Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Dieta dell’uva: per perdere peso e depurarsi

Dieta dell’uva: per perdere peso e depurarsi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:34
CONDIVIDI

Scopri come perdere peso e depurarti con la dieta dell’uva.

uvaL’autunno è una stagione ricca di ortaggi e frutti che fanno bene alla salute e che in alcuni casi sono anche utili a chi ha deciso di intraprendere un regime alimentare più sano, magari con l’intento di perdere anche qualche chilo di troppo.
Gli amanti della frutta di stagione, sanno bene che l’autunno ha tra le tante bontà da offrire anche l’uva, perfetta sia come spezza fame che a fine pasto e, per chi non lo sapesse ancora, come aiuto per ritrovare la linea. Con poche calorie, ha frutta ha infatti tutta una serie di nutrienti che la rendono un vero toccasana, in grado di promuovere la depurazione e di far perdere peso. Scopriamo quindi come usarla all’interno dell’alimentazione di tutti i giorni per poter perdere peso.

Se vuoi restare sempre aggiornata su tutto ciò che riguarda la sana alimentazione e le strategie per perdere peso CLICCA QUI!

Uva: come mangiarla per perdere peso

Fonte Istock Photos

Sebbene l’uva sia un frutto sano e benefico, adatto ad essere mangiato anche tutti i giorni nel suo periodo di punta che è appunto l’autunno, se si sta seguendo una dieta e la si vuole mangiare solo per dimagrire, si può optare per un periodo che vada da due giorni (quando si intende più che altro depurare l’organismo) ad una settimana circa per perdere peso.
Volendo considerare una dieta della durata di sette giorni è bene ricordare, prima di tutto, che basta mangiare in modo bilanciato per ottenere degli ottimi risultati. Il cibo in se, infatti, non costituisce un problema per il dimagrimento e basta evitare zuccheri, grassi nocivi e cereali raffinati per iniziare ad ottenere i primi evidenti risultati.
Detto ciò, esistono ben tre diete dell’uva, alcune delle quale non bilanciate ed estremamente drastiche.

  • La prima dieta richiede infatti di consumare in tre giorni un quantitativo di uva crescente che vada dai 200 grammi ad un kg e che sia associata a pasti leggeri e modulati secondo una dieta dissociata.
  • La seconda prevede un’alimentazione normale dove inserire un pasto solo a base di uva al giorno.
  • La terza, che è la più “normale” prevede una dieta normale dove inserire 500 grammi di uva al giorno.

Si tratta di stili alimentari che non vanno bene per tutti e per i quali è sempre meglio chiedere il parere al proprio medico curante o, ancor meglio, farsi seguire da un nutrizionista.

Ma perché inserire l’uva nella propria alimentazione? Oltre ad essere ricca di vitamine e di fibre, l’uva è un ottimo drenante in grado di far eliminare le scorie che ci si porta dietro dall’estate. Fa inoltre bene all’organismo e dona nuova luce, oltre a proteggere dai raggi HUV, alla pelle ancora stanca dalla troppa esposizione al sole.
Sempre in tema di diete si può quindi scegliere di inserirla all’interno della giornata, associandola ad un’alimentazione di tipo bilanciato in modo da non aumentare i picchi di glicemia e da usare il suo sapore naturalmente dolce per evitare cali di zucchero che potrebbero portare a desiderare alimenti sicuramente meno sani. Quando al cosa mangiare, ecco l’esempio di una giornata tipo.

  • Colazione: Uno yogurt greco senza zucchero ed una coppetta con mezza mela e 150 grammi di uva
  • Spuntino: Un grappolo d’uva
  • Pranzo: Insalata di pollo condita con olio extra vergine d’oliva e macedonia di frutta con qualche chicco d’uva
  • Merenda: Un succo d’arancia ed un quadretto di formaggio
  • Cena: Un piatto a base di carne, pesce o proteine vegetali con contorno di verdure condite con olio extra vergine d’oliva. Per concludere un grappolo d’uva.

Durante il giorno è bene bere molta acqua mentre per quanto riguarda l’uva si può tranquillamente scegliere sia quella bianca che quella nera. Ciò che conta è mangiare in modo equilibrato, seguire uno stile di vita sano e comprensivo della giusta dose di attività fisica e non avere fretta. Per perdere peso non occorre, infatti, fare la fame ma seguire uno stile alimentare sano che non va inteso come dieta ma come modo di mangiare corretto, da seguire per tutta la vita e che comprenda, ovviamente, giorni liberi o piccoli sfizi da togliersi di tanto in tanto.

Fonte: donnamoderna.com

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche:
Dieta giapponese: i benefici per il fisico e la prevenzione
Funghi porcini: proprietà, benefici, controindicazioni e come usarli in cucina
Corbezzoli: cosa succede mangiandoli ogni giorno