Home Salute e Benessere Stephen Hawking, il bellissimo messaggio per affrontare la sofferenza

Stephen Hawking, il bellissimo messaggio per affrontare la sofferenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:51
CONDIVIDI

Stephen Hawking In una testimonianza stimolante e saggia, trasmette un bellissimo messaggio a tutti coloro che attraversano un momento difficile o soffrono di depressione

morto Stephen HawkingStephen Hawking è considerato una delle menti più brillanti dai tempi di Einstein. Vero genio e più di un semplice fisico, incarna il leggendario scienziato, esperto, combattivo e soprattutto umanista. Dopo aver scoperto che soffriva di una malattia degenerativa all’età di 22 anni, Stephen Hawking pensava di avere solo 2 anni ancora da vivere. 50 anni dopo la sua diagnosi, la sua morte lascia nel mondo un grande dolore per la perdita di una figura emblematica della scena scientifica.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Psiche & Motivazione personale  CLICCA QUI

Depressione: sintomi e cause

 ansia e depressione (Istock Photos)

Capita a tutti noi di sentirci a volte tristi, sopraffatti o ansiosi. È una reazione abbastanza normale ai capricci della vita. Tuttavia, quando questa tristezza si intensifica e dura nel tempo e questo sentimento è in particolare accompagnato da una perdita di interesse per le attività quotidiane, si parla di depressione.

Sebbene il termine possa essere spaventoso, la depressione è una condizione medica che richiede, a vari livelli, un trattamento e un follow-up come qualsiasi altra malattia. Se pensi di soffrirne, è essenziale consultare un medico che può fare una diagnosi in base ai seguenti sintomi:

  • Cattivo umore o sensazione di stanchezza per gran parte della giornata, soprattutto al mattino
  • Una costante sensazione di stanchezza e mancanza di energia anche quando non hai fatto alcuno sforzo durante il giorno
  • Sensazioni di inutilità e senso di colpa su base giornaliera
  • Incapacità di concentrazione, scarsa memoria e difficoltà nel prendere decisioni
  • Insonnia
  • Pensieri suicidi
  • Perdita o aumento di peso rapido

Sebbene questi sintomi siano relativamente comuni, bisogna tenere presente che non tutti i pazienti con depressione presentano gli stessi segni premonitori. La loro gravità, frequenza e durata possono anche variare da persona a persona.

Le cause più comuni di depressione

Ancora oggi, non sappiamo esattamente cosa causi la depressione, poiché numerosi fattori sono spesso correlati al suo sviluppo. Tuttavia, questa malattia probabilmente deriva da una combinazione di eventi recenti e / o parametri personali a più o meno lungo termine.

Eventi di vita negativi come inattività, stili di vita sedentari, relazioni tossiche, isolamento, solitudine a lungo termine o esposizione a stress prolungato sono tutti fattori che possono portare alla depressione. Inoltre, la depressione può verificarsi in persone con una storia familiare di depressione poichè c’è la possibilità di un rischio genetico. Anche se avere un genitore con depressione non significa che proverai automaticamente la stessa esperienza, anche la genetica gioca un ruolo nello sviluppo di questa malattia. Anche la bassa autostima, le malattie gravi, l’uso di droghe e alcolici possono contribuire all’insorgenza di questo disturbo.

Stephen Hawking: un messaggio di speranza

Deceduto il 14 marzo 2018 all’età di 76 anni, Stephen Hawking ha lasciato al mondo più che una semplice ricerca, ma lezioni di vita reale. Una vera icona culturale, questo famoso fisico è uno dei pochi che ha cercato di rendere il campo della cosmologia e lo studio dell’origine e dello sviluppo dell’universo accessibili a una comunità più ampia rispetto agli scienziati.

Grazie al suo libro A Brief History of Time nel 1988, Hawking ha stabilito un record mondiale di Guinness rimanendo nella lista dei bestseller del Sunday Times per quattro anni e mezzo. Spiegando i concetti di spazio-tempo, buchi neri e Big Bang, l’autore ha realizzato rapidamente la sua complessità per i non scienziati, motivo per cui ha deciso di pubblicare nel 2005 una versione meno complessa rispetto all’originale, questa volta intitolato: A Beautiful History of Time.

Oltre al suo geniale spirito, Stephen Hawking era soprattutto un essere umano con virtù e valori ammirevoli. Durante una conferenza sui buchi neri al College of Letters della University of Southern California, è stato in grado di spostare tutto il suo pubblico in parallelo con la vita reale. Pertanto, il fisico spiega che:

“Il messaggio di questa lezione è che i buchi neri non sono così scuri come vengono descritti. Queste non sono le prigioni eterne che una volta abbiamo pensato (…) Se hai l’impressione di essere in un buco nero, non mollare, c’è un’uscita. […] “Ricorda di guardare il cielo piuttosto che guardare in basso. Cerca di dare un senso a ciò che vedi e pensi al significato dell’universo. Sii curioso. Non importa quanto la vita sembri difficile, c’è sempre una soluzione e una strada verso il successo. “.

Parole ispiratrici che ci ricordano che anche nell’immensità dell’universo, dietro ogni ombra esiste una luce.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI