Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Verdura e frutta secca: perché mangiate assieme fanno dimagrire

Verdura e frutta secca: perché mangiate assieme fanno dimagrire

CONDIVIDI

Consumare abbinati verdura e frutta secca può rivelarsi una soluzione vincente per chi punta a perdere i chili di troppo.

Si chiama dieta nutritariana ed è stata ideata dal dottor Joel Fuhrman, personaggio noto della tv e della radio americana, nonché autore di alcuni libri dedicati all’alimentazione  come Eat to Live.

L’elemento principale e più amato di questo regime alimentare è che non prevede il calcolo delle calorie e neppure un menù fisso settimanale.

Per avere una risposta alle curiosità del quotidiano cliccate qui 

La promessa – Seguendo con attenzione le poche e semplici regole dettate dal programma di Fuhrman si possono perdere fino a 10 kg in 20 giorni. Chi invece non vuole impegnarsi in maniera troppo seria in una dieta può adottare la variante B della durante di 6 settimane ma più flessibile.

Dieta nutritariana: perché privilegiare verdure e frutta secca

iStock

Andiamo quindi ad analizzare gli aspetti fondamentali di questo regime dietetico.

Il primo punto da rispettare è il consumo quotidiano dell’insalata mista da adottare come piatto principale e non ridotta a contorno. In secondo luogo non bisogna dimenticare di mangiare la verdura crucifera, così come gli ortaggi colorati come i peperoni e i pomodori. Ok anche le verdure a foglia verde, le cipolle e i funghi in padella.

Il must – Più di tutti però la dieta nutritariana privilegia l’assunzione dei legumi che in teoria andrebbero portati in tavola tutti i giorni in quanto fonte fondamentale di proteine, ma pure di amidi.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Dieta Guido Kroemer: perché ridurre le calorie fa vivere più a lungo

Da prepararsi quotidianamente anche le verdure stufate. In questo caso, però, come per la verdura fresca bisognerebbe affiancarle a della frutta secca e dei semi oleosi.  Questo perché secondo lo studioso la loro unione consente di assimilare meglio i micronutrienti presenti negli ortaggi.

Capitolo frutta fresca – Secondo lo schema proposto dallo studioso di New York occorre consumare almeno 3 frutti freschi al dì. Se possibile è bene preferire il melograno e i frutti di bosco. Per quanto concerne i condimenti andrebbero utilizzati l’hummus di ceci e la salsa di pomodoro.

Anche la carne è concessa – Chi vuole la può mangiare tutti i giorni, ma attenzione alle quantità. Per le donne sono consentiti 40 g, mentre per gli uomini 70.

Come sempre prima di intraprendere la dieta nutritariana è importante consultare il proprio medico curante o nutrizionista.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI