Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Canihua | proprietà, benefici, controindicazioni e come usarla in cucina

Canihua | proprietà, benefici, controindicazioni e come usarla in cucina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:00
CONDIVIDI

La canihua è uno pseudo cereale poco conosciuto ma ricco di proprietà benefiche importanti. Scopriamo insieme perché fa bene, come si usa e tutte le curiosità che la riguardano.

canihua
Fonte: iStock photo

La canihua o kaniwa è uno speudo cereale per certi versi molto simile alla quinoa che si presenta in piccoli chicchi ambrati che restano croccanti anche dopo la cottura. Originaria della Bolivia e delle zone circostanti è famosa per essere estremamente resistente sia alle temperature base o elevate che agli insetti e alla mancanza d’acqua. Come ogni altro alimento, anche la canihua può avere degli effetti indesiderati. Scopriamo quindi tutto quel che c’è da sapere, iniziando dai valori nutrizionali per proseguire ai benefici e ai modi di utilizzarla in cucina.

Tutto sulla canihua: proprietà, controindicazioni, curiosità e ricette

canihua
Fonte: iStock photo

La canihua, detta anche seme della salute, presenta così tante proprietà benefiche da essere considerata un super cibo. Ad oggi ancora del tutto sconosciuta nei paesi occidentali, sta iniziando a farsi apprezzare solo negli ultimi anni per via delle sue tante qualità. Oltre a non contenere glutine ed essere quindi indicata a persone che soffrono di celiachia, si tratta infatti di un alimento nutrizionalmente valido, tanto da poter essere consigliato a chi segue una dieta vegetariana o vegana. Non esiste una quantità giornaliera consigliata, tuttavia come per ogni alimento, il consiglio è quello di consumarla all’interno di una dieta sana e bilanciata.

Leggi anche -> Sorgo: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo

Calorie e valori nutrizionali
La canihua apporta circa 340 calorie per 100 grammi di prodotto. Del tutto priva di glutine e di colesterolo è invece ricca di grassi Omega 6 e Omega 9 e di aminoacidi essenziali. Ricca anche in fibre (ne contiene circa 13 per 100 grammi), contiene triptofano, isoleucina e una discreta dose di proteine. Vanta inoltre la presenza della vitamina E, del magnesio, del ferro, del calcio e del fosforo.

Proprietà e benefici

La canihua vanta diverse proprietà benefiche. Tra queste, le più note sono le seguenti:

  • Dona energia
  • È un alimento ideale per chi segue una dieta vegana o vegetariana
  • Contribuisce a ridurre il colesterolo cattivo
  • Rende più facile la digestione
  • Fa bene al cuore
  • È ricca di ferro e pertanto indicata a chi soffre di anemia
  • Migliora la circolazione sanguigna
  • Grazie alle fibre migliora la salute dell’apparato gastrointestinale
  • Essendo senza glutine è indicata a chi soffre di celiachia
  • Sostiene l’organismo, specie dopo lo sport
  • Grazie alla isoleucina aiuta a smaltire più facilmente i grassi in eccesso
  • Per via del triptofano contribuisce a regolare l’umore

Controindicazioni
Essendo un alimento poco utilizzato, al momento non ci sono controindicazioni note. Tuttavia chi ha problemi con la quinoa potrebbe riscontrarne anche con la canihua che è considerata come la sua sorella minore. In ogni caso è sempre bene inserirla gradualmente e in modo equilibrato all’interno della propria alimentazione.

canihua
Fonte: iStock photo

Come assumere la canihua e curiosità

La canihua è un cereale dal sapore quasi dolce che, per certi versi, ricorda quello delle nocciole.
A differenza della quinoa non necessita di risciacquo in quanto priva delle saponine che conferiscono un sapore amaro alla sua parente più stretta.
Ancora difficile da trovare nei super mercati, la si può comprare nei negozi di alimentari biologici o specificatamente destinati a chi ha problemi di intolleranze e allergie alimentari. In alternativa la si può acquistare online.

Leggi anche -> Grano saraceno: proprietà, benefici, controindicazioni e come usarlo in cucina

Andando al suo impiego in cucina, la canihua si presta ad essere cotta come la quinoa per primi piatti a base di carne (anche di tipo vegetale) e verdure. Allo stesso tempo è ottima da inserire in polpette vegetariane o vegane. A colazione la si può mangiare sotto forma di porridge mentre chi ama sperimentare potrà provarla per realizzare un cous cous diverso dal solito. Con la sua farina si possono realizzare torte, biscotti e se mescolata ad altre farine anche panificati. Infine la si può utilizzare anche per dolci al cucchiaio.

Andando alle curiosità

  • La canihua è una farina poco ricercata ma piuttosto cara. In giro la si può trovare anche a 5 euro per 500 grammi o per confezioni anche più piccole.
  • La canihua è naturalmente ricca di ferro tanto che una porzione dona circa il 60% del fabbisogno giornaliero.
  • La sua pianta cresce a circa 3800 m di altitudine ed è considerata tra le più resistenti al mondo.