Home Attualità Doveva portarlo all’asilo poi la tragedia: e’ accaduto di nuovo

Doveva portarlo all’asilo poi la tragedia: e’ accaduto di nuovo

CONDIVIDI

E’ accaduto di nuovo. E’ una storia che non avremmo mai più voluto raccontare. E’ l’epilogo più triste che possa accadere ad un bambino.

Un piccolo di soli due anni è deceduto nella mattinata di giovedì 19 settembre 2019 a Catania dopo essere stato per oltre cinque ore nella vettura  del padre che si era dimenticato di lasciarlo come di consueto all’asilo.

E’ la storia di un 43enne dipendente amministrativo dell’università catanese. È stata la moglie a chiamarlo, dopo essere andata all’asilo per prelevare il piccolo, la l’epilogo è stato atroce, devastante.  Il padre del bimbo si è subito recato sul posto trovando il piccolo provo di sensi. Lo ha portato al Policlinico dove i medici ne hanno constatato la il decesso. Su questa ennesima ed assurda tragedia stanno indagando gli inquirenti.

Il decesso del piccolo, sarebbe stata provocato come accade sempre in questi casi, dal caldo soffocante all’interno dell’abitacolo parcheggiato per oltre cinque ore sotto il sole cocente in questo settembre caldo catanese.. Stamane a Catania le temperature hanno raggiunto i 35 gradi, mentre nel pomeriggio ha cominciato a piovere. Il padre del bimbo è indagato dalla Procura di Catania, come atto dovuto, per omicidio colposo.

 

Bimbo di 3 anni dimenticato sulla scuolabus, trovato morto 7 ore dopo

Una tragedia che riconduce con la mente a questa storia che vi abbiamo raccontato l’anno scorso.

Bimbo di 3 anni si addormenta sull’autobus. L’autista non si accorge che il bambino non è sceso. Sette  ore dopo lo ritrovano senza vita.

Il bimbo doveva essere lasciato alle 8 in punto nella sua scuola. Il suo corpo è stato scoperto alle 3 del pomeriggio. Nell’autobus c’erano circa 35 gradi quel giorno.

Dimenticato sull’autobus, muore a 3 anni

L’ autista dell’ autobus è sotto la custodia della polizia per omicidio colposo dopo la morte di un bambino di quasi tre anni su uno scuolabus avvenuta a Rivière Pilote, nel sud della Martinica, in Francia.

L’ennesimo caso, di una lunga serie, di bambini innocenti dimenticati in auto. Il corpo del piccolo Meddy, 2 anni e 10 mesi, è stato scoperto all’interno dello scuolabus, dall’autista, alle 15 quando ha preso l’autobus per riprendere i bimbi dalla scuola. Secondo i primi elementi raccolti sul posto, l‘uomo ha cercato di rianimare il bambino, senza successo. I primi test di alcol e droghe sul conducente, 40 anni, sono risultati negativi, “Non me ne sono accorto” ha detto l’uomo.

L’autista aveva fatto il suo giro di buon mattino e avrebbe dovuto lasciare il bimbo di fronte al suo asilo, come di consuetudine, nel quartiere di Josseaud. Sembra che Meddy si sia addormentato sull’autobus e che nessuno si sia reso conto che non è mai sceso quella mattina. Solo quando l’uomo riprese servizio fece la tragica scoperta.

Il pubblico ministero, René Gaudeul, si è recato sul posto. voglio capire come sia possibile che un bambino che doveva essere sceso lo stesso mattino poco prima delle 8 sia rimasto per un giorno intero all’interno di un autobus senza che nessuno se ne rendesse conto“.

Una unità psicologica è stata istituita questo mercoledì per sostenere gli studenti, i genitori e gli insegnanti della scuola Josseaud. L’inchiesta è affidata alla gendarmeria

 

Ti potrebbe interessare anche—>>>Orrore in sala parto: ginecologa decapita bimbo tirandolo troppo