Home Attualità Rev Ocean: la nave anti-plastica più grande del mondo è italiana

Rev Ocean: la nave anti-plastica più grande del mondo è italiana

CONDIVIDI

La nave che solcherà gli oceani per combattere la plastica è italiana e sta per salpare.

rev ocean Rev Ocean: la nave anti-plastica è italiana – Fonte: revocean.org

Rev Ocean, lo yacht eco-friendly più grande del mondo, è stata fabbricata da Fincantieri (Cantieri Navali Italiani S.p.A), l’azienda italiana di costruzioni navali con sede in Trieste.
Essa è un vero e proprio laboratorio galleggiante dotato di tutte le attrezzature necessarie per effettuare spedizioni in tutto il mondo e Essa infatti si sta preparando a solcare gli oceani per combattere la plastica che li infesta.

Se vuoi essere informato su tutte le novità dall’Italia e dal mondo  CLICCA QUI

Cos’è la Rev Ocean

rev ocean italiana Fonte: revocean.org

La Rev Ocean è un laboratorio tecnologico dotato di molteplici tecnologie che gli permetteranno di recuperare la plastica dagli oceani e salvare così gli ecosistemi marini dall’inquinamento.

Lunga 183 metri, questa nave può rimanere in acqua 114 giorni in totale autonomia. Un sistema inceneritore ad alta tecnologia permette di eliminare la plastica, e senza produrre gas nocivi recupera il calore prodotto.
Inoltre i suoi motori sono in grado di navigare in elettrico durante le missioni di ricerca grazie alle batterie che la costituiscono. Infine, tutta l’illuminazione è a led per evitare il consumo di energia.
Per ulteriori dettagli è possibile visitare il sito web della nave.

La prima missione della nave anti-plastica sarà in Ghana

Grazie all’investimento del miliardario finlandese Kjell Inge Rokke, grande imprenditore dell’industria petrolifera, la Rev Ocean presto sarà pronta a partire per la sua prima missione, che sarà a Accra, in Ghana.
Ogni anno solo nella capitale del paese in questione, vengono prodotte 270.000 tonnellate di rifiuti di plastica.
“La metà dei rifiuti di plastica in Ghana finisce nelle discariche, ma l’altra metà finisce per strada, nella natura e sulle spiagge del paese”, racconta la CEO della Rev Ocean Nina Jensen.

Se la missione in Ghana andrà bene, la Rev Ocean continuerà con nuove missioni per il mondo, iniziando dai paesi che più soffrono per l’inquinamento della plastica.

Di: LUCIA SCHETTINO

Potrebbe interessarti anche >>>

Inquinamento nel mediterraneo: viviamo in un mare di plastica?

Roma: biglietti Atac in cambio di bottiglie di plastica

Riscaldamento globale: ecco cosa sta succedendo al nostro pianeta

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI