Greta Thunberg rifiuta il Nordic Council Enviromental Award: “Servono fatti, non premi”

Greta Thunberg rifiuta il premio per l’ambiente, l’ennesimo che ha ricevuto, e spiega il motivo su Instagram. “Servono più fatti concreti e meno pomposità”.

Foto da Instagram @gretathunberg

Dalle parole ai fatti, Greta Thunberg non le manda a dire nemmeno stavolta in tema di ambiente. E lo fa su Instagram con un post provocatorio, per invitare i governi ancora una volta a riflettere sull’annosa questione ambientale che coinvolge il nostro mondo contemporaneo: “Ho ricevuto il Nordic Council environmental award 2019 e ho deciso di non ritirare questo premio. Sono in California e non posso essere alla cerimonia. Lo considero un grande onore, ma il movimento contro il cambiamento climatico non ha bisogno di ulteriori premi. Quello di cui abbiamo bisogno è che i nostri politici ascoltino gli scienziati”, sottolinea l’attivista.

La sedicenne che con la sua tenacia è divenuta un simbolo non solo dell’ecologia, poi, prosegue: “Le belle parole non mancano, ma è tutta un’altra storia quando andiamo a vedere le emissioni dei nostri paesi e il nostro impatto ecologico personale includendo voli aerei e navi. Il divario fra quello che gli scienziati dicono serva per limitare l’aumento delle temperature e quello che i governi, anche nei paesi nordici è enorme. E non c’è segno di cambiamento”, rimarca la giovane.

Greta Thunberg scuote le autorità sulla questione ambientale: “Bisogna fare di più”

Greta Thunberg (Fonte: Getty Images)

Ormai da tempo Greta ha influenzato positivamente una generazione con il suo estro e la determinazione che solo quell’età  florida e giovane possiede, si propone il fine di provare a cambiare le cose per lasciare un mondo migliore rispetto a come l’ha trovato: “Apparteniamo alle nazioni che hanno la possibilità di fare di più, ma ci sono paesi che ancora non stanno facendo niente. Quindi fino a quando queste nazioni non cominceranno ad agire secondo le indicazioni degli scienziati per limitare l’aumento delle temperature fra 1,5 e 2 gradi centigradi io e Fridays For Future Svezia non accetteremo il Nordic Councils environmental award e nemmeno le 500mila corone svedesi di premio”, ha concluso.

Una presa di posizione netta volta ad alimentare ancor di più il dibattito sul tema, ce la sta mettendo tutta Greta per imporre la sua posizione in favore di una cultura ambientale più consapevole. Lo si evince dal seguito che, man mano, sta ottenendo: sempre più ragazzi provano a seguire il suo esempio, ma anche tanti adulti, come l’attrice Jane Fonda che non si è mai risparmiata nella lotta in favore del clima e del pianeta. La “generazione Greta”, la chiamano: quella pletora di persone, ancora in espansione, che alle rimostranze preferisce le dimostrazioni concrete rivendicandolo con orgoglio, per non chiudere gli occhi e piegare la testa dinnanzi a problemi e responsabilità.

Leggi anche –> “Gioventù bruciata”: ecco perché la ‘generazione Greta’ non piace a molti

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google news, per restare sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Da leggere