Home Salute e Benessere Mangiarsi le unghie: ecco cosa rivela sulla tua personalità

Mangiarsi le unghie: ecco cosa rivela sulla tua personalità

CONDIVIDI

Mordersi le unghie è un gesto automatico e istintivo e anche molto diffuso, scopri cosa spinge a farlo e le conseguenze sulla salute

Gli esperti stimano che circa un terzo degli adulti abbia l’abitudine di rosicchiare le unghie in situazioni che generano stress. Se questo può essere dimostrativo di segni di ansia e aumento del nervosismo, sarebbe anche sinonimo di desiderio di perfezione, come spiega uno studio i cui risultati sono trasmessi dai nostri colleghi HuffPost.

L’oncofagia, che comporta il mordersi ripetutamente le unghie, colpisce molte persone. Si tratta di un disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e ripetitivo centrato sul corpo (scuotendo i capelli, grattandosi la testa …). Questi tic sono difficili da abbandonare e a volte possono avvelenare la vita delle persone quando sono esacerbati.

Secondo uno studio pubblicato da The Journal of Behavior Therapy e Experimental Psychiatry, gli scienziati pensano che questi problemi comportamentali mostrino la necessità di raggiungere il perfezionismo e la voglia di controllare il proprio ambiente.

Secondo il dott. Kieron O’Connor, professore di psichiatria e autore dello studio, ciò sarebbe spiegato dalla loro predisposizione all’impazienza e alla frustrazione quando i loro obiettivi non vengono raggiunti. Inoltre, le persone inclini a questo comportamento sarebbero più inclini a provare noia e stanchezza.

Un secondo studio mostra che le ripercussioni di questo atto riguardano non solo le persone colpite, ma anche quelle che le circondano e i loro parenti che possono vergognarsi del comportamento adottato dalla persona. Secondo gli scienziati, questi ultimi avrebbero maggiori probabilità di soffrire di stigmatizzazione e di essere attaccati e ridicolizzati, il che avrebbe un’alta probabilità di promuovere l’isolamento da qualsiasi attività sociale manuale (disegno, pittura, ceramica, ecc.). proprio per la paura della reazione degli altri.

Questo atteggiamento non solo trasmetterebbe un senso di eccitazione ma genererebbe anche altri sentimenti come frustrazione, impotenza, disperazione e ansia. In effetti, le persone che si mordono le unghie tendono a compensare la loro insoddisfazione per ciò che non controllano con questa mania. Un meccanismo descritto dal Dr. O’Connor come un meccanismo mal adattato per controllare le proprie emozioni.

Questi risultati hanno fatto luce su un comportamento che, come spiega il professor Rusinek, sarebbe uno dei disturbi psicologici più comuni ma il meno supportato in Europa. Inoltre, è difficile fare una chiara distinzione tra disturbo ossessivo compulsivo e dipendenza.

La domanda richiederebbe ulteriori ricerche su un campione più ampio di individui per raccogliere ulteriori informazioni sulla questione.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Onicofagia: conseguenze sulla salute

Mangiarsi le unghie: ecco cosa rivela sulla tua personalitàSe l’onicofagia occasionale non provoca gravi conseguenze, mordere ripetutamente le unghie è, tuttavia, un disturbo che può avere gravi ripercussioni come:

– Sensibilità e arrossamento delle unghie e delle cuticole

– sanguinamento e / o potenziale infezione della pelle che circonda le unghie

– Maggiore vulnerabilità a batteri e infezioni virali tramite contatto con la punta delle dita

– Un progressivo indebolimento dello smalto dei denti

– Rischio di denti mal regolati

– La proiezione di una brutta impressione che sia attraverso il triste stato delle unghie e delle dita o persino il gesto in sé che riflette una grande mancanza di fiducia in se stessi.

Onicofagia: come sbarazzarsene?

Descritto come un gesto anti-stress, la soluzione più naturale per porre rimedio a questo sembra essere collegata alla canalizzazione delle emozioni. Per il professor Rusek, ciò comporta essenzialmente l’ammissione e la consapevolezza di questa mania per agire di conseguenza. Gli esercizi di rilassamento e respirazione sarebbero essenziali per imparare a gestire meglio l’ansia che porta a mangiarsi le unghie.

Quando questo tic si innesca nei bambini, l’esperto insiste sul fatto che non dovremmo cadere nella trappola del rimprovero che potrebbe essere controproducente. Al contrario, sarebbe essenziale supervisionare e congratularsi con loro quando riescono a trattenersi.

In generale, ci sono alcuni suggerimenti per incoraggiare i tuoi sforzi, tra cui:

  • L’applicazione di uno smalto amaro sulle unghie
  • Unghie finte
  • Attività fisica per eliminare lo stress

Ti potrebbe interessare anche—->>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI