Home Curiosita Shabby Chic: il raffinato stile d’arredamento che conquista

Shabby Chic: il raffinato stile d’arredamento che conquista

CONDIVIDI

Vi siete mai chieste come creare uno stile fascinoso e di tendenza per rendere la vostra casa raffinata, luminosa e fuori dagli schemi? Semplice, optare per lo stile Shabby Chic!

La novità è che possiamo improvvisarci creatrici dello stile Shabby Chic, sperimentare la nostra manualità con un pizzico di fantasia e tanta creatività!

Etimologia del termine Shabby Chic: qualche accenno storico

Uno stile che si nasconde dietro ad un ossimoro, elegante trasandatezza, un accostamento di parole che esprimono significati nettamente differenti. Richiama un’atmosfera quasi malinconica, minuziosamente retrò, vintage, tutto appare perfettamente armonioso. Soffermiamoci sulla provenienza del termine per cercare di capirne meglio l’impiego. Lo stile si diffonde nei paesaggi bucolici inglesi, nelle caratteristiche case di campagna e negli ornamenti dell’epoca vittoriana. Il termine viene coniato negli anni Ottanta dalla rivista The World of Interiors. Successivamente il designer londinese Rachel Ashwell fondò una società omonima. Lo stile corre senza sosta e pervade l’Europa, dalla Provenza alla Grecia. Negli anni Novanta lo Shabby Chic può dirsi tendenza propagata e affermata.

Se vuoi restare sempre aggiornato sulla categoria curiosità, clicca qui! 

Scopriamo insieme la cifra distintiva di questo stile d’arredamento

Non particolarmente conosciuto, è una tecnica di pittura che prevede un vero e proprio invecchiamento dei mobili, dei suppellettili, stravolgendone completamente l’origine. Il risultato è sorprendente. La parvenza che riesce a regalare questo stile renderà la vostra casa un gioiello. L’arredo di partenza può appartenere alle epoche più disparate poiché, una volta applicata la tecnica, ciò che ne scaturirà sarà unico. La ciliegina sulla torta sarà senz’altro la vostra vena romantica, utile a completare l’ambiente. Le tonalità predilette sono per di più i colori pastello, i materiali affini sono spesso il vetro, il ferro battuto, il legno. I tessuti da abbinare in sintonia sono il lino, il cotone meglio se arricchiti da ricami, pizzo e merletti.

Un tocco fai-da-te

I mobili che meglio si prestano ad essere stravolti e tramutati nello stile Shabby Chic sono sicuramente quelli molto lavorati, ricchi di intarsi e ghirigori. Il colore da applicare per eccellenza è il bianco che dona luminosità agli spazi. Le tonalità sono pressoché chiare. La peculiarità imprescindibile è lasciar trasparire visibilmente la polverosità. Lo scopo sarà quello di donargli morbidezza e una gradevole sensazione di leggerezza. Abbiamo la preziosa possibilità di trasformare vecchia mobilia in qualcosa che va oltre la consuetudine. Possiamo quindi riciclare ottimizzando di gran lunga i costi. Acquistare ad esempio mobili dimenticati in quei posti curiosi ed affascinanti che sono i mercatini dell’usato.

Scopri tutti gli elementi irrinunciabili e indispensabili che per valorizzare il tuo stile Shabby Chic in Casa Shabby Chic, l’oggettistica che non può mancare

Lo stile Shabby Chic esalta senza dubbio l’attrattiva del passato, il riciclo degli oggetti, la voglia di cimentarsi nella realizzazione in chiave moderno di un qualcosa ormai datato e superato.

Di Denis Carito

Leggi anche: IDEE ARREDAMENTO: come creare l’effetto shabby chic su mobili e infissi?

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre a QUI ggiornato dalle nostre notizie SEGUICI