Home Salute e Benessere Fitness Fitness: l’importanza del riposo

Fitness: l’importanza del riposo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:53
CONDIVIDI

Scopri l’importanza dei giorni di riposo da dedicare ai muscoli in modo da rendere più efficaci gli sforzi fatti in palestra.

fitness Fonte: Istock

Quando si parla di fitness si pensa sempre alle attività da svolgere, al sudore, ai pesi da sollevare e alle sessioni di cardio da svolgere a casa, per strada (ad esempio con la corsa) o in palestra. Raramente, però, si pensa ad una fase altrettanto importante e troppo spesso sottovalutata, ovvero il riposo.
I più sportivi lo sanno bene: non esiste un buon allenamento senza la giusta dose di riposo. I muscoli, infatti, dopo ogni sessione di allenamento, hanno bisogno dei momenti di riposo (rest) per ricostruirsi e crescere nel modo corretto. Allo stesso tempo, con la giusta dose di riposo ci si garantisce un’attività fisica più sicura, priva di incidenti e con una resa sempre ottimale e non con alti e bassi dovuti ai momenti di affaticamento.
Ma scopriamo come andrebbe regolato il momento del riposo e come funziona esattamente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Fitness: come iniziare da zero

Se vuoi restare sempre aggiornata sul tutto ciò che riguarda il mondo del fitness e le strategie per restare in forma CLICCA QUI!

Fitness e riposo: come alternarti nel modo giusto, inserendo i momenti di riposo

fitness millennials Fonte: IStock photos

Quando ci si allena, è molto importante pensare anche ai momenti di riposo da concedere ai muscoli. In caso di allenamenti continui, infatti, si corre il rischio di arrivare al sovrallenamento, ovvero la fase in cui l’organismo tende al catabolismo, andando a compromettere i muscoli invece di farli crescere.
Dopo ogni allenamento, in genere, si avverte una tensione muscolare unita a dei dolori (doms) che sono anche il classico segno che si è lavorato bene sui muscoli. Questi dolori sono dovuti alle micro lacerazioni del tessuto muscolare che avrà bisogno di riposo (e della giusta alimentazione) per rigenerarsi, fortificandosi. Per ottenere ciò è indispensabile trovare anche dei momenti da dedicare al riposo. Questo può avvenire una volta a settimana o in caso di allenamenti intensivi, una decina di giorni ogni mese di allenamento. Cosa che vale in particolar modo per alcuni tipi di work out o per programmi di allenamento speciali che comprendono fino a 30 o 40 giorni di allenamenti continui. Ciò che conta è stabilire a priori dei momenti da dedicare al riposto e imparare a dormire per bene durante la notte. Con le giuste ore di riposo infatti (e per riposo, in questo caso, si intende il sonno profondo) si aiutano i muscoli a ricostruirsi e a crescere diventando più forti e resistenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Le attività sportive che aiutano a combattere l’ansia

Se ci si allena in palestra si può chiedere aiuto al proprio personal trainer, facendosi consigliare sulle pause da mettere in atto e sui giorni di riposo da dedicarsi. Nel caso in cui ci si allena da soli è invece opportuno studiare per bene la cosa in modo da non rischiare di entrare nella fase (già citata) di catabolismo. È infine opportuno ricordare che oltre al riposo totale, è importante far riposare i vari gruppi muscolari, allenandoli in giorni diversi e non tornando su quelli già messi sotto sforzo per almeno due o tre giorni. Seguendo queste regole basilari e mangiando in modo giusto si otterranno risultati importanti e raggiungibili in totale sicurezza.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche -> Mindful boxing: il giusto mix tra allenamento e meditazione
Leggi anche -> Yoga: dieci buoni motivi per iniziare subito a praticarlo
Leggi anche -> Pancia gonfia: come svolgere gli addominali nel modo corretto