Home Attualità I Boomdabash trionfano all’Arena di Verona: a loro il premio “miglior tormentone”

I Boomdabash trionfano all’Arena di Verona: a loro il premio “miglior tormentone”

CONDIVIDI

“Mambo Salentino” dei Boomdabash è il vincitore dei Power Hits 2019, organizzati da Rtl 102.5 all’Arena di Verona, il brano della band salentina con Alessandra Amoroso è il re dei tormentoni estivi.

I Boomdabash sul palco dell’Ariston a Sanremo 2018 (Getty Images)

L’estate volge al termine e, anche quest’anno c’è spazio per decretare vincitori e vinti. Stiamo parlando dei tormentoni estivi: quei motivetti che ci siamo ritrovati a cantare distrattamente al mare o in piscina, tra un Mojito (bevanda inflazionata di questi tempi) e una granita. Con la bella stagione, di fatto, non perde mai nessuno, ma c’è sempre quella canzone che rimane più impressa di altre.

Se vuoi rimanere aggiornato sulle principali notizie di attualità CLICCA QUI

Il sentore di quest’anno era che, data l’abbondanza di papabili tormentoni, non fosse soltanto uno il brano a trionfare. Invece il palco dell’Arena di Verona, che ha ospitato i Power Hits 2019 di Rtl 102.5 – la radio da otto milioni di ascoltatori al giorno, che, grazie al suo patron Lorenzo Suraci, ha ripreso in mano la stessa formula del compianto “Festivalbar”, come fosse una vera eredità –, ha decretato il vincitore: “Mambo Salentino”, dei Boomdabash.

La band salentina ha dato vita a questo brano insieme alla conterranea Alessandra Amoroso, che dopo i fitti impegni estivi ha dichiarato di volersi prendere una pausa dalla musica, convita di incontrare il favore del pubblico. E così è stato, al netto dei detrattori, ma quelli ci sono sempre e continueranno ad esserci per ogni artista: del resto, i gusti – anche quelli musicali – sono soggettivi.

Boomdabash: “Siamo felicissimi che il Salento trionfi ancora grazie a noi”

Alessandra Amoroso all’Auditorium Conciliazione di Roma (Getty Images)

L’oggettività di questo successo, tuttavia, è palpabile: “Siamo felicissimi, per il secondo anno il Salento ha trionfato. Quest’anno con la “principessa del quartiere”, ha commentato la band riferendosi alla Amoroso che non esita a sottolineare: “Non è la prima volta che mi trovo a collaborare con loro, era già successo nel 2015 con ‘A tre passi da te’. Anche stavolta mi hanno inviato il brano e, dopo averlo sentito, ho detto sì immediatamente”.

Onore al merito anche agli altri artisti che si sono battuti per il titolo di tormentone dell’estate: l’Arena di Verona è stata una vera e propria passerella di artisti: da Coez a Salmo, passando per Fibra, J-Ax e Rovazzi, fino a Loredana Bertè che si è letteralmente reinventata sfornando canzoni intramontabili sotto l’ombrellone.

Un bilancio di questi Power Hits spetta, senz’altro a Suraci, ideatore della manifestazione: Questo evento significa riportare l’Arena a quello che è sempre stata naturalmente. Ora li chiamiamo tormentoni, ma la musica dell’estate è sempre stata importante. Quest’anno è bello avere qui proprio due vincitori del Festivalbar, nonché due grandi nomi: Ligabue e Eros Ramazzotti, nel 2002 e 2006 il primo, nel 1996 e 2003 il secondo”, ha concluso il patron di Rtl 102.5. Appuntamento al prossimo anno, dunque, per il prossimo tormentone fra una gita in barca e un tranquillo weekend sulle spiagge italiane, un pezzo di cuore resterà sempre all’Arena di Verona.

Leggi anche –> “Thegiornalisti, cronaca di un successo: dall’inferno al ‘Paradiso’ musicale”

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google news, per restare sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI