Home Attualità Instagram, via i like: cosa cambia per gli influencer?

Instagram, via i like: cosa cambia per gli influencer?

CONDIVIDI

Sono stati “tolti i like” da Instagram. Cosa vuol dire questo e come funziona l’esperimento sociale del braccio destro di Mark Zuckerberg Adam Mosseri.

Via I like da Instagram, l’idea di Adam Mosseri (Getty Images)

Adam Mosseri, braccio destro di Mark Zuckerberg, ha lanciato l’esperimento: oscurare il numero di like su Instagram per far sì che risaltino più i contenuti che il pubblico che apprezza un determinato modo di usare il social. Perché? Per evitare – almeno in parte – la deriva dell’edonismo a cui stiamo assistendo.

Un tempo il piacere era una ricerca per sé stessi, che poteva anche far prevalere l’etica sull’estetica, dando adito al kitsch, senza avere l’ossessione della copertina e del successo: la celebrità poteva essere ambita, ma non era certamente una priorità.

Se vuoi rimanere aggiornato sulle principali notizie di attualità CLICCA QUI

Instagram, like spariti: i motivi alla base dell’esperimento sociale di Adam Mosseri

Via i like non solo in Italia: presto toccherà ad altri paesi (Getty Images)

Il mondo globalizzato e l’avvento dei social network l’hanno resa a portata di click, per cui più di qualcuno – oggi – potrebbe pensare che per avere successo basti la didascalia giusta accompagnata da scatti incredibili. È proprio questa distorsione, basata anche sui like di massa, che vuole essere arginata: così viene oscurato (pubblicamente) il numero di utenti che amano quel dato contenuto per dare risalto alla sostanza piuttosto che alla forma.

L’autore del post, su Instagram, può ancora avere quello che, in gergo tecnico, si chiama il “sentiment” del suo pubblico? Sì, infatti, per avere un’idea più chiara di quanti seguaci hanno visto e giudicato (con un cuoricino) quella determinata fotografia che immortalava un dato momento, ciascun utente potrà cliccare sotto lo scatto – su ‘altre persone’ – e gli si aprirà un menù a tendina che indicherà (solo e soltanto a lui) il numero di cuori e, dunque, di apprezzamenti da parte della piazza telematica.

È la morte degli influencer? Parzialmente, poiché loro non sono altro che la versione aggiornata, riveduta e corretta dei testimonial televisivi: hanno bisogno di audience per veicolare un determinato prodotto – e sanno come ottenerlo – senza però l’aggiunta di quella boria (che vige attualmente) all’aumentare dei click su un dato post sotto i loro occhi e quelli degli altri: la fama non si misura con i like, ma con gli obiettivi raggiunti. A qualsiasi livello. Dunque, la nuova frontiera degli imprenditori digitali sarà la ricerca della normalizzazione, a favore dell’etica sociale e delle pari opportunità. L’esperimento di Mosseri è arrivato in Italia e presto raggiungerà le piattaforme Instagram di altri cinque paesi: dall’Irlanda al Brasile, passando per il Canada. È l’inizio di una riqualificazione e messa a punto definitiva, che parte da un click per arrivare al profondo delle coscienze scuotendo l’interesse e le riflessioni non solo dei più giovani.

Leggi anche –> Il racconto choc su Instagram di Lorella Boccia e Nicolò Presta – VIDEO

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google news, per restare sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI