Home Salute e Benessere Spinaci | Proprietà benefiche e possibili controindicazioni

Spinaci | Proprietà benefiche e possibili controindicazioni

CONDIVIDI

Gli spinaci sono verdure ricche di sali minerali e fibre, inoltre sono poche caloriche. Alleati del nostro intestino e non solo, scopriamo tutti i benefici.

Spinaci Fonte: iStock photo

Gli spinaci sono verdure molto consumate, in quanto molto versatili, sono buoni da gustare sia cotti al vapore, anche per farcire ravioli. Inoltre hanno molte proprietà benefiche per la nostra salute aiutano la digestione e non solo un’ottima fonte di vitamine e di sali minerali.

Gli spinaci derivano dalla famiglia delle Chenopodiaceae, una pianta che è arrivata in Europa verso l’anno 1000, ma non è stata mai presa in considerazione. Secondo fonti, è una pianta originaria della Persia, che fu portata in Italia, precisamente in Sicilia dagli arabi. Poi raggiunsero la Spagna, che è stata uno dei Paesi in cui riscossero un notevole successo.

Scopriamo le proprietà benefiche e le possibili controindicazioni di questa verdura.

Spinaci: caratteristiche

Fonte: iStock photo

E’ importante per garantire un prodotto cotto di buona qualità, acquistare spinaci che non abbiano foglie gialle o avvizzite, non deve esserci troppa terra, perchè renderebbe la pulizia più difficile.

Una volta cotti  si possono conservare comunque in frigo per un massimo di 3 giorni. Le varietà di spinaci esistenti sono:

  • Gigante d’Inverno
  • Matador
  • Merlo nero
  • Riccio di Castelnuovo
  • Virofly

Le varietà si raccolgono in periodi diversi dell’anno, ma c’è una varietà poco conosciuta, che è quella degli spinaci rossi, originari dell’America del sud, che è molto ricca in calcio e vitamina B13.

Ma questi spinaci non si trovano facilmente in commercio, sono foglie croccanti e asprognole che perdono sapore in cottura.

 

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Proprietà benefiche

Equilibrio intestinale Fonte: iStock photo

C’è da sfatare un mito, che gli spinaci sono verdure antianemici, è pur vero che contengono ferro, ma non abbastanza a far fronte ad un problema come l’anemia. Ad esempio i legumi ne contengono di più.

Ecco tutte le proprietà benefiche degli spinaci:

  • facilitano la digestione
  • aiutano in caso di dispepsia: è una alterazione delle funzioni digestive a livello dello stomaco che si manifesta prevalentemente come dolore e bruciore soprattutto dopo i pasti;
  • equilibrano l’intestino: essendo ricchi in fibre;
  • rafforzano il sistema immunitario: grazie alla presenza della vitamina C;
  • proteggono la vista: soprattutto dalla degenerazione maculare, dalla cataratta e dai danni del sole, perchè gli spinaci sono ricchi in vitamina A;
  • fanno bene alle ossa e al sistema nervoso: grazie alla presenza della vitamina;
  • benefici durante l’allattamento: gli spinaci possono essere mangiati durante l’allattamento perché non alterano il sapore del latte. Grazie al contenuto di acido folico aiuta a regolare l’attività degli ormoni e a rinforzare il sistema immunitario;
  • proteggono la pelle: grazie alla vitamina A e ai sali minerali, gli spinaci aiutano a lenire il prurito e l’irritazione della pelle anche in caso di acne;
  • prevengono i tumori: gli spinaci aiutano anche a prevenire il cancro grazie al contenuto di flavonoidi e carotenoidi considerati ottimi preventivi del tumore al seno;
  • utili per chi fa sport: è consigliato mangiarli dopo l’attività sportiva perchè contengono gli aminoacidi utili ad aumentare la massa magra e la resistenza muscolare. Inoltre contiene il nitrato che aiuta a rendere più forti i muscoli.

Cosa contengono?

 

 

Sali minerali (iStock Photos)

Gli spinaci contengono:

  • vitamine A, B13, B2, B3, B5, B6, C, B9, K, E, J;
  • sali minerali: come fosforo, ferro, calcio, selenio, sodio, potassio, magnesio e rame;
  • fibre
  • proteine
  • acqua
  • carboidrati
  • flavonoidi: come anferolo, luteina e quercetina;
  • amminoacidi: acido aspartico, acido glutammico, leucina, alanina, arginina, serina, cistina, glicina, fenilalanina, istidina, isoleucina, lisina, prolina, metionina, tirosina, triptofano, valina e treonina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Sali minerali: quali sono? A cosa servono? Scopriamo

Come consumarli

Spinaci bolliti Fonte: iStock photo
Gli spinaci vengono utilizzati in cucina da diversi secoli ormai, fin dal 1500, ma venivano utilizzati a scopi terapeutici per curare stomaco e fegato.

Se si vogliono apportare i benefici degli spinaci si dovrebbero assumere circa 100 grammi al giorno, inoltre è la quantità ideale per combattere il diabete e i gonfiori addominali.

Le persone che hanno la pancia gonfia, li possono consumare cotti al vapore e conditi con un filo di olio extravergine di oliva.

Sono delle verdure molto versatili, si possono cucinare in diversi modi:

  • bolliti
  • saltati in padella

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Insalata rinforzata di spinaci, piatto unico e gustoso per l’autunno

 

Inoltre potete preparare diversi piatti, ecco alcuni che vi suggeriamo:

  • riso scaldato con gli spinaci lessi, magari con un filo di olio extravergine e un pò di succo di limone;
  • cannelloni ripieni con spinaci e tofu;
  • ripieni di pizze con spinaci e formaggio;
  • la frittata con gli spinaci e formaggio.
  • le foglie più tenere si possono mangiare anche crude, condite con limone o un filo di olio extravergine d’oliva, le potete mettere in un’insalata mista con pomodori, mais rucola e olive.

Controindicazioni

gravidanza Gravidanza (Fonte: Istock)

Gli spinaci non sono consigliati a tutti, le persone che soffrono di osteoporosi o di calcoli renali, non è consigliabile in grandi quantità in quanto contengono acido ossalico. Questo favorisce l’accumulo di “sassolini” nei reni, inoltre va a rallentare la guarigione da fratture ossee.  Quindi in questi casi è importante assumerle con moderazione, chiedete al vostro medico.

Inoltre contengono quantità elevate vitamina K1, quindi le persone che assumono anticoagulanti, devono tenere d’occhio il dosaggio della vitamina K, è preferibile chiedere consiglio al medico.

Sono controindicati in caso di colite a per il loro effetto lassativo, in quanto potrebbe irritare l’intestino provocando dolore e gonfiore. Le persone intolleranti al nichel devono fare attenzione perché è contenuto negli spinaci. In caso di gravidanza è meglio consumarli cotti perché quelli crudi non proteggono l’organismo dalla toxoplasmosi. Infine gli spinaci sono controindicati anche per chi soffre di malattie epatiche o altre patologie del fegato.

 

 

Cannelloni ripieni