Home Maternità Tuo figlio è iperattivo? ecco come reagire per non perdere la calma

Tuo figlio è iperattivo? ecco come reagire per non perdere la calma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:44
CONDIVIDI

Sempre in forma, il bambino iperattivo ha difficoltà a tenere il passo e spesso mette alla prova la pazienza dei suoi genitori. Ecco come reagire senza esasperarsi per alcuni dei suoi comportamenti

Tuo figlio è iperattivo? ecco come reagire per non perdere la calmaUna volta posta la diagnosi di iperattività spesso arrivano per i genitori il sollievo, l’accompagnamento con specialisti e poi il lavoro di adattamento. Affinché il bambino cresca nel modo migliore, è necessario creare un ambiente e uno stile di vita adeguati. Ma a casa, di cosa ha bisogno?

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Bambini & Benessere  CLICCA QUI

Bambini iperattivi, aiutali così

La fase dei perché dei bambini (Istock Photos)

Dagli un ambiente di vita tranquillo

Il bambino iperattivo si sente colpito duramente da tutte le distrazioni che gli si presentano. Per evitare l’eccitazione eccessiva e aiutarlo a concentrarsi sulle attività quotidiane, dovremmo evitare la confusione, il disordine, i giocattoli rumorosi o la televisione ad alto volume.

I videogiochi devono essere eliminati? Per la dott.ssa Nathalie Franc, psichiatra infantile e autrice di L’iperattività nei bambini, 100 domande / risposte (Ellipses ed.), tutto dipende dal bambino e dalla sua capacità di gestire la frustrazione: “Questi giochi fanno parte del loro universo, e può essere utile affrontarli, dice. Ma se l’interruzione è troppo difficile, meglio eliminarli.

Metti ordine e orari nella sua vita

“La cameretta dovrebbe avere il minimo di distrazioni, completa la psichiatra infantile Stephanie Bioulac. È sufficiente un kit con alcune matite ed è meglio evitare poster o planisferi. ”

Questa logica si applica anche alla scuola, dove il bambino iperattivo dovrebbe essere lontano da finestre e amici che chiacchierano.

Tutto ciò aiuta il bambino, a condizione che si tenga conto delle sue specificità. Ci sono programmi specifici da seguire al risveglio, per dormire e mangiare.

Questi bambini hanno spesso un profilo di” tarda notte / alzata tardiva “, afferma il Dr. Bioulac. In questo caso, non forzarli ad andare a letto troppo presto, altrimenti le cose peggioreranno. “

Lo specialista consiglia di lasciare il bambino nella sua stanza un’ora prima del suo sonno naturale, ad esempio alle 20:30, con tutto il necessario per leggere o giocare dolcemente. Di metterlopoi a letto verso le 21:00 e di spegnere la luce alle 21:30. Questa regola può essere adattata all’adolescenza. Lo stesso vale per i pasti: è importante mantenere orari fissi.

A causa delle sue difficoltà di concentrazione, il tempo dei compiti durerà 1 ora anziché 15 minuti, per cui gni 10 o 20 minuti lo aiuterà fare una piccola pausa. Non c’è bisogno di costringere il bambino a stare seduto mentre impara la sua lezione: è troppo difficile per lui e anche controproducente. “Dobbiamo anche accettare che a volte non riesce a finire i compiti”, aggiunge il dott. Bioulac. Se succede spesso meglio organizzarsi chiedendo all’insegnante i compiti per tutta la settimana, in modo di avere tempo per frazionarli.

Spiega chiaramente le regole

Dimentica i suoi quaderni, corre su e giù per le scale, lascia trascinare le sue cose … tutti i comportamenti che infastidiscono, ma che il bambino riproduce costantemente senza farlo apposta. Anche se non porta subito frutti, è necessario ripetere le cose, con benevolenza, in un luogo calmo e mettendosi al suo apice.

Assicuratevi di spiegare una singola istruzione alla volta, preferendo formulazioni positive piuttosto che negative come “Non farlo”. Ditegli che comprendete la sua difficoltà.

L’uso di liste di controllo o ausili visivi per un bambino di età inferiore ai 10 anni può aiutarlo a svolgere le attività quotidiane. Si tratta di attaccare pittogrammi in luoghi chiave. Attirano la sua attenzione e gli ricordano comportamenti specifici da tenere, come chiudere il dentifricio con il tappo.

Ricompensalo piuttosto che punirlo

Rabbia e punizioni sono inefficaci e dannosi per il bambino la cui autostima è già indebolita. “È probabile che entri in una spirale di scoraggiamento”, afferma il Dr. Frank. Il modo migliore per aiutarlo a progredire è concentrarsi sugli aspetti positivi e ignorare i fallimenti.

“I bambini iperattivi hanno bisogno di congratulazioni anche più degli altri bambini”, afferma lo specialista.

Ha dimenticato di scrivere i compiti per il giorno successivo? Nessun problema, avvertiamo la scuola e troviamo un modo per evitare che siverifichi una prossima volta. D’altra parte, se si notano i compiti, ricordiamoci di congratularci, come nei momenti in cui è calmo. Premiare il buon comportamento rafforza la motivazione, la valorizza e gli consente di assimilare le regole.

Si raccomandano generalmente due sistemi: piccoli premi immediati, come leggere una storia o scegliere un dessert, e un grafico a punti cumulativo. Quest’ultimo offre l’opportunità di ottenere benefici per un periodo più lungo, come il fine settimana. Il bambino ha difficoltà a proiettarsi, questo lo aiuta a migliorare questa capacità. Tutte le regole della vita quotidiana possono dare origine a un guadagno graduale. Se una regola non viene accettata a lungo termine, non forzare la situazione.

“È difficile per i genitori, ma spesso ci sono molte regole che devono essere abbandonate per concentrarsi sull’essenziale”, afferma Nathalie Franc. Questo è il caso, ad esempio, dello zainetto che raccogliamo ogni sera nel corridoio. Il bambino non può essere soggetto agli stessi principi educativi degli altri. I punti essenziali che devono essere mantenuti sono la sicurezza e il rispetto.

Ti potrebbe interessare anche—->>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI