Home Curiosità Gli occhiali anti luce blu proteggono davvero gli occhi?

Gli occhiali anti luce blu proteggono davvero gli occhi?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:49
CONDIVIDI

Questi occhiali che filtrano gli schermi a luce blu sono popolari tra gli ottici, ma sono efficaci? Aiutano davvero a ridurre l’affaticamento degli occhi?

Gli occhiali anti luce blu proteggono davvero gli occhi?
Ragazza che legge al pc, IStock

“Gli schermi stancano i nostri occhi”, sono “dannosi” … Molti produttori cercano di convincerci ad acquistare occhiali protettivi contro la luce emessa dai nostri schermi, in particolare quella blu. È vero che spendiamo in media 5 a 7 ore al giorno davanti ai nostri schermi sommando il tempo trascorso davanti a smartphone, computer, tablet … abbastanza per sollevare alcune preoccupazioni per i nostri occhi.

Perché la luce blu è speciale?

Le lunghezze d’onda della luce in blu-viola variano approssimativamente da 415 a 455 nanometri. Più energiche di altre, colpiscono la retina con più potenza. Troviamo luce blu ovunque, anche nella luce naturale. Ma gli schermi OLED ne hanno proporzionalmente di più. Anche i LED per l’illuminazione interna, ecco perché gli specialisti consigliano di acquistare lampadine che riportano la dicitura “bianco caldo”.

Ti potrebbe interessare anche >>> Occhi | Come proteggerci dalla luce blu di cellulari e altri schermi led

La tossicità della luce blu è reale, ma spesso ipervenduta

Foto da iStock

Gli effetti della luce blu-violetta sulle cellule della retina sono stati dimostrati: nel 2013, uno studio dell’Istituto di visione ha mostrato che la luce blu-violetta potrebbe distruggere le cellule nella retina del maiale e causare danno paragonabile alla degenerazione maculare legata all’età (AMD). Ma questa osservazione è stata stabilita in condizioni sperimentali che hanno poco a che fare con la realtà.

“Non sappiamo quali siano gli effetti della luce blu scuro in condizioni reali, ma possiamo pensare che sia certamente tossica, specialmente nei bambini la cui cornea e lente, più chiare, lasciano filtrare quasi tutto il blu ” Dice il dott. Gilles Renard, direttore scientifico della Società francese di oftalmologia. L’esposizione ripetuta può avere effetti cumulativi nel tempo, creando un potenziale rischio a lungo termine. I più piccoli sono più a rischio quindi facciamo bene a preoccuparci per loro.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Solo alcuni schermi sono problematici per gli occhi

Su base giornaliera, i nostri schermi possono esporci a lunghezze d’onda blu-viola, è vero, ma bisogna chiarire che solo le più recenti tecnologie LED producono uno spettro luminoso composto da più luce blu che luce naturale, e non tutti sono equivalenti.

“I display LCD illuminati da diodi rappresentano un piccolo problema”, afferma il dott. Renard. Perché la luce passa attraverso la lastra di cristallo liquido e non viene trasmessa direttamente all’utente. Al contrario, negli schermi OLED o AMOLED, ciascun diodo si trova sulla superficie dello schermo e più ci avviciniamo, più riceviamo luce. È meglio limitare i tempi di esposizione e tenerli il più lontano possibile dagli occhi.

Questi occhiali filtrano solo una parte della luce blu

Gli occhiali anti luce blu sono realizzati con gli stessi materiali delle lenti correttive, della resina sintetica, il più delle volte. Quindi ricevono un trattamento che riflette parte delle onde blu-viola e impedisce loro di entrare nell’occhio.

Gli ottici promettono di fermare dal 30% al 40% di tutta la luce blu. Secondo il professor Renard, questo vantaggio è sopravvalutato: “Non filtrano tutte le lunghezze d’onda problematiche e riescono a fermare solo circa il 20% di quelle che attenuano: è molto insufficiente poter affermare di proteggere il occhio. “

Gli occhiali anti-blu possono ridurre l’affaticamento visivo

Questo è il secondo argomento medico avanzato con il quale gli oftalmologi non sono d’accordo: “Il computer è uno sviluppatore”, afferma Pr Souied, oculista. Mal di testa o dolore periorbitale alla fine della giornata significano che probabilmente hai un difetto visivo non corretto. Gli sforzi dei muscoli oculari causano affaticamento. In questo caso, l’unica cosa da fare è fissare un appuntamento con il tuo oculista.

Tuttavia, quando si trascorrono lunghe ore davanti al computer, la concentrazione può rallentare la frequenza con cui sbattiamo gli occhi, causando disagio e irritazione. In questo contesto di secchezza oculare, gli occhiali anti-blu chiaro potrebbero dare un pò di conforto. Questo viene descritto in alcune delle recenzioni dei siti che vendono questo tipo di occhiali o sui forum dei consumatori. In realtà questo non sarebbe impossibile, ma non è provato: l’ipotesi è in fase di test, non è ancora stata dimostrata. Naturalmente, è anche possibile risolvere il problema utilizzando lacrime artificiali, assicurandosi di variare le posizioni dello sguardo e posizionando lo schermo leggermente al di sotto del livello degli occhi per non affaticare gli occhi.

Alcune pubblicità ambigue suggeriscono che gli occhiali a luce blu possono proteggerci da AMD, che è caratterizzato dall’aspetto di una macchia nera nel mezzo del campo visivo. Éric Souied, uno specialista di AMD ribadisce a tal proposito: “È un argomento di marketing! Nessun vetro può proteggere da questa malattia genetica al 70%. Piuttosto che comprare gli occhiali, è meglio … smettere di fumare. Questo è il principale fattore modulante di AMD, che aumenta il rischio da 4 a 6 volte”, ricorda.

 (Istock)