraghi incalliti? A far chiarezza ci pensa la scienza: mai più infedeli sotto copertura. Basta poco per scoprirlo, leggete un po’ qui!

Potrebbe interessarti anche: >>>>

L’identikit dell’infedele scoperto dalla scienza | Lo Studio

tradimento coppia
identikit dell’infedele scoperto dalla scienza (Thinkstock)

Le persone più soddisfatte della propria vita sessuale di coppia sono quelle che hanno maggiori probabilità di tradire il proprio partner, così come gli uomini con compagne meno avvenenti e le donne poco attraenti. Sono alcune delle conclusioni cui è giunto un team di studiosi dell’Università Statale della Florida (Stati Uniti), che ha voluto indagare su segnali e “caratteristiche” che possono favorire la tendenza al tradimento. Insomma, se alle porte del Natale non siete sicurissimi della fedeltà della persona amata, gli scienziati americani potrebbero avere qualche utile consiglio per farvi capire se il vostro partner corrisponde all’identikit del “fedifrago perfetto”.

I ricercatori, coordinati dal professor Jim McNulty, docente di Psicologia presso l’ateneo della Florida, hanno coinvolto nello studio 233 coppie appena sposate, e le hanno seguite per tre anni e mezzo. Durante il periodo dell’indagine gli scienziati hanno tenuto traccia di diverse informazioni sull’andamento delle relazioni, come la soddisfazione della vita di coppia sotto le lenzuola, eventuali tradimenti (prematrimoniali e durante il periodo di studio) e la capacità di impegnarsi a lungo termine.

Leggi anche: >>>>

Chi tradisce di più? Le caratteristiche dell’infedele perfetto

tradimento coppia
identikit dell’infedele scoperto dalla scienza (Istock)

Dallo studio condotto sono emersi dei tratti caratteristici tipici della persona fedifraga. Infatti i ricercatori hanno iniziato a setacciare i segnali predittori della fedeltà e dell’infedeltà, scoprendo anche caratteristiche inattese.

  • Le persone soddisfatte sessualmente in coppia: Un dato significativo e controcorrente questo ma vero. Infatti dallo studio è emerso che le persone che avevano la maggior tendenza al tradimento erano proprio quelle più soddisfatte della propria vita sessuale col partner. Secondo gli studiosi queste persone hanno un approccio più “positivo” col sesso, e probabilmente tendono a cercare piacere anche al di fuori del rapporto di coppia ufficiale.
  • I giovani meno soddisfatti della relazione di coppia: Sono risultati più tendenti al tradimento anche i più giovani e quelli meno soddisfatti della propria relazione (in termini generali, non sotto il profilo sessuale).
  • Uomini con un passato di relazioni a breve termine: Ancora, più predisposti al tradimento sono risultati gli uomini con più relazioni a breve termine nel periodo prematrimoniale (era il contrario per le donne) e quelli con compagne meno piacenti.
  • Le donne meno attraenti, infine, tendevano a tradire più di quelle considerate “belle”.

Gli studiosi hanno sottoposto, poi, ai partecipanti fotografie di uomini e donne mediamente e molto attraenti, scoprendo che chi distoglieva prima lo sguardo dalle immagini e chi tendeva a svalutare l’attrattiva delle persone ritratte aveva minore tendenza al tradimento. Insomma, se notate il partner troppo interessato a certi “dettagli” probabilmente ha un istinto più tendente al tradimento (ma non è detto che poi si metta all’opera).

Gli infedeli “a lavoro” | Il 60 % tradisce con un collega

amore sul posto di lavoro
identikit dell’infedele scoperto dalla scienza Fonte: Istock

Anzitutto dobbiamo sapere che il 60% delle infedeltà coniugali matura nell’ambiente di lavoro, dove l’intimità sessuale nasce dalla confidenza e dal condividere le stesse emozioni, poiché si dedica più attenzione al collega che al proprio partner. E al Nord risulta che almeno 5 persone su 10, quindi la metà è fedifrago rispetto al Sud Italia. Questo perché al Nord si hanno più possibilità di occupare un posto di lavoro che al Sud. Ma, rispetto al passato, oggi il modo di tradire sta evolvendosi nell’ambito lavorativo.  Si passa da relazioni extraconiugali durature a esperienze brevi, tipo mordi e fuggi. Ad abbreviare i tempi contribuisce di sicuro l’uso della tecnologia, che in certi casi consente al tradito di controllare meglio il traditore. In altri casi però, la tecnologia può favorire il tradimento: il telefono cellulare, per esempio, aiuta la clandestinità dei rapporti extraconiugali perché consente di utilizzare suonerie di riconoscimento, inviare messaggi amorosi con immagini e particolari erotici, preannunciare i piaceri del prossimo incontro, in modo da tenere sempre vivo il desiderio e la passione fugace. Ma per quali motivi si tradisce il proprio partner? Cerchiamo di spiegare le ragioni e le motivazioni insieme.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche: Crisi di coppia: le 5 cause principali

Le cause del tradimento | mancanza di comunicazione e noia

coppia
identikit dell’infedele scoperto dalla scienza (Istock)

Anzitutto ricordiamo che un tempo i maggiori fautori di relazioni extraconiugali erano gli uomini. Oggi, questo dato risulta subdolo e nettamente ribaltato perché a tradire di più nella coppia è la donna. Protagoniste indiscusse dell’infedeltà. Ma quali sono le motivazioni che spingono una donna, o anche un uomo, a tradire il proprio partner? Sicuramente al primo posto vi è la mancanza di attenzioni da parte del partner. Lo stress quotidiano e il carico di lavoro che oggi abbiamo, porta la coppia a dover passare la maggior parte delle ore giornaliere in ufficio e, di conseguenza, a rimanere troppo lontani da casa. Una recente inchiesta condotta dall’Osservatorio sulla Famiglia e la Persona rivela che più di 30 donne su cento si dichiarano disponibili a una storia amorosa o a un’avventura per il bisogno di sentirsi desiderate, amate o semplicemente per noia o per vendicarsi del proprio partner. Altro motivo scatenante è di certo la nascosta consapevolezza che  il tradimento è considerato un rapporto protetto. Cioè non porta con se le preoccupazioni quotidiane del matrimonio né le pressioni di vivere sempre con un’altra persona, anche se l’infedele è pressato dalle richieste del coniuge e dell’amante nell’organizzare il suo tempo libero.

Altra costante che porta al tradimento è la mancanza di comunicazione nella coppia. Con il tempo non si parla più, o meglio, le comunicazioni tra i coniugi si dimezzano drasticamente e, spesso, non si comunica all’altro le proprie mancanze o semplicemente i propri pensieri. Ciò che viene a mancare dunque è un sano confronto, una chiacchierata semplice o una risata genuina. Con l’amante si fanno lunghe chiacchierate, si ha la libertà di dire ciò  che si pensa perché la relazione è leggera. Si passa il tempo a disquisire della vita,  delle passioni e non si hanno le complicazioni della vita quotidiana di coppia. È da tenere presente che parte dei tradimenti durano al massimo pochi mesi, un anno o due se si hanno implicazioni sentimentali. Oltre questo tempo o il matrimonio finisce o la relazione si pone in parallelo al matrimonio.

Il Tradimento fisico dell’Uomo e quello mentale della Donna

amore per i cari attiva il cervello
identikit dell’infedele scoperto dalla scienza (Istock Photos)

Vi sono differenze nel tradimento compiuto da parte di un uomo e da parte di una donna. Se un uomo tradisce, molto probabilmente è per un istinto più “animalesco”. L’uomo si sente cacciatore ed è quindi portato con più facilità al tradimento. La differenza con la donna che invece tradisce, è che quest’ultima tende a tradire con maggiore facilità se prova dei sentimenti verso l’ipotetico amante. Dunque, attrazione a parte, la donna prima di tradire il suo coniuge, deve ritrovare nell’amante uno spunto di sentimento. Ma, non è la regola. Ci sono donne che tradiscono solo ed esclusivamente per noia o per mancanza di fiducia in se stessa o nel proprio partner. Quindi le donne associano la relazione extraconiugale ad un coinvolgimento emotivo e sentimentale, la collegano ad un’insoddisfazione nel matrimonio e hanno più difficoltà a viverla liberamente. Gli uomini al contrario, associano il tradimento più al piacere sessuale che emotiva e non iniziano una relazione adulterina per motivi di insoddisfazione rispetto la coniuge. Sono più propensi a vivere la loro relazione extraconiugale con serenità e anzi ciò aumenta il piacere della relazione.

Per la donna il legame con l’amante è considerato come una occasione per chiudere il rapporto ufficiale mentre per l’uomo la relazione con l’amante difficilmente implica la chiusura del rapporto con la propria partner. Alla base quindi delle relazioni in parallelo per uomo, vi sono bisogni primari legati più ad una condizione prettamente fisica, mentre per la donna tradisce più per bisogni legati alla sfera psicologica.

Il tradimento via web
Il tradimento on line è vero tradimento? (Isotck Photos)