Home Salute e Benessere Menopausa: alimenti da assumere per combattere i disturbi

Menopausa: alimenti da assumere per combattere i disturbi

CONDIVIDI

Con la menopausa, si verificano diversi disturbi dalle vampate di calore ai dolori articolari. Scopriamo i cibi da assumere per contrastarli.

Menopausa e alimenti da assumere
iStock Photos

La menopausa è una evento fisiologico nella vita biologica di una donna che determina la fine del ciclo mestruale e quindi all’età fertile. L’età è variabile da donna a donna ma di solito si verifica tra i 45 e i 55 anni di età, la menopausa comporta dei veri e propri cambiamenti che talvolta causano fastidi o disagio nella vita di ogni giorno, dalle vampate di calore ai disturbi del sonno.

E’ stata indotta la Giornata Mondiale della Menopausa, che ricade il 18 ottobre dalla Società Internazionale della Menopausa (IMS) in collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Lo scopo è proprio quello di far conoscere meglio alle donne i cambiamenti che subisce il corpo durante questa fase, attraverso incontri e visite gratuite, anche la corretta alimentazione può aiutare ad affrontare meglio il tutto.

Scopriamo quali sono gli alimenti da assumere durante la menopausa per contrastare i disturbi più comuni.

 

Menopausa: alimenti da inserire nella dieta

Nella menopausa, la donna vive dei cambiamenti che scatenano una serie di sintomi fisici psicologici ed emotivi, ecco alcuni:

  • vampate di calore
  • sudorazione
  • palpitazioni
  • tachicardia
  • sbalzi di pressione
  • disturbi del sonno
  • irritabilità
  • difficoltà a concentrarsi,
  • disturbi della memoria

Il primo cambiamento che la donna vive in menopausa è la scomparsa del ciclo mestruale di conseguenza la fine del periodo fertile.

In questo periodo le ovaie non lavorano più  e quindi i livelli di estrogeno si abbassano e si scatenano tutti i sintomi sopra menzionati. Abbassandosi il livello di estrogeni si ha un impatto sul metabolismo, causando la riduzione di quello basale, ovvero del nostro consumo in condizioni di riposo. Inoltre, il calo di estrogeni predispone la donna a:

  • rischio di patologie cardiovascolari: come infarto e ictus
  • osteoarticolari

Esaminiamo gli alimenti da integrare nella dieta che ci autano a contrastare i sintomi.

Parmigiano

parmigiano Fonte: Istock
E’ un formaggio che apporta proteine e calcio e non solo anche iodio, selenio e magnesio. Il parmigiano e altri formaggi stagionati, come il Grana Padano o l’Emmenthal  è preferibile assumerli con moderazione.

Il calcio in menopausa è molto importante perchè favorisce la ritenzione idrica, basti pensare che una porzione di Parmigiano di circa 50 g, contiene 190 calorie, ed è un  buon compromesso per godere dei suoi benefici soprattutto perchè si abbassa la pressione arteriosa nei soggetti che soffrono di ipertensione. E’ consigliabile consumarlo almeno 2 volte alla settimana, prediligendo quelli a basso contenuto di grassi.

Soia

Latte di soia Fonte: Istock
La soia è una fonte ricca di isoflavoni, molto importanti per riequilibrare il calo tipico della menopausa. La soia contiene anche la lecitina, molto importante in quanto aiuta a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e mantiene il cuore in salute. La soia contiene minerali come:

  • potassio
  • calcio
  • fosforo

Anche i derivati della soia come il tofu, il miso e il tempeh sono alleati contro osteoporosi e la fragilità ossea.

Pesce azzurro

Fonte: iStock

Il pesce azzurro è consigliato consumarlo in questa fase in quanto apporta calorie e apporta una buona percentuale di acidi grassi omega 3. Questi sono grassi “buoni” che contribuiscono a mantenere bassi i livelli di colesterolo e dei trigliceridi nel sangue. Inoltre proteggono i vasi sanguigni e favoriscono una corretta funzionalità cardiovascolare.

Il pesce azzurro è un’ottima fonte di vitamina B12, che è fondamentale per mantenere nella norma i valori della omocisteina, un amminoacido che, se è presente in eccesso, può mettere a rischio la salute del cuore.

Ecco quali mangiare almeno 3 volte a settimana:

  • Aguglia
  • Alaccia
  • Alice o acciuga
  • Aringa
  • Ricciola
  • Sardina
  • Sgombro
  • Bianchetti

Fagioli

Fonte foto: Istock
I fagioli come la soia sono una fonte ricca di isoflavoni, fondamentali per l’ osteoporosi e le vampate. Inoltre sono ricchi in  fibre e carboidrati, quindi rilasciano in modo lento l’ energia favorendo il senso di sazietà senza far innalzare l’indice glicemico.

Quindi i fagioli sono importanti per contrastare l’aumento di peso che caratterizza la menopausa e le fibre agevolano il lavoro dell’intestino, riducono l’assorbimento dei grassi, abbassano il rischio che si accumulino nelle arterie, a beneficio della salute del cuore.

 

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

 

Leggi anche: