Quante uova si possono mangiare in una settimana

Le uova sono un alimento completo e ricco in nutrienti, si adattano a diverse preparazioni in cucina. Ma quante uova si possono mangiare in una settimana?

Uova da assumere in una settimana Fonte: IstockPhotos

Le uova sono un alimento molto utilizzato, in quanto è ricco di nutrienti, come proteine, vitamine e sali minerali necessari per il nostro organismo. Sono un alimento molto economico e versatile, si  presta alla preparazione di diversi piatti facili e veloci, dagli antipasti ai dolci.

Inoltre sono poche caloriche, ma si sa che contengono un alto contenuto di colesterolo, quindi non bisogna consumarne tante.

Quante uova è possibile consumare alla settimana? Quali benefici apporta al nostro organismo?

Noi di CheDonna.it vi diamo tutte le informazioni sulle proprietà nutritive delle uova e su come inserirle nella vostra dieta.

Le uova: proprietà nutritive

Sali minerali (iStock Photos)

Le uova sono uno degli alimenti più ricchi di nutrienti importantissimi per il nostro organismo e contengono:

  • proteine
  • vitamine: tra cui A che svolge un azione antiossidante, aiuta a prevenire molti problemi alla vista, in quanto aumenta le difese immunitarie e quindi le rende un ottimo alimento anticancerogeno. Non solo contiene anche le vitamine D, B12, e quella  B7, che proteggono capelli, pelle e unghie e aiutano a regolare i livelli di zucchero nel sangue;
  • sali minerali: tra cui il fosforo, necessario per la formazione delle ossa, e discrete  discreta quantità di ferro, in una forma facilmente assimilabile. Lo  zinco, un minerale essenziale per il buon funzionamento del sistema immunitario.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Uova e colesterolo: che relazione c’è

Le uova contengono colesterolo ma in quantità moderate, secondo il nutrizionista Luca Piretta, rappresenta solo il 5% dei grassi di un uovo.

Un uovo medio ne contiene circa 190 mg e la dose consigliata dai LARN è di 300 mg al giorno, quindi il 65% è costituito da acidi grassi, con un’alta percentuale di acido oleico, omega 3 e omega 6.

Le persone che soffrono di ipercolesterolemia, secondo Piretta, le uova non sono un cibo consigliato, in quanto si possono consumare con moderazione, senza eccedere troppo. Inoltre si possono mangiare con moderazione ed evitare il tuorlo.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

 

Quante uova si possono mangiare a settimana?

Fonte: Istock

Chiariamo questo concetto, se si segue una dieta ipocalorica, si possono integrare nella dieta anche 4 uova a settimana.

Discorso diverso è per la categoria sportiva, in quanto bruciando più calorie, il numero di uova può anche aumentare, l’importante è non superarne più di 5/6 volte alla settimana.

Le uova si possono cuocere in diversi modi, le uova meno caloriche sono quelle:

  • Sode
  • alla coque
  • in camicia

Ma non solo ci sono diverse  ricette che potete preparare per renderle poco caloriche: dalla classica frittata cotta al forno fino a quelle con erbe aromatiche.

Ci sono persone che abitualmente consumano le uova a colazione, il pasto più importante della giornata ed è fondamentale per una sana alimentazione.

In seguito a studi scientifici si è dimostrato che fare una corretta prima colazione si riduce il rischio di obesità, inserendo alimenti giusti a colazione.

E’ corretto consumare solo carboidrati oppure è possibile inserire ogni tanto delle proteine come l’uovo?

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Dieta delle uova sode: il menu settimanale per dimagrire subito 5 kg

Le uova aiutano a restare in forma, secondo la ricercatrice Maria Luz Fernandez dell’Università del Connecticut, che ha pubblicato lo studio di ricerca sul “Nutrition Research”, ha esaminato gli effetti sull’appetito di due tipi di colazioni.

  • Prima colazione:  quella classica a base di carboidrati
  • Seconda colazione: a base di proteine, quindi contenente le uova.

Secondo lo studio, le persone che avevano mangiato le uova si sentivano più sazi ed erano arrivati al pranzo senza la sensazione di fame.

Quindi promossa l’idea di inserire l’uovo 1 o 2 volte alla settimana, magari sodo oppure alla coque.

Con questo non si significa che chi fa la colazione tradizionale con pane e fette biscottate o un dolce preparato a casa sbaglia, ma magari si può variare.

Il dottor Piretta consiglia di assumere carboidrati a colazione, perché sono il carburante giusto per partire in ottima forma, ma per non annoiarsi, l’importante è variare.

E’ importante ricordarsi, che le uova sono un alimento nutriente ma non completo, d’altronde come tutti gli alimenti.

Le uova si possono inserire in una dieta equilibrata e se le alterniamo con altri cibi possiamo gustarle anche la mattina e cominciare la giornata con una grinta in più.

Da leggere

Articoli che potrebbero interessarti